Il drone-defibrillatore

Raggiunge i pazienti in un quarto del tempo necessario all'ambulanza.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-06-2017]

drone defibrillatore

Per quanto veloce e abile il suo autista possa essere, un'ambulanza diretta verso un'emergenza deve sempre fare i conti con l'imponderabile: il traffico cittadino.

In Svezia hanno pensato che il modo migliore per evitare i ritardi causati da ostacoli sulla strada sia evitare completamente le strade, e passare invece dal cielo.

È così iniziata una sperimentazione che prevede l'utilizzo di droni dotati di defibrillatore per raggiungere rapidamente le persone vittime di attacchi cardiaci.

I droni partono dalla stazione dei vigili del fuoco di Norrtalje, una zona rurale vicina a Stoccolma, e operano entro un raggio di 10 km: una zona dove negli ultimo otto anni si sono verificati numerosi attacchi di cuore.

Sono già stati condotti 18 interventi, raggiungendo i pazienti in un tempo medio di 5 minuti e 21 secondi. Un'ambulanza avrebbe impiegato in media 22 minuti.

Nei casi in cui è necessario intervenire con un defibrillatore, il tempo è essenziale: secondo quanto riporta New Scientist, per ogni minuto che passa senza l'intervento dell'apparecchio le probabilità di sopravvivenza calano del 10%.

Il drone usato durante la sperimentazione è più grande di quelli disponibili al grande pubblico. È costruito da FlyPulse, dispone di otto rotori (anziché i soliti quattro), pesa 5,6 kg ed è dipinto secondo lo stesso schema di colore adoperato dalle ambulanze.

Sondaggio
Qual è la cosa più importante per te in un sito Internet?
Estetica
Interattività
Contenuti
Usabilità
Gratuità

Mostra i risultati (2599 voti)
Leggi i commenti (10)

Jacob Hollenberg, responsabile dell'esperimento, pensa di poter introdurre i droni-defibrillatori in pianta stabile entro uno o due anni.

Alcuni, come Adrian Boyle del Royal College of Emergency Medicine di Londra, ritengono che ci siano altri interventi da fare: sebbene per usare un defibrillatore non sia strettamente necessario essere un medico o un paramedico, ma gli apparecchi stessi sono progettati perché chiunque possano adoperarli, in uno scenario ideale un maggior numero di persone sarebbe istruito nelle tecniche di rianimazione cardiopolmonare.

In questo modo, anche se in pochi minuti un drone è in grado di raggiungere il luogo dell'incidente, i presenti potrebbero già intervenire autonomamente e salvare qualche vita prima ancora che la salvezza arrivi dal cielo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il ritorno degli amanti incastrati
Auto, aereo ed elicottero in un solo veicolo
Morire per il VoIP: l'ambulanza va in un'altra città
Voleva installare la Tv satellitare ma uccide la moglie
Vorrei un'ambulanza per l'iguana di mia sorella

Commenti all'articolo (2)

Mi pare che fra dire che non è strettamente necessario essere medici o paramedici per usare un defibrillatore e dire che chiunque può usarli ci sia una certa zona di grigio nel mezzo che non è propriamente definita. L'idea sembra interessante ma se il drone arriva a qualcuno che non ha idea di come si usa un defibrillatore può essere... Leggi tutto
5-7-2017 19:22

{marco}
si potrebbero installare defibrillatori agli angoli delle strade un po' come le cabine telefoniche di una volta
19-6-2017 16:29

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (394 voti)
Novembre 2019
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Ottobre 2019
Il grande database della cacca cerca volontari
Google, i domini .new diventano scorciatoie
Wind Tre, con l'anno nuovo aumentano le bollette
Omessa custodia del cellulare, sanzionata l'insegnante del post anti-Arma
Smartphone e batteria, con la modalità scura si risparmia davvero
Il Galaxy S10 si sblocca con qualsiasi impronta
Windows 7 a fine vita, Microsoft importuna coi pop-up
Linux, seria falla nel comando sudo
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Tutti gli Arretrati


web metrics