Philips combatte la pirateria con Ambilight

Passando dai televisori ai cinema, la luce ambientale sconfiggerà i pirati.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-08-2017]

philips ambilight

«L'industria cinematografica mondiale, i distributori, le sale cinematografiche, i negozi di video e gli operatori di pay-per-view perdono ciascuno, ogni anno, miliardi di dollari a causa della pirateria»: così Philips apre la propria proposta per eliminare la piaga delle copie illegali dei film.

Il problema peggiore, secondo l'azienda olandese, è costituito dalle registrazioni amatoriali che avvengono all'interno dei cinema, per combattere le quali di volta in volta vengono usati accorgimenti come occhiali a visione notturna (per identificare i pirati all'opera) e filigrane inserite nella proiezione (che permettono di seguire la distribuzione del film).

La vera soluzione, però, starebbe nella tecnologia Ambilight, sviluppata da Philips stessa per il mercato dei televisori.

Si tratta di quel sistema che proietta sulla parete alle spalle del televisore della luce con colori e intensità adeguati a quanto viene visualizzato sullo schermo.

L'idea è che ciò consenta agli spettatori di immagini più definite e di eliminare i riflessi sullo schermo.

Sondaggio
Qual è tra questi il motivo più importante per connetterti e utilizzare una rete Wi-Fi pubblica?
Per poter usare Google Maps o altri servizi di Gps.
Nel caso in cui qualcuno debba mettersi in contatto urgentemente con me.
Per non consumare il mio piano dati.
Per poter utilizzare un social network come Facebook, Instagram, Snapchat o altri.
Per rimanere in contatto con i miei contatti di lavoro (il capo, i clienti, i colleghi ecc.).
Per utilizzare i servizi di streaming come Netflix, Google Music e simili.
Per consultare il mio conto corrente online / carte di credito / informazioni finanziarie.
Per rimanere in contatto con i miei figli / parenti.
Per usare o aggiornare le mie app di dating online.

Mostra i risultati (1189 voti)
Leggi i commenti (5)

Un po' modificata, Ambilight potrebbe essere installata nelle sale cinematografiche, ma non per emettere luce alle spalle dello schermo.

Invece, la luce verrebbe emessa dai lati della sala e regolata su una certa frequenza.

«Se la frequenza è scelta con attenzione» - spiega Philips - «non sarà possibile registrare il film con una videocamera, perché la sorgente di luce non sarebbe in sincronia con la videocamera, dando come risultato strisce che attraversano tutta l'immagine».

ambilight cinema

Un pirata che si ostinasse a registrare il film in una sala dotata di questa tecnologia si ritroverebbe una copia inutilizzabile, ben al di là della scarsa qualità che questo genere di registrazioni generalmente produce.

Tutto ciò non infastidirebbe minimamente gli spettatori. Anzi, seguendo i principi di Ambilight la luce aggiuntiva sarebbe regolata in colore, tono, intensità e brillantezza per migliorare la visione della pellicola.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Ex attrice a luci rosse chiama in causa i pirati
Pirati dei Caraibi ricattati dai pirati del web
Smascherato circuito di pirati cinematografici: gli addetti ai lavori di Hollywood
Arrestati al cinema perché registravano l'audio
Le confessioni di un cammer

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

Quindi fai come feci io l'unica volta che ho provato a guardare un screener... Continuo a faticare a credere che gli screener siano un grosso danno per l'industria cinematografica.
5-9-2017 18:38

Dopo 5 minuti lo tolgo completamente, appena mi rendo conto che è stato preso giù con la web cam, o che gli è stato incollato l'audio dal cinema o in malo modo (non sincronizzato, o con strani echi). Per inciso non li scarico io, ma dei dilettanti allo sbaraglio... :roll:
5-9-2017 09:38

@Maary79 Cos'è che togli dopo 5 minuti? L'audio o smetti di guardare il film?
3-9-2017 16:46

A metà? Io dopo 5 minuti lo tolgo, non ha senso rovinare un film, si aspetta l'uscita in dvd e si va sul sicuro... :wink: Leggi tutto
3-9-2017 11:09

Ho molti prodotti PHILIPS tra cui 2 televisori + 1 monitor. Sono soddisfatto Neppure so se hanno la funzione ambilight, so che la qualità e l'aspettativa di vita sono superiori ai classici marchi (tipos SAMSUNG)
3-9-2017 08:26

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste tecniche diffusamente utilizzate dagli hacker ti sembra la più pericolosa?
1. Violazione di password deboli: l'80% dei cyberattacchi si basa sulla scelta, da parte dei bersagli, di password deboli, non conformi alle indicazioni per scegliere una password robusta.
2. Attacchi di malware: un link accattivante, una chiave USB infetta, un'applicazione (anche per smartphone) che non è ciò che sembra: sono tutti sistemi che possono installare malware nei PC.
3. Email di phishing: sembrano messaggi provenienti da fonti ufficiali o personali ma i link contenuti portano a siti infetti.
4. Il social engineering è causa del 29% delle violazioni di sicurezza, con perdite per ogni attacco che vanno dai 25.000 ai 100.000 dollari e la sottrazione di dati.
5. Ransomware: quei programmi che "tengono in ostaggio" i dati dell'utente o un sito web finché questi non paga una somma per sbloccarli.

Mostra i risultati (2204 voti)
Agosto 2020
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Hai installato Immuni?
Tutti gli Arretrati


web metrics