Google: ''Falle irrisolte in Windows e nei browser Microsoft''

Vulnerabilità vecchie di mesi affliggono il sistema operativo, Edge e Internet Explorer.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-02-2017]

edge ie windows falle

Tre mesi fa, Google avvisò Microsoft della scoperta di una falla nei browser Edge e Internet Explorer che, se sfruttata, poteva portare all'esecuzione di codice arbitrario sul PC preso di mira, nonché all'acquisizione dei privilegi di amministrazione.

Dato che però in questi 90 giorni il gigante di Redmond non ha rilasciato alcuna patch per correggerla, Google ha deciso di rendere pubblica la vulnerabilità.

Scoperto dal ricercatore Ivan Fratric, del team Google Project Zero, il bug (CVE-2017-0037) è stato riscontrato sulla versione a 64 bit di Internet Explorer in ambiente Windows Server 2012 R2, ma è presente anche nelle versioni a 32 bit di Internet Explorer 11 e in Microsoft Edge.

In altre parole, si può dire che il problema riguarda tutti gli utenti di Windows 7, Windows 8.1 e Windows 10. Inoltre, è già stato pubblicato un exploit che dimostra la falla.

Il bug in Edge e Internet Explorer non è però l'unico motivo di preoccupazione per gli utenti di Windows: un'altra falla, sempre scoperta da Google, è stata rivelata alcuni giorni fa.

Questa riguarda tutte le versioni di Windows da Windows Vista Service Pack 2 in avanti, anch'essa deve ancora essere corretta da Microsoft e anch'essa ha già un exploit dimostrativo.

Sondaggio
Come proteggi il tuo computer?
Proteggere? Dai ladri, forse?
Ogni tanto utilizzo un antivirus online.
Ho un antivirus e tengo aggiornato il sistema operativo.
Ho antivirus, firewall, antispyware, parental control e ogni sorta di protezione.
Utilizzo Linux.
L'unico computer sicuro è un computer offline.

Mostra i risultati (4741 voti)
Leggi i commenti (48)

Il problema sta nella libreria Graphics Device Interface (GDI) e, se sfruttata, può portare alla sottrazione di informazioni dalla memoria.

La vulnerabilità era già stata affrontata da Microsoft lo scorso giugno, ma la correzione non ha risolto completamente la situazione di pericolo. Così, Google ha preferito avvisare il grande pubblico rendendo noti i dettagli.

Il lato positivo di tutto ciò è che per sfruttare la falla nella libreria GDI è necessario aver accesso fisico alla macchina che si vuole compromettere.

A metà febbraio Microsoft ha deciso di rinviare il Patch Tuesday mensile a causa di non specificati «problemi dell'ultimo minuto»: speriamo che ora si affretti a sistemare tutto ciò che è rimasto in sospeso, compreso il problema scovato in SMB.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Microsoft finalmente corregge le falle scoperte da Google
La falla in Windows che manda in crash il PC
Microsoft mette il browser in una macchina virtuale
Due nuovi aggiornamenti per Windows 10 dopo Anniversario

Commenti all'articolo (2)

Google fa ciò che fanno tutte le aziende del settore, quando viene scoperto un bug viene informata l'azienda che sviluppa il SW che presenta il bug che si dovrebbe far carico di risolverlo, se questo non avviene chi ha scoperto il bug alza il livello di informazione e di pressione per convincere la suddetta azienda ad agire. M$ pare... Leggi tutto
5-3-2017 11:04

{utente anonimo}
non ho capito perché gogle fa le pulci ai SO concorrenti invece di sistemare il colabrodo che è android. Vuole fare pubblicità ai chromebook come alternativa a windows?
28-2-2017 19:02

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Ad alta quota, secondo te, qual è il comportamento più fastidioso?
Il passeggero della fila avanti che reclina lo schienale, senza nemmeno girarsi e avvisarti gentilmente.
Il passeggero della fila dietro che punta le piante dei piedi (o le ginocchia) nella parte alta del sedile.
I bambini che urlano ripetutamente o infastidiscono gli altri passeggeri, senza che i genitori intervengano.
Il passeggero che puzza di sudore.
Il passeggero che ascolta la musica ad alto volume.
Il passeggero che si ubriaca in volo.
Il passeggero che cerca di psicanalizzarti... per tutto il viaggio.
Il passeggero che si allarga sui braccioli del vicino.
I passeggeri che amoreggiano durante il volo.
Il passeggero che cerca di rimorchiare.

Mostra i risultati (1963 voti)
Ottobre 2017
Ceo di GitHub: i programmatori sono condannati all'estinzione
Il ransomware per Android che blocca lo smartphone due volte
Il falso Adblock che ha ingannato decine di migliaia di utenti
Windows Media Player sparisce da Windows 10
Disqus violato, rubati i dati di 17,5 milioni di utenti
Il caso dell'iPhone 8 che si gonfia mentre è in carica
Gli auricolari di Google che traducono le conversazioni in tempo reale
La falla in Windows Defender che a Microsoft non interessa
Con un salto quantico, Firefox diventa più veloce di Chrome
Settembre 2017
Internet Explorer spiffera quel che digitiamo nella barra
Windows, gli ultimi aggiornamenti bloccano gli account utente
Violazione di CCleaner, guai più gravi del previsto
Il primo smartphone con Linux davvero libero
Falla nel Bluetooth, vulnerabili 5 miliardi di dispositivi
Se il robot sessuale diventa un terminator
Tutti gli Arretrati


web metrics