Gli Stati con QI alto e pirateria bassa

I pirati sono tali perché sono poco intelligenti, sostiene uno studio.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 25-06-2016]

pirateria

Negli anni, i pirati si sono sentiti rivolgere ogni tipo di apprezzamento: da "ladri e criminali" a "nazisti che andrebbero condannati ai lavori forzati".

Nessuno però aveva finora sostenuto apertamente che fossero meno intelligenti degli altri.

Lo fa ora una ricerca pubblicata in collaborazione con la Business Software Alliance e intitolata "Intelligence and Crime: A novel evidence for software piracy", ossia "Intelligenza e Crimine: Un'insolita prova per la pirateria del software".

I ricercatori hanno indagato il collegamento tra il quoziente intellettivo medio in 102 nazioni e la diffusione della pirateria in quegli stessi Paesi, scoprendo che le nazioni con un QI più alto sono anche quelle in cui i pirati sono meno attivi.

«Abbiamo scoperto che l'intelligenza ha statisticamente un impatto negativo sui tassi di pirateria» scrivono i ricercatori. Più alta è l'intelligenza, più basso è il tasso di pirateria, e viceversa. Sembra quindi di poter concludere che i pirati siano - secondo la ricerca - più stupidi di quanti comprano il software.

Come mostra il grafico che riportiamo più sotto, ci sono anche le eccezioni: per esempio, in Cina il QI è elevato, e così pure la pirateria; in Sud Africa il QI è più basso, e così pure il tasso di pirateria.

Sondaggio
Quali sono i principali ostacoli che ti frenano nell'acquisto di prodotti per una smart home?
Non ne capisco molto di prodotti per la domotica.
Semplicemente non sono interessato a comprare prodotti per la domotica.
Non vedo molti benefici dai prodotti per la domotica.
I prodotti per la domotica sono troppo costosi.
Non ho mai visto un prodotto per la domotica in negozio.
Non ho mai visto un prodotto per la domotica online.

Mostra i risultati (1100 voti)
Leggi i commenti (17)

Si tratta però, per l'appunto, di eccezioni: l'andamento generale è quello descritto. Il che non significa che in certe nazioni la pirateria non sia sradicabile, dato che l'intelligenza è quella che è.

I ricercatori infatti suggeriscono che «se l'élite al governo impone leggi che fanno diminuire la pirateria del software, l'intelligenza fornisce un supporto credibile al grado di consenso a tali leggi».

Insomma: è sufficiente che siano intelligenti le «élite» che comandano, e la pirateria può essere eliminata per legge; certo è però molto più facile che la popolazione accetti queste leggi se è anch'essa dotata di intelligenza.

pirateria qi

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Come si diventa pirati audiovisivi? Seguendo il calcio
BSA ricompensa dipendenti che denunciano pirateria in ufficio
IFPI: Non chiamateli pirati
Gene Simmons: ''Pirati nei campi di lavoro come i nazisti''

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)

@neko13 Francamente non credo proprio che un pirata e ancora meno un ladro si ponga il problema del danno sociale o della perdita di lavoro o di qualsiasi altro tipo di danno procurato alla parte lesa dal furto e questo a prescindere dal suo QI. Sono invece maggiormente d'accordo sulle considerazioni che fai in merito ai giapponesi ed... Leggi tutto
28-6-2016 19:00

Un po centra l'intelligenza Un pirata non pensa che altri perdono il lavoro, oppure che si fa un danno sociale a rubare. Ma stupidi lo sono tutti i ladri. Comunque vedendo il grafico, entra in gioco soprattutto l'educazione. In Giappone rubare e' una vergogna sociale (anche li ci sono i ladri, ma meno e se vengono scoperti si umiliano... Leggi tutto
27-6-2016 14:24

gli intelligentoni che hanno fatto lo studio hanno indicato ogni stato con un punto, quindi per loro, cina e india valgono quanto lietchenstein e principato di monaco :D
27-6-2016 14:06

Immagino che il prossimo sondaggio scoprirÓ che Cesare Lombroso aveva visto giusto, i pirati sono brutti e deformi...
27-6-2016 13:50

{Ocimin}
Certamente chi ha commisionato questo studio è molto intelligente. Invece di indirizzare l'attenzione verso il concetto stesso di pirateria, lo ha propinato come scontato ed ha quindi indirizzato l'attenzione verso questa bella teoria, suffragata da prove divertenti e ovviamente inoppugnabili. Sono dei markettari puri,... Leggi tutto
25-6-2016 17:51

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Se Internet potesse migliorare la tua vita, che cosa vorresti?
Conoscere amici e comunicare
Risparmiare sugli acquisti
Innamorarti
Guadagnare tanti soldi
Imparare (lingue, culture, cucinare, suonare, ecc.)
Lavorare di meno
Altro

Mostra i risultati (3407 voti)
Dicembre 2021
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 3 dicembre


web metrics