Il MinCulPop di Pitruzzella

Il presidente dell'Antitrust fa parlare di sé con un'imbarazzante proposta di controllo della Rete e delle opinioni che vi circolano.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-01-2017]

Internet censura pitruzzella minculpop

Fino a pochi giorni fa molti italiani non avevano probabilmente sentito parlare o quasi di Giovanni Pitruzzella, dal 2011 presidente dell'Antitrust, l'autorità per la vigilanza sulla concorrenza.

In un momento in cui le banche italiane più importanti rischiano il fallimento, in cui un monopolio di Vivendi potrebbe controllare Tim e Mediaset nello stesso tempo, si sarebbe pensato che il presidente Pitruzzella sarebbe intervenuto su questi tempi importantissimi della tutela del risparmio, della trasparenza in Borsa, della concorrenza nelle telco.

Pitruzzella invece ha avuto un momento di notorietà chiedendo di istituire un'agenzia pubblica per il controllo della verità in rete. Forse sogna un nuovo incarico per sé, visto che presto scadrà il suo mandato all'Antitrust.

Ai più, però, la proposta ha richiamato alla mente il Ministero della Verità descritto da George Orwell in 1984; per quanti sono dotati di memoria storica, inquietanti sono i parallelismi con il MinCulPop di oltre 70 anni fa.

Durante il ventennio fascista, il Ministero della Cultura Popolare ogni giorno trasmetteva una velina a tutti i giornali, allora unico mezzo di comunicazione sociale (oltre alla radio, direttamente controllata dal Governo), in cui si indicava di che cosa si potesse parlare, di che cosa si dovesse tacere e quali termini usare.

La censura fascista era stata peraltro preceduta dalla censura militare della Grande Guerra e prima ancora dalla censura di polizia degli stati italiani pre-unitari e dalla censura ecclesiastica.

Ci sono troppe bufale sul web e troppe menzogne a causa del web, dice Pitruzzella. Eppure proprio lui, per legge, già dovrebbe occuparsi di multare gli autori di pubblicità ingannevole su stampa e TV, oltre che su Internet. A questo punto ci si può chiedere legittimamente se lo faccia, quanto lo faccia e se lo stia facendo bene.

Sondaggio
Secondo una ricerca dell'Australian Relationship Queensland, tra tecnologia e solitudine esisterebbe un collegamento. Secondo te:
╚ la solitudine che spinge le persone a usare "pi¨ tecnologia".
╚ l'utilizzo massiccio di tecnologia che porta le persone a isolarsi e, conseguentemente, a provare solitudine.
Le due cose non sono affatto correlate.

Mostra i risultati (1002 voti)
Leggi i commenti (20)

Che ci sia un problema di informazione e di qualità della stessa, di libertà innanzitutto e poi di correttezza, nessuno lo dubita. Il problema si risolve - anche se non esistono soluzioni miracolistiche - accrescendo il senso critico attraverso l'istruzione e l'educazione dei giovani a una lettura critica dei media, nelle scuole e nelle Università.

Insieme a ciò, è necessario innalzare il livello del sapere scientifico, economico, umanistico di tutti attraverso un uso migliore e mirato della TV pubblica e in corsi di alfabetizzazione mediatica per adulti.

Non si esce dall'informazione falsa e manipolata riesumando impossibili, improbabili e incostituzionali livelli di controllo e di censura della Rete.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Le proposte di Pitruzzella. Una buona, due pessime

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
Cyberbullismo, il Parlamento sta snaturando la legge
Errore 451, il codice Http ufficiale per i siti censurati
''Il mio gioco è stato censurato, vi invito a piratarlo''
L'app anticensura che funziona anche quando non c'è rete
Così si aggira la censura, anche da smartphone

Commenti all'articolo (3)


"Il problema si risolve, accrescendo il senso critico attraverso l'istruzione e l'educazione dei giovani a una lettura critica dei media, nelle scuole e nelle UniversitÓ." Finalmente. Ma per questo ci vuole almeno una generazione non solo di giovani ma anche di classe dirigente, di politici etc. Comunque sono ASSOLUTAMENTE... Leggi tutto
10-1-2017 10:37

Che vuoi, Ŕ un popolo allevato leggendo a scuola l'unitÓ (o La Repubblica, quando andava bene).
9-1-2017 12:08

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Un collaboratore di Zeus News ci ha posto il quesito: "Mio figlio ha ormai 8 anni, che grosso modo Ŕ l'etÓ in cui io ho ricevuto il Commodore 16 (avevo 9 anni). Lui per Natale vorrebbe un tablet. Che cosa gli regalo?" Secondo voi, Ŕ meglio regalare...
Un tablet
Un notebook
Un Pc
Un Commodore 16
Qualcos'altro

Mostra i risultati (1703 voti)
Ottobre 2017
Il ransomware per Android che blocca lo smartphone due volte
Il falso Adblock che ha ingannato decine di migliaia di utenti
Windows Media Player sparisce da Windows 10
Disqus violato, rubati i dati di 17,5 milioni di utenti
Il caso dell'iPhone 8 che si gonfia mentre è in carica
Gli auricolari di Google che traducono le conversazioni in tempo reale
La falla in Windows Defender che a Microsoft non interessa
Con un salto quantico, Firefox diventa più veloce di Chrome
Settembre 2017
Internet Explorer spiffera quel che digitiamo nella barra
Windows, gli ultimi aggiornamenti bloccano gli account utente
Violazione di CCleaner, guai più gravi del previsto
Il primo smartphone con Linux davvero libero
Falla nel Bluetooth, vulnerabili 5 miliardi di dispositivi
Se il robot sessuale diventa un terminator
I consigli di Linus Torvalds per gli hacker
Tutti gli Arretrati


web metrics