Rubare le credenziali di accesso a un PC in 20 secondi

A computer bloccato, basta inserire una chiavetta e il gioco è fatto.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-09-2016]

credenziali pc 20 secondi

Quanto ci vuole a rubare le credenziali di accesso a un PC o a un Mac? Non più di 20 secondi, grazie al software giusto e a un dispositivo che costa meno di 50 euro.

A dimostrare come ciò sia possibile ha pensato Rob Fuller, ingegnere di R5 Industries, il quale ha scoperto che il suo sistema funziona praticamente sempre con Windows ed è affidabile anche con Mac OS X.

Fortunatamente per chi deve difendere i propri segreti, l'hack di Fuller richiede di avere accesso fisico al PC da violare. Se questa condizione è soddisfatta, si possono rubare le credenziali di un PC acceso che mostra la schermata di blocco, quella che richiede di inserire la password per visualizzare il desktop.

Il primo passo consiste nell'inserire in una porta USB un minicomputer come l'Hak5 Turtle, che costa 50 dollari, o l'USB Armory (per chi vuol spendere di più: costa infatti 155 dollari). Entrambi montano già una distribuzione Linux.

Fuller ha apportato qualche modifica alla configurazione di questi dispositivi, facendo in modo che apparissero come server DHCP. Una volta inseriti, essi sono diventati il nuovo gateway predefinito, e quindi hanno iniziato a ricevere il traffico di rete.

Sondaggio
Ogni quanto tempo il tuo Pc è affetto da malware?
Una o due volte l'anno.
Tre o più volte l'anno.
E' successo una volta e mai più.
Mai.

Mostra i risultati (2588 voti)
Leggi i commenti (38)

A questo punto è entrata in gioco un'applicazione particolare, creata per l'hacking dei sistemi e chiamata Responder, che ha permesso ai due minicomputer di ricevere i token di autenticazione e dunque di rubare le credenziali, abilitando l'accesso al desktop.

«Il computer bersaglio inizia a inviare il traffico che stava già creando verso l'Armory invece che verso le "vere" connessioni di rete. Responder s'è messa a fare il suo mestiere e a rispondere a tutte le richieste di autenticazione dei servizi, e dato che la maggior parte dei sistemi operativi considerano "sicura" la rete locale, l'autenticazione è automatica» ha spiegato Fuller.

«È semplicissimo e non dovrebbe funzionare, ma funziona» ha poi commentato Fuller. «Inoltre, non è possibile che io sia il primo ad aver identificato questo sistema, ma eccolo qui (fidatevi, l'ho messo alla volta in un'infinità di modi per verificare che funzionasse, perché non potevo credere che fosse vero)».

Per mostrare quanto sia facile accedere a un computer protetto da password semplicemente inserendo una chiavetta USB (seppur una chiavetta che è praticamente un PC), Fuller ha anche realizzato un video, che riportiamo qui sotto.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Bug di Linux, a rischio un miliardo e mezzo di smartphone Android
Vuoi fare il criminale informatico? Non rubare nel tuo stesso paese
Storia di un furto informatico da un miliardo di dollari
Sony, migliaia di password in una cartella chiamata ''Password''

Commenti all'articolo (3)

Nei commenti dell'articolo originale c'è scritto che alcuni ci sono riusciti usando un RaspberryPI zero la cui porta può essere configurata come slave, cosa non possibile con gli altri modelli, o non facilmente possibile.
19-9-2016 17:18

Se l'accesso alle porte USB è inibito, non dovrebbe funzionare. I requisiti richiesti per rubare le credenziali sono 2: 1)L'accesso fisico del computer bersaglio. (non in remoto) 2)L'uso di una chiavetta che in pratica è un minicomputer, ma se le porte USB vengono inibite da una group policy, o con altri sistemi, si attaccano al tram.
9-9-2016 17:42

Interessante. Domanda: il dispositivo funziona anche nei casi in cui, come ad esempio in taluni scenari aziendali, l'accesso alle porte USB viene inibito da una group policy (per evitare la potenziale diffusione sulla LAN di minacce informatiche)?
9-9-2016 10:25

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i benefici maggiori che deriverebbero da una politica e una pubblica amministrazione più aperta e trasparente ai cittadini?
I giornalisti potrebbero informarsi più facilmente sulle attività di politici e amministratori e l'informazione al pubblico sarebbe più ampia e dettagliata.
Politici e amministratori renderebbero maggiormente conto ai cittadini del loro operato.
La qualità dei servizi in generale migliorerebbe.
L'opinione pubblica avrebbe più peso nelle decisioni amministrative e politiche.
In generale i nostri rappresentanti avrebbero elementi per prendere decisioni più appropriate.

Mostra i risultati (824 voti)
Novembre 2020
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Tutti gli Arretrati


web metrics