Se il Wi-Fi diventa il nemico del popolo

Da obbligo a tabù: la parabola discendente del Wi-Fi pubblico in Italia.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-07-2016]

wifi libero ripensamenti

Prima ci sono voluti anni perché in Italia si riuscisse a superare i limiti della legislazione anti-terrorismo, che impedivano procedure semplificate per la diffusione del Wi-Fi pubblico.

Alla fine era persino diventato motivo di vanto avere vaste aree urbane, al centro come nelle periferie, coperte da Wi-Fi pubblico.

Anzi, s'era iniziato a chiedere a centri commerciali, banche, uffici postale e uffici pubblici, alberghi, ristoranti, università, perfino cimiteri di realizzare collegamenti in Wi-Fi con cui affiancare quello comunale in piazze, strade e parchi pubblici.

Adesso però, in pochi mesi abbiamo assistito a un completo ribaltamento delle posizioni all'interno del dibattito pubblico.

I primi a far sentire la propria voce sono stati i comitati di genitori e presidi, che hanno cominciato a spegnere il Wi-Fi all'interno degli edifici scolatici per evitare la proliferazione di onde elettromagnetiche che sarebbero potute essere nocive per i giovani studenti ma anche per evitare studenti "sempre online", distratti e indisciplinati.

Sondaggio
Quanto sei disposto a pagare per l'acquisto di prodotti per la ''casa intelligente'' nei prossimi 12 mesi?
Fino a 150 euro
Fino a 250 euro
Fino a 500 euro
Fino a 1000 euro
Oltre 1000 euro
Non sono sicuro

Mostra i risultati (896 voti)
Leggi i commenti (7)

Ora si aggiungono anche le Amministrazioni Comunali che in molti casi stanno decidendo di limitare proprio quel Wi-Fi in cui avevano investite parecchie risorse.

Una di queste è la neoeletta amministrazione di Torino, guidata dalla sindaca 5 Stelle Chiara Appendino. Sensibile alle posizioni di molti esponenti dei vari comitati anti-ripetitori presenti nel suo movimento politico di appartenenza, ha intrapreso una strada contraria alla diffusione del Wi-Fi pubblico.

Anche l'amministrazione comunale di Pordenone (centrodestra, stavolta) ha deciso di limitare il Wi-Fi nelle aree pubbliche perchè sarebbero troppi gli immigrati e i profughi perchè con i loro smartphone si concentrano in alcuni punti coperti dal Wi-Fi comunale: ciò crea dei "bivacchi" inaccettabili, secondo questi amministratori.

In pochi mesi, dunque, quello che sembrava un punto acquisito di sviluppo e di socialità è diventato un tabù o, comunque, sta diventando oggetto di ripensamenti politici.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
Decreto del Fare, il Wi-Fi è finalmente libero

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 15)

Wifi? Si con moderazione. Come del resto la moderazione,( parola che in questi periodi sembra moooolto obsolteta e non piu' di moda un po' in tutti gli ambiti , dalla politica alla conversazione tra " persone civili " , ecc. ecc. ) dovrebbe essere la regola per tante cose che nuociono alla salute come il fumo, il bere alcoolici... Leggi tutto
2-8-2016 16:04

Sono sempre più tristemente convinto che un popolo (o un comune , o una provincia ecc.) ha il governo che si merita, evidentemente i torinesi si sono meritati grillini e grullini. Il dramma e che al prossimo giro tutti gli itagliani si meriteranno grillini e grullini. :cry: Del resto è sempre più facile e meno faticoso tenere il... Leggi tutto
28-7-2016 19:20

A giudicare da certi commenti amish verrebbe da convincersi che sia auspicabile tornare alla trazione animale per evitare l'inquinamento derivante dalle auto. D'altra parte la cacca di cavallo è totalmente ecologica, e la si può anche raccogliere per strada con un secchiello per concimarci l'orticello.
28-7-2016 00:28

Troppa bibliografia a supporto dell'affermazione :? I difensori della salute pubblica ci metteranno allora a disposizione dei praticissimi punti di accesso a fibra ottica da collegare a telefono, tablet e portatili in giro per la città. Leggi tutto
27-7-2016 20:16

{marco}
è documentatissimo che il Wi-Fi fa male e ormai si parla di portare ovunque la fibra ottica fiber-tot-the-home..con la tecnica della minitrincea i costi sono ridotti al minimo anche per i piccoli centri
27-7-2016 10:35

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Numerosi utenti lamentano disservizi con i coupon-sconto. Quale di questi inconvenienti giudichi più grave?
La difficoltà nell'ottenere i rimborsi (o l'avere come rimborso un altro coupon anziché i soldi).
Non avere un livello adeguato di assistenza al cliente.
L'impossibilità di prenotare un servizio nonostante si sia acquistato il voucher (a causa di scarsa disponibilità da parte di chi eroga quel servizio).
Il trattamento diverso, da parte di chi eroga il servizio, nei confronti di chi paga con un coupon rispetto agli altri clienti.
Il ritardo nella consegna dei prodotti.
La non corrispondenza dell’acquisto effettivo con l’offerta iniziale.
La mancanza di modalità specifiche per i reclami.
Il fatto che l'esercizio per il quale si è acquistato il voucher ha chiuso o il servizio non è più attivo.
La mancata emissione della ricevuta fiscale da parte dei portali.
Non ho mai riscontrato alcuno di questi inconvenienti.

Mostra i risultati (1107 voti)
Giugno 2021
Windows 11, i primi screenshot sfuggono in Rete
Tutti gli indizi che puntano a Windows 11
Gli hard disk al grafene sono 10 volte più capienti
Microsoft nasconde la fotocamera sotto lo schermo che forma il logo di Windows
Il nuovo Windows 10 si svela a fine mese
Nuova tecnica contro il ransomware: ingannare il sistema di pagamento
Maggio 2021
Malvivente condannato grazie a una foto delle dita pubblicata online
Annunciata la prossima generazione di Windows
Guidi male? Forse è un primo segno di demenza
Scarsità di chip, televisori più cari del 30%
Arriva Android 12, più veloce, più personalizzabile e più attento alla privacy
Nella Tesla schiantatasi con “nessuno” al volante c’era qualcuno al volante
WhatsApp, funzionalità ridotte se non si vogliono regalare i dati a Facebook
La scorciatoia da tastiera che scongela il Pc
Bye bye, Emotet
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 16 giugno


web metrics