Da Windows a Linux in pochi secondi

Knoppix è una completa distribuzione basata su Debian che non ha bisogno di installazione.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-10-2003]

Chi pensa che installare Gnu/Linux sul proprio hard disk sia un'operazione da utenti esperti sbaglia. Effettivamente le distribuzioni più famose (Debian, Slackware, RedHat e Mandrake) richiedono il partizionamento del proprio disco rigido attraverso tool poco usabili che spaventano l'utente.

Il caso più comune è quello di un utente che ha già installato Windows ed è in difficoltà nell'operazione di ridimensionamento della partizione e creazione dello spazio necessario per Linux.

Con una sorprendente distribuzione chiamata Knoppix chiunque può "installare" Linux senza dover minimamente toccare il proprio hard disk e le proprie partizioni. Knoppix infatti è una completo sistema operativo Gnu/Linux basato su Debian avviabile da cd-rom.

L'intenzione del suo creatore Klaus Knopper era quella di avere sempre a portata di mano una distribuzione Linux che entrasse in un solo cd bootable e che fosse installabile in pochi minuti su un numero elevato di hardware.

In un'intervista apparsa su PCTechTalk Knopper ha così descritto il suo utente modello: "There is one main target user, which is myself. I started Knoppix as a private project, to learn how bootable CDs work, and later to include my personal software for lectures and working remotely on different hardware. So, naturally, my priority is to include stuff that I use frequently".

Veloce, curata graficamente e installabile su molte configurazioni hardware la distribuzione tedesca è migliorata da una versione all'altra e oggi comprende al suo interno molte applicazioni indispensabili per l'utente medio: un ottimo desktop enviroment (Kde 3.1.3), editor di testi e suite per l'ufficio (Emacs, Abiword, Openoffice), applicazioni multimediali (Xmms e The Gimp) e addirittura un programma in grado di eseguire applicazioni scritte per Windows (Wine).

Chi volesse provare Knoppix può scaricare l'immagine .Iso della versione 3.3 (circa 700 MB) da uno dei mirror riportati a questo indirizzo.

Basterà poi masterizzare su un cd-rom la Iso con un programma di masterizzazione (es. EasyCd Creator, Nero Burning Rom). In seguito dovremo impostare nel bios della nostra scheda madre come prima unità di boot il cd-rom da cui faremo partire Knoppix. Salvati i settaggi del bios potremo uscire e riavviare con il cd-rom di Knoppix inserito.

Se abbiamo eseguito correttamente i passi precedenti, al riavvio Knoppix inizierà a caricarsi in memoria. Dopo qualche secondo vedremo la scritta "Boot:" e dovremo premere invio. A questo punto apparirà un messaggio "Creating /ramdisk" che ci avverte che Knoppix sta creando un hard disk virtuale nella nostra memoria ram.

Creato il ramdisk partirà l'autoconfigurazione dei dispositivi hardware presenti sul nostro pc. Dopo qualche secondo vedremo finalmente apparire il desktop di Kde (come detto il desktop enviroment predefinito in questa distro) con una voce di donna che uscirà dalle nostre casse pronunciando la frase "Initiated Starting Sequence".

Di fatto avremo a disposizione un sistema Gnu/Linux configurato per il nostro hardware e pronto ad eseguire i nostri comandi, dotato di un'interfaccia grafica che non ha nulla da invidiare a quella di Windows Xp.

All'inizio basterà esplorare i vari menù grafici di Kde (richiamabili premendo sul pulsante "K" in basso a sinistra nella barra delle applicazioni), col tempo potremo (dopo un pò di studio della manualistica presente sul web) prendere confidenza anche con la complessità della console di Linux. Ricordo inoltre che Knoppix ha come lingua e tastiera predefinita quella americana.

Chi volesse avere una versione di Knoppix in italiano può scaricare knopILS, progetto avviato da Italian Linux Society e arrivato alla versione 0.4.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
KDE compie 25 anni

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 13)

Salvatore
Grande! Leggi tutto
1-9-2005 14:54

ivano
e' semplicemente INCREDIBILE Leggi tutto
27-1-2005 22:51

RENZO
Da Windows a LINUX in pochi minuti Leggi tutto
29-12-2003 14:52

alberto
red hat e mandrake difficili??? Leggi tutto
15-12-2003 09:46

dex
grazie Leggi tutto
4-11-2003 11:05

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (400 voti)
Dicembre 2021
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 9 dicembre


web metrics