Il browser che controlla le lampadine

L'ultima versione di Vivaldi cambia il colore delle lampadine Philips Hue in base al sito web visitato.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-11-2016]

vivaldi philips hue

Anche se lo scenario mondiale dei browser pare ormai essersi stabilizzato, ci sono ancora sviluppatori che, insoddisfatti dell'esistente, cercano di creare un browser più efficiente, più veloce e maggiormente personalizzabile rispetto alle alternative note.

Una di queste persone è Jon Stephenson von Tetzchner, ex CEO di Opera Software, il quale è rimasto estremamente scontento quando Opera ha deciso di abbandonare il motore di rendering Presto in favore di Blink, perdendo nello stesso tempo molte funzionalità.

Invece di limitarsi a lamentarsi, Tetzchner s'è rimboccato le maniche e insieme ad altri ha creato Vivaldi, un browser nato per reintrodurre tutte quelle caratteristiche che Opera ha perso e per offrire agli utenti il massimo delle possibilità di personalizzazione.

In un panorama sostanzialmente stabile quale quello che tratteggiavamo all'inizio farsi notare però non è semplice, e così Vivaldi ha iniziato a inserire anche funzioni che a prima vista sono proprio curiose.

Con l'ultima versione, la 1.5, è apparsa forse la più curiosa di tutte: Vivaldi è adesso in grado di controllare le lampadine Philips Hue.

Sondaggio
Autorizzi il browser a ottenere la cronologia dei siti Internet che hai visitato?
Ho disabilitato questa opzione
Sì, ma cancello la cronologia regolarmente
Sì, è comodo, così non devo digitare l'intero indirizzo
Non so

Mostra i risultati (2186 voti)
Leggi i commenti (17)

La funzionalità che gestisce questa opzione si chiama Philips Hue Theme Integration, e regola il colore della luce emessa dalle lampadine Hue in base a quello dominante nel sito in quel momento visitato dall'utente.

Solo una bizzarria? Forse. Per Tetzchner «questo è soltanto il primo passo, ma immaginate un mondo in cui si riceve la notifica della ricezione di un'email attraverso una lampadina. L'interesse principale di Vivaldi sta nella personalizzazione e nella flessibilità. L'integrazione con i dispositivi della IoT come Philips Hue permette a Vivaldi di adattarsi all'utente e alla sua vita quotidiana».

Oltre al controllo delle lampadine, Vivaldi 1.5 introduce una nuova modalità lettura, per facilitare la consultazione dei siti di notizie, e la possibilità di trasportare più schede contemporaneamente da una finestra all'altra.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual è il maggior vantaggio? (vedi anche gli svantaggi)
Sarà più comodo viaggiare: non dovremo preoccuparci di guidare e avremo più tempo libero a disposizione.
Potranno spostarsi in auto anche i non vedenti, gli invalidi o in generale le persone non più in grado di guidare.
Si risparmierà carburante grazie all'ottimizzazione: niente accelerazioni o frenate brusche, rispetto dei limiti di velocità e così via.
Con il Gps incorporato ci si smarrirà di meno e non sarà necessario consultare mappe o chiedere indicazioni.
Ci sarà maggiore sicurezza e meno incidenti: niente ubriachi al volante o anziani non più in grado di guidare. Zero distrazioni, zero stanchezza, zero errori del conducente (causa del 90% degli incidenti).
Ci sarà meno traffico: potremo più facilmente condividere un'auto in car sharing che ci venga a prendere e ci porti dove desideriamo andare, trovando parcheggio da sola o rimettendosi a disposizione della comunità.
La casta dei tassisti non avrà più ragione di esistere e sarà finalmente azzerata.

Mostra i risultati (1785 voti)
Luglio 2022
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 3 luglio


web metrics