Steve Jobs nel testamento: vendete Apple a Google

Dow Jones rivela lo scoop. Ma è solo una bufala.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-10-2017]

apple campus

Martedì 10 ottobre i mercati americani hanno aperto col botto: Google - annunciava Dow Jones - stava per comprare Apple.

L'azienda che gestisce uno dei maggiori indici azionari della borsa di New York non solo ha lanciato la notizia tramite il proprio servizio Dow Jones Newswires, ma ha anche fornito tutta una serie di particolari.

Secondo il racconto, il gigante di Mountain View avrebbe messo sul piatto 9 miliardi di dollari, cifra che Steve Jobs in persona avrebbe indicato nel proprio testamento: «L'accordo è stato annunciato alla lettura del testamento di Jobs a Cupertino, in California» si poteva leggere nell'articolo che trattava la vicenda.

Non c'è però voluto molto a capire che non c'era nulla di vero. Innanzitutto la cifra è irrisoria: Apple vale 800 miliardi di dollari. E poi, non è un'azienda privata: Steve Jobs non avrebbe potuto chiederne la vendita nel testamento nemmeno se avesse voluto.

Ancora: la notizia fa riferimento all'«amministratore delegato di Google Larry Page», ma Page non ricopre più quella posizione dal 2015, anno in cui nacque Alphabet.

Sondaggio
Qual è l'affidabilità dell'informazione su internet?
La rete è piena di giornalisti non professionisti che scrivono per lo più sulla base del sentito dire, senza una reale verifica dei dati.
Può andar bene per farsi un'idea velocemente, ma è carente se dall'informazione si vuole approfondimento e commento.
L'informazione reperibile in rete è del tutto paragonabile per contenuti e affidabilità a quella dei media tradizionali.
La qualità dell'informazione su internet è certamente più varia di quella offerta dai media tradizionali, ma sapendo scegliere siti e fonti giuste può essere superiore.
Internet è l'ultima frontiera dell'informazione libera e non irreggimentata.

Mostra i risultati (3149 voti)
Leggi i commenti (6)

E - ciliegina sulla torta - alcune frasi hanno un tono tutt'altro che professionale, come questa: «Ovviamente, Google si trasferirà nel lussuoso quartier generale di Apple. I dipendenti di Google dicono "Yay"».

Insomma, le indicazioni del fatto che si trattava di una bufala c'erano tutte.

Com'è potuto quindi accadere che una trovata tanto inverosimile venisse diffusa, e che subito venisse pure ripresa dai vari sistemi automatici che l'hanno rilanciata in tutto il mondo?

Per l'imbarazzatissima Dow Jones, che in seguito s'è scusata della gaffe, la spiegazione è semplice: si tratta di un banale «errore tecnico».

Non di rado le grandi testate realizzano servizi e storie "fasulli", da usare internamente a scopo di test.

Il racconto della vendita di Apple a Google, con la benedizione del fondatore della prima, apparterrebbe a questa categoria. Per un semplice errore qualcuno l'ha pubblicata invece di archiviarla.

dow jones apple google
Nello screenshot, la notizia come pubblicata originariamente da Dow Jones Newswires

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Google cambia nome: nasce Alphabet
La nuova sede di Apple approvata da Steve Jobs
Steve Jobs è morto

Commenti all'articolo (2)

Già quando uno legge che lo aveva scritto Jobs nel testamento dovrebbe capire che è una bufala...
15-10-2017 17:32

{impasse triumph}
Che è una bufala è del tutto ovvio: come precisa l'articolo, dove li troverebbe Google i soldi per comperare Apple, anche ammeso che faccia un'OPA ostile? Ma dai.....
11-10-2017 20:50

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Il Garante Privacy ha istituito - ormai da anni - un servizio che in teoria dovrebbe tutelare la privacy dei cittadini iscritti, vietando ai call center di chiamare i loro numeri telefonici. Secondo la tua esperienza, il Registro delle Opposizioni funziona?
Sì. Sono iscritto e non mi scocciano praticamente mai.
Non lo so. Non sono iscritto.
No. Sono iscritto e continuo a ricevere telefonate con proposte commerciali.

Mostra i risultati (2817 voti)
Agosto 2020
Falla nei chip Qualcomm, a rischio centinaia di milioni di smartphone
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Tutti gli Arretrati


web metrics