Facebook sfida eBay

Il social network lancia Marketplace, una sezione per vendere e comprare oggetti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-10-2016]

facebook marketplace

Da sempre, il sogno di Mark Zuckerberg è fare di Facebook l'unico sito (o app) di cui ci sia bisogno: per parlare con gli amici, per condividere le esperienze, e anche per fare acquisti.

L'ultima trovata riguarda proprio la compravendita di oggetti e si chiama semplicemente Marketplace: è una nuova sezione dell'app per smartphone e tablet che per il momento è attiva soltanto in USA, Regno Unito, Australia e Nuova Zelanda ma che progressivamente arriverà anche negli altri Paesi.

Nella sezione Marketplace gli utenti trovano innanzitutto annunci che Facebook giudica rispondenti ai loro interessi (cosa non difficile, considerata la mole di informazioni che il social network possiede su ogni iscritto).

C'è anche un motore di ricerca interno che permette di trovare quegli oggetti che si desidera acquistare selezionandoli in base alla categoria cui appartengono, al prezzo e alla distanza geografica del venditore, e naturalmente è presente anche la possibilità di pubblicare dei propri annunci.

La transazione vera e propria non viene gestita da Facebook, che si occupa soltanto di mettere in contatto tra loro acquirenti e venditori: i dettagli - eventuali accordi sul prezzo, spedizione e via di seguito - devono essere discussi privatamente, per esempio usando le funzioni di messaggistica integrate in Facebook stesso.

Sondaggio
Quali sono i prodotti che acquisti di pi¨ online?
Abbigliamento
Idee regalo
Libri/riviste
Hardware/software
Biglietti/eventi
Elettronica
Viaggi/turismo
Musica/video
Elettrodomestici
Telefonia/accessori

Mostra i risultati (2025 voti)
Leggi i commenti (7)

Per evitare che Marketplace si tramuti nel paradiso della truffa, il social network in blu mette a disposizione uno strumento per segnalare gli abusi e la possibilità di consultare alcune informazioni sul venditore.

Più che ai siti di e-commerce, insomma, per ora Facebook si limita a fare concorrenza agli annunci pubblicati sui portali specializzati o ai mercatini che ancora si possono trovare in certi forum.

Non è però da escludere che, se l'iniziativa avrà successo, ci siano in futuro ulteriori evoluzioni della piattaforma. A quel punto, forse anche giganti come eBay dovranno iniziare a preoccuparsi.

facebook marketplace 02
facebook marketplace 03

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

Praticamente vuole controllare il mondo e, ad oggi, oltre un miliardo di beoti gli sta agevolando il compito... :incupito: Leggi tutto
15-10-2016 19:01

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilitÓ di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttivitÓ e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1231 voti)
Febbraio 2020
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Tutti gli Arretrati


web metrics