Epic fail: 30 milioni di dati personali riservati messi online



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-10-2017]

epic fail
(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

I fallimenti informatici degli altri hanno un'importante funzione consolatoria: se avete rovesciato il caffè nel laptop del capo, potete sempre dire "beh, perlomeno non ho distrutto il server della contabilità". Oppure, se volete essere realistici, potete dire "beh, perlomeno non ho messo online a portata di tutti i dati personali di trenta milioni di persone".

È quello che è successo in Sud Africa: i dati di una trentina di milioni di cittadini, con nomi, cognomi, indirizzi, reddito stimato, cronologia occupazionale e molto altro, compreso l'identificativo unico di 13 cifre usato dall'amministrazione pubblica sudafricana, è finito misteriosamente online, come segnala Troy Hunt di HaveIBeenPwned.com. Un archivio di circa 27 GB, perfetto per furti d'identità su vasta scala e già smerciato fra i truffatori della Rete.

I dettagli della fuga di dati, paragonabile per gravità a quella recente di Equifax che ha interessato circa 140 milioni di americani e molti cittadini europei, sono su Iafrikan.com e indicano che i dati sono stati sottratti a una delle grandi aziende che doveva custodirli. Se volete dare un'occhiata senza pericolo, gli header descrittivi dell'archivio sono qui su Pastebin.com.

Sondaggio
Alcuni anni fa, L'Agenzia delle Entrate pubblicò sul web i redditi dei cittadini; poi, dopo l'intervento del Garante Privacy, li mise offline. Questi dati secondo te devono essere disponibili su Internet?
No
Non saprei

Mostra i risultati (4969 voti)
Leggi i commenti (24)

Ancora una volta, insomma, le aziende che dovrebbero proteggere i nostri dati sensibili, sfruttabili per truffe e crimini di ogni genere, si sono dimostrate incapaci di farlo. Non c'è insomma da stupirsi se poi il cittadino perde fiducia nell'informatizzazione delle amministrazioni pubbliche e dei servizi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
.

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Approfondimenti
Rubati a Equifax i dati di metà degli americani

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il componente del PC che aggiornerai per primo?
Scheda Wi-Fi
Mouse
Tastiera
Scheda audio
Hard disk
RAM
Schermo
Scheda video
Processore
Tutto il PC

Mostra i risultati (1846 voti)
Ottobre 2017
Malware per violare i bancomat in vendita nel dark web
Ceo di GitHub: i programmatori sono condannati all'estinzione
Il ransomware per Android che blocca lo smartphone due volte
Il falso Adblock che ha ingannato decine di migliaia di utenti
Windows Media Player sparisce da Windows 10
Disqus violato, rubati i dati di 17,5 milioni di utenti
Il caso dell'iPhone 8 che si gonfia mentre è in carica
Gli auricolari di Google che traducono le conversazioni in tempo reale
La falla in Windows Defender che a Microsoft non interessa
Con un salto quantico, Firefox diventa più veloce di Chrome
Settembre 2017
Internet Explorer spiffera quel che digitiamo nella barra
Windows, gli ultimi aggiornamenti bloccano gli account utente
Violazione di CCleaner, guai più gravi del previsto
Il primo smartphone con Linux davvero libero
Falla nel Bluetooth, vulnerabili 5 miliardi di dispositivi
Tutti gli Arretrati


web metrics