Mpaa: bisogna educare i bambini italiani a odiare la pirateria

Le major americane apprezzano i blocchi imposti ai siti, ma vogliono più interventi educativi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-06-2017]

fapav mpaa pirateria

C'era anche il gran capo (seppure uscente) della Mpaa, Chris Dodd, alla presentazione dell'ultima indagine sulla pirateria audiovisiva, realizzata dalla Fapav.

Sebbene in Italia il fenomeno della pirateria sia tutt'altro che marginale, Dodd s'è detto entusiasta di quanto fatto in questi anni, specialmente per quanto riguarda il blocco dei siti web che diffondono materiale illegale.

Allo stato attuale, secondo i dati della Fapav il 39% degli italiani non si fa problemi a trovare contenuti sui circuiti pirata, si tratti di film, serie Tv, eventi sportivi o altro: in totale, ogni anno si commetterebbero nel nostro Paese 669 milioni di atti di pirateria.

Tutto ciò non è poi tanto male se si considera soltanto la pirateria cinematografica, che è calata del 4% dal 2010. È invece disastroso (secondo la Fapav e la Mpaa) dal punto di vista della pirateria delle serie televisive, cui nel 2010 si dedicava soltanto il 10% della popolazione: adesso siamo al 22%.

«La ricerca ci dice che non possiamo abbassare la guardia» ha commentato il segretario generale della Fapav, Federico Bagnoli Rossi.

«Non abbassare la guardia» si traduce, in pratica, nel continuare a bloccare chi diffonde materiale pirata, approvare linee di autoregolamentazione, ma anche avviare «attività educative».

Per quest'ultimo punto Bagnoli Rossi ha ottenuto il sostegno di Dodd: entrambi ritengono che sia necessario educare gli italiani a evitare la pirateria sin da bambini, rivolgendosi con decisione alla sinora ignorata fascia d'età occupata da quanti hanno tra i 10 e i 14 anni.

Sondaggio
Hai cambiato fornitore di banda larga (ADSL o fibra ottica) negli ultimi 5 anni?
Sì, una volta
Sì, più di una volta
No, ma lo farò nei prossimi 12 mesi
No, e non lo voglio fare

Mostra i risultati (1710 voti)
Leggi i commenti (5)

«I giovani di oggi sono il futuro dell'industria audiovisiva» ha affermato Dodd. «I giovani devono imparare a rispettare la gente che lavora nei film e in televisione, che nel 96% dei casi non appare mai davanti alla telecamera ma tuttavia lavora dietro le quinte».

«È importante» - ha proseguito Dodd - «educarli e indirizzarli verso la fruizione legale, che crea posti di lavoro e incoraggia gli investimenti».

Oltre all'indottrinamento dei bambini, Dodd suggerisce un'altra ricetta: il potenziamento dell'offerta legale, così che il ricorso alla pirateria sia scomodo, di qualità inferiore e, in definitiva, non conveniente. Se la qualità dell'offerta legale è alta - ragiona il presidente uscente della Mpaa - la gente non si rivolgerà alla pirateria.

In Italia, però, potrebbe esserci qualche difficoltà a far accettare questo pensiero: secondo l'indagine della Fapav, infatti, l'89% dei "pirati" italiani è perfettamente soddisfatto della qualità dei film scaricati, e addirittura l'89% di loro approva la qualità delle serie televisive in versione pirata.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Come si diventa pirati audiovisivi? Seguendo il calcio
Il Windows App Store è il paradiso dei pirati
Pizzicato releaser italiano di telefilm
La Guardia di Finanza chiude Italian Share
La Fapav esige da Telecom i nomi dei pirati

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

A chiunque tocchi, nella mente malata di questo personaggio, la responsabilità dell'educazione dei bambini italiani contro la pirateria - e chissà poi perchè solo i bambini italiani? - continuo a credere che ciò sia inutile e che la migliore mossa contro la pirateria potrebbe venire solo da questi squallidi personaggi. Concordo in pieno... Leggi tutto
25-6-2017 15:25

Roberto 1960, non dice da nessuna parte che deve essere la scuola ad insegnare queste cose, io avevo inteso che secondo lui dovrebbero essere i genitori ad istruire in tal senso i propri bambini.
10-6-2017 08:31

Fenomenale, questo Chris Todd. Dunque secondo questo genio, con tutti i limiti e le deficienze educative dei nostri sistemi formativi per i giovani, dovremmo perdere tempo e soldi per "... educarli e indirizzarli verso la fruizione legale, che crea posti di lavoro e incoraggia gli investimenti". Ovvero i ragazzi possono pure... Leggi tutto
9-6-2017 13:56

Della qualità alta 4k frega a ben pochi, come il fatto di avere un film in 3d. Che poi alcuni film rimasterizzati in 4k, magari vecchiotti, non rendono comunque bene su un televisore 4k. Non lo capiscono...prezzi bassi? Un film dovrebbe essere disponibile in file, non solo in dvd, e che non mi si citi la supercazzola della copia... Leggi tutto
9-6-2017 11:57

Mi picciono questi geni del marketing. Continuano a cercare di tenere alto il prezzo farcendoli di qualità di immagine e di contenuti speciali. Peccato che al 90% dei fruitori per il 90% dell'offerta non gliene freghi nulla. A nessuno interessa vedere gray's anatomy in 4K così come molti film, fatti per passare la serata, non hanno alcun... Leggi tutto
9-6-2017 09:35

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi di questi 10 non ha meritato il premio Nobel per la Pace?
Elihu Root, segretario di Stato USA, vincitore nel 1912, indagato per la repressione degli indipendentisti filippini.
Aristide Briand, politico francese, vincitore nel 1926, nonostante molti sostengano che gli accordi da lui voluti abbiano portato la Germania a tentare la successiva espansione verso est.
Frank Kellogg, vincitore nel 1929: la sua idea per evitare le guerre fu sconfessata di lì a breve dalla politica tedesca.
Carl von Ossietzky, giornalista tedesco, vincitore nel 1935 per aver rivelato la politica tedesca di riarmo in violazione dei trattati. Meritava il premio, ma la tempistica fu pessima: venne deportato in un campo di concentramento.
Nessuno: nel 1948 il premio non venne assegnato. Sarebbe potuto andare a Mohandas Ghandi, ma era stato assassinato e il Comitato non permise che il premio fosse assegnato alla memoria.
Henry Kissinger e Le Duc Tho, vincitori nel 1973 per aver negoziato il ritiro delle truppe USA dal Vietnam. Il primo però approvò il bombardamento contro la Cambogia; il secondo rifiutò il premio.
Yasser Arafat, Shimon Peres e Yitzakh Rabin, vincitori nel 1994, sebbene gli accordi di Oslo abbiano avuto effetti molto brevi.
Kofi Annan e le Nazioni Unite, vincitori nel 2001, investigato nel 2004 per il coinvolgimento del figlio in un caso di pagamenti illegali nel programma Oil for Food.
Wangari Muta Maathai, vincitrice nel 2004, convinta che il virus HIV sia stato creato in laboratorio e sfuggito per errore.
Barack Obama, vincitore nel 2009, appena eletto presidente degli USA.

Mostra i risultati (1918 voti)
Dicembre 2021
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 3 dicembre


web metrics