Web2Web, siti senza server grazie a Torrent e Bitcoin

Chiunque potrà creare siti impossibili da chiudere.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-10-2016]

web2web pagine distribuite

Qualche tempo fa suscitò parecchio interesse l'apparizione di WebTorrent, un client BitTorrent utilizzabile in qualunque browser, senza necessità di installare alcunché.

Ora la tecnologia alla base di WebTorrent, creata a Stanford da Feross Aboukhadijeh, è stata usata per dare vita a un nuovo progetto: Web2Web.

L'idea è di uno sviluppatore ceco, Michal Spicka, che cercava il modo per rendere un sito web impossibile da censurare.

«In passato abbiamo visto molti siti web legittimi chiusi da potenti gruppi d'interesse» racconta Spicka. «Mi sono chiesto se fossi in grado di creare qualcosa che non potesse venir chiuso tanto facilmente, e che allo stesso tempo proteggesse l'identità del gestore del sito».

Web2Web permette di mettere online un sito senza bisogno di un server, o di un dominio. In effetti, questa tecnologia permette di creare quella che Spicka chiama «una pagina distribuita», che resta online grazie alla rete BitTorrent.

«Tutto ciò che serve» - spiega ancora Spicka - «è una pagina di avvio che carichi il sito dalla rete torrent e lo mostri nel browser».

La pagina di avvio è un semplice file Html, che può venir duplicata ovunque, anche su un semplice computer desktop.

La procedura di aggiornamento del sito utilizza un sistema legato alla tecnologia Bitcoin.

Sondaggio
Da dove scarichi di solito i file (app, film, libri, giochi)?
Scarico i file da fonti sempre diverse
Scarico file da siti di cui mi fido
Non scarico molti file e presto sempre attenzione al sito da cui li scarico
Scarico i file solo da negozi online e da app store di fiducia
Non scarico nulla

Mostra i risultati (1328 voti)
Leggi i commenti (12)

«Se il gestore vuole pubblicare del nuovo contenuto su un sito creato in precedenza, non deve fare altro che creare un torrent del nuovo contenuto e poi inserire l'info hash del torrent in una transazione Bitcoin inviata dal suo indirizzo Bitcoin» illustra il creatore di Web2Web.

«Il sito controlla costantemente l'indirizzo per individuare le nuove transazioni, estrae l'info hash, scarica il nuovo contenuto dallo sciame torrent e si aggiorna di conseguenza» conclude Spicka.

Le istruzioni per creare un sito con Web2Web sono illustrate in un'apposita pagina sul sito ufficiale, dove sono indicati i singoli passaggi da compiere.

Per Spicka, Web2Web è tuttora più che altro un esperimento; l'inventore si augura soltanto che non venga adoperato per scopi illegali.

«Sono fortemente contro l'uso di Web2Web per qualunque fine illegale» ha dichiarato. «D'altro canto, non posso impedire ad alcuno di farlo. Prima o poi qualcuno farà un uso improprio del mio progetto, e soltanto allora vedremo se sarà tanto robusto quanto dovrebbe essere».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Sito torrent pirata: in carcere moderatori e utenti
Con Seedr il torrent va sul cloud
Il primo client BitTorrent per il web fa drizzare le antenne a Netflix
I pirati dei pirati
Sony voleva comprare BitTorrent
Windows 10 bandito dai tracker BitTorrent

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Dove e come sei solito vedere i film?
Al cinema.
A casa, quelli trasmessi in Tv.
A casa, sul Pc.
A casa, con un lettore multimediale.
Ovunque, sul cellulare (oppure iPad / iPod / lettore Mp3)

Mostra i risultati (3389 voti)
Aprile 2020
Violata Email.it: sottratti dati di 600.000 utenti, password comprese
5G e coronavirus, cittadini danno fuoco alle torri della telefonia
Tanti invocano l'app anti-coronavirus
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Tutti gli Arretrati


web metrics