Steve Jobs nel testamento: vendete Apple a Google

Dow Jones rivela lo scoop. Ma è solo una bufala.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-10-2017]

apple campus

Martedì 10 ottobre i mercati americani hanno aperto col botto: Google - annunciava Dow Jones - stava per comprare Apple.

L'azienda che gestisce uno dei maggiori indici azionari della borsa di New York non solo ha lanciato la notizia tramite il proprio servizio Dow Jones Newswires, ma ha anche fornito tutta una serie di particolari.

Secondo il racconto, il gigante di Mountain View avrebbe messo sul piatto 9 miliardi di dollari, cifra che Steve Jobs in persona avrebbe indicato nel proprio testamento: «L'accordo è stato annunciato alla lettura del testamento di Jobs a Cupertino, in California» si poteva leggere nell'articolo che trattava la vicenda.

Non c'è però voluto molto a capire che non c'era nulla di vero. Innanzitutto la cifra è irrisoria: Apple vale 800 miliardi di dollari. E poi, non è un'azienda privata: Steve Jobs non avrebbe potuto chiederne la vendita nel testamento nemmeno se avesse voluto.

Ancora: la notizia fa riferimento all'«amministratore delegato di Google Larry Page», ma Page non ricopre più quella posizione dal 2015, anno in cui nacque Alphabet.

Sondaggio
Qual è l'affidabilità dell'informazione su internet?
La rete è piena di giornalisti non professionisti che scrivono per lo più sulla base del sentito dire, senza una reale verifica dei dati.
Può andar bene per farsi un'idea velocemente, ma è carente se dall'informazione si vuole approfondimento e commento.
L'informazione reperibile in rete è del tutto paragonabile per contenuti e affidabilità a quella dei media tradizionali.
La qualità dell'informazione su internet è certamente più varia di quella offerta dai media tradizionali, ma sapendo scegliere siti e fonti giuste può essere superiore.
Internet è l'ultima frontiera dell'informazione libera e non irreggimentata.

Mostra i risultati (3268 voti)
Leggi i commenti (6)

E - ciliegina sulla torta - alcune frasi hanno un tono tutt'altro che professionale, come questa: «Ovviamente, Google si trasferirà nel lussuoso quartier generale di Apple. I dipendenti di Google dicono "Yay"».

Insomma, le indicazioni del fatto che si trattava di una bufala c'erano tutte.

Com'è potuto quindi accadere che una trovata tanto inverosimile venisse diffusa, e che subito venisse pure ripresa dai vari sistemi automatici che l'hanno rilanciata in tutto il mondo?

Per l'imbarazzatissima Dow Jones, che in seguito s'è scusata della gaffe, la spiegazione è semplice: si tratta di un banale «errore tecnico».

Non di rado le grandi testate realizzano servizi e storie "fasulli", da usare internamente a scopo di test.

Il racconto della vendita di Apple a Google, con la benedizione del fondatore della prima, apparterrebbe a questa categoria. Per un semplice errore qualcuno l'ha pubblicata invece di archiviarla.

dow jones apple google
Nello screenshot, la notizia come pubblicata originariamente da Dow Jones Newswires

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Google cambia nome: nasce Alphabet
La nuova sede di Apple approvata da Steve Jobs
Steve Jobs è morto

Commenti all'articolo (2)

Già quando uno legge che lo aveva scritto Jobs nel testamento dovrebbe capire che è una bufala...
15-10-2017 17:32

{impasse triumph}
Che è una bufala è del tutto ovvio: come precisa l'articolo, dove li troverebbe Google i soldi per comperare Apple, anche ammeso che faccia un'OPA ostile? Ma dai.....
11-10-2017 20:50

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (400 voti)
Gennaio 2022
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 21 gennaio


web metrics