Malwarebytes: gli antivirus non bastano

Chi si affida alle soluzioni tradizionali si esporrebbe ''a rischi sconosciuti''.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-10-2017]

malwarebytes antivirus

Per tenere al sicuro il proprio Pc dalle minacce che si possono incontrare soprattutto quando si naviga nel web, un buon programma antivirus è indispensabile: lo si installa, e immediatamente ci si sente più sicuri.

È questo, più o meno, il pensiero della maggior parte degli utenti. Premurandosi di adottare un antivirus, ritengono di potersi considerare ragionevolmente al riparo da ogni pericolo.

Secondo Malwarebytes, azienda produttrice della popolare soluzione antimalware, questo modo di ragionare è pericolosissimo, perché la realtà sarebbe molto diversa: in molti casi, gli antivirus sarebbero inefficaci.

Le affermazioni di Malwarebytes si basano sui dati raccolti dal programma antimalware stesso, e in particolare su uno: il 39,18% di tutti i malware rimossi dal software è stato trovato su macchine dove erano operativi due o più antivirus tradizionali, che hanno evidentemente fallito nel loro compito di rilevamento.

C'è di più: nel 39,16% dei casi, non si trattava di programmi distribuiti insieme al sistema operativo, ma di soluzioni di terze parti tenute generalmente in alta considerazione.

Sondaggio
Hai mai acceduto a una rete Wi-Fi di qualcuno senza il suo permesso?
No, mai.
No, ma lo farei se ne avessi la possibilità.
Sì, ma era una rete Wi-Fi pubblica approntata appositamente.
Sì, ma era una rete Wi-Fi lasciata aperta e quindi ci potevo entrare anche senza le credenziali necessarie.
Sì, una rete Wi-Fi privata di cui ho hackerato la password (o di cui ho conosciuto la password).

Mostra i risultati (1379 voti)
Leggi i commenti (3)

«I risultati mostrano chiaramente» - spiega Marcin Kleczynski, CEO dell'azienda - «che le soluzioni antivirus tradizionali oggigiorno sono inefficaci e, soprattutto, che gli utenti che si affidano unicamente a queste piattaforme antivirus si espongono a rischi sconosciuti».

«Le antiquate tecnologie antivirus» - prosegue Kleczynski - «non sono più sufficienti a proteggere dalle cyberminacce più sofisticate. È importante che gli utenti e le aziende lo capiscano prima di cadere vittime del prossimo attacco».

Il rapporto specifica anche che le minacce più diffuse (e che sfuggono agli antivirus tradizionali) al giorno d'oggi sono i ransomware Hidden Tear e Cerber, cui si accompagnano le botnet IRCBot e Kelihos. Non mancano comunque i trojan, con Fileless e DNSChangermalware a guidare la classifica dei più diffusi e sfuggenti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il ransomware per Android che blocca lo smartphone due volte
Italia, i ransomware non si fermano
Il ransomware che non vuole soldi, ma foto osè
Il malware per Mac che colpisce anche Linux
Occhio alla pornotruffa che blocca il computer
L'antivirus che rimprovera i pirati

Commenti all'articolo (5)

Premesso che utilizzo Malwarebytes in abbinamento con un antivirus da anni e non ho, fino ad oggi, mai avuto problemi di virus e/o malware, i pochi che ho incontrato - siti malevoli e simili - sono sempre stati intercettati da uno o dall'altro, mi sembra che una dichiarazione del genere da un'azienda che è direttamente parte in causa... Leggi tutto
1-11-2017 16:04

che poi questo sia detto da una azienda che produce strumenti informatici del genere forse non rende questa dichiarazione obbiettiva al 100%... comunque, come detto sopra, è chiaro che un virus nuovo fino a quando non viene scoperto qualcosa combina...
29-10-2017 12:53

@zero Ci sono molti AV, o tool anti-virus, malware, adware, ecc.., che funzionano anche non in tempo reale, per cui non conflittano. E comunque se un virus ancora non ha colpito nessuno è normale che debba prima infettare qualcuno, per poi essere scoperto e "curato". Altrimenti non avrebbe senso aggiornare le definizioni e... Leggi tutto
28-10-2017 22:11

{giovanni}
Da sempre ho sul computer un antivirus con la scansione in tempo reale disattivata. Durante le rare scansioni manuali, non ho quasi mai trovato tracce di malware, a parte sporadici e brevi casi. Bravi i marchettari di malwarebytes che fanno terrorismo psicologico, dando nel contempo degli inetti ai concorrenti.
28-10-2017 21:30

Detto cosi' sembra che avere piu' antivirus protegga di piu' (pensate, non sono bastati 3 AV!), ma invece lo sanno anche i gatti che piu' AV vanno in conflitto tra loro e peggiorano le cose. Il fatto che l'utente avesse piu' AV, fa' capire che era totalmente privo di nozioni di informatica. Il "cliente" ideale per il malware.... Leggi tutto
28-10-2017 17:57

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quando devo spostarmi, lo smartphone mi viene comodo soprattutto per...
Consultare le previsioni del tempo.
Navigare le mappe di una città online.
Consultare le informazioni relative a negozi, bar e ristoranti della zona.
Consultare le informazioni relative al trasporto pubblico (autobus, treni, aerei e via dicendo).
Prenotare un taxi o una macchina Uber o un car sharing.

Mostra i risultati (883 voti)
Giugno 2018
Non tutti i cybercriminali sono dei geni del male
Il malware che infetta Windows 10 e scatta foto del desktop
Come si riconosce un video Deepfake? A occhio
Lucchetto ''smart'' annuncia a tutti la propria password
Lo smartphone pieghevole di Samsung con doppio display
Pseudoscienza al potere oggi: Sud Africa, Spagna, Stati Uniti
Windows 10, il 50% degli utenti ha dovuto pagare un tecnico per i problemi dell'aggiornamento
Ubisoft: ''Le console sono destinate a sparire: ancora una generazione e poi basta''
Bug in Facebook rende pubblici i post privati di 14 milioni di utenti
Microsoft affonda i datacenter per tenerli freschi
L'auto volante di Larry Page: si impara a guidare in meno di un'ora
Microsoft compra GitHub e i programmatori scappano
Il primo attacco informatico della storia... nel 1834?
Medico fa causa a paziente per una recensione negativa online
L'attacco sonico che manda in crash il sistema e rovina gli hard disk
Tutti gli Arretrati


web metrics