I trend tecnologici del 2018: dal cloud all'architettura three-tier



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-01-2018]

three tier
(Fai clic sull'immagine per visualizzarla ingrandita)

Le incertezze del clima politico e dei cambiamenti nelle normative possono fare del 2018 un anno di imprevedibilità per le aziende. Capire il mix giusto di creatività pragmatica ed iniziativa sarà perciò fondamentale per le aziende intenzionate a sviluppare competenze sempre più flessibili, agili e in linea con le normative vigenti.

Mark Lewis di Interoute elenca cinque previsioni per il 2018.

Le reti e il cloud torneranno insieme...

... e le reti saranno la salvezza. Il cloud, ormai, esiste da più di 10 anni (si, 11 con quest'anno) e lo sviluppo di questa tecnologia sembra aver relegato i sistemi legacy all'età della pietra, come a molti piacerebbe farci credere. Ma in un mondo in cui molti sistemi legacy funzionano bene e a costi ridotti, parlare di una loro dismissione è esagerato.

Il 2018 potrebbe essere l'anno in cui i sistemi legacy inizieranno a trovare il loro posto nel mondo, di pari passo con l'affermarsi delle tecnologie per integrarli con le infrastrutture digitali, creando così piattaforme ibride.

L'integrazione di ambienti legacy e applicazioni digitali cloud based è la sfida principale per le aziende in Europa nel tentativo di concretizzare le proprie ambizioni in materia di digital transformation. Il ruolo dei fornitori in grado di sfruttare la rete per raggiungere questi obiettivi sarà sempre più importante, perché le aziende cercheranno di integrare tutte le proprie risorse ICT.

Contemporaneamente, nel 2018 prenderà piede un networking flessibile, application-aware e ottimizzatore del cloud e onnipresente: negli uffici, nei i data-centre, negli impianti produttivi, nei centri operativi, e che, soprattutto, accorcerà le distanze con tutte quelle tecnologie che si trovano oltre il perimetro IT, come le piattaforme IaaS, PaaS e SaaS.

La rete ci supporterà nell'espansione dell'edge e nella scalabilità dell'IT

Una seconda ondata di integrazione tra infrastrutture IT si farà strada nel 2018. Grazie a reti Software Defined e application-aware, l'Edge Computing sarà applicabile in modo più esteso.

La stessa infrastruttura che collega l'edge locale ai cloud centralizzati integrerà e consoliderà anche le reti e le funzioni IT on-premise, snellendo significativamente i carichi di lavoro a livello locale, e rendendo superflua qualsiasi altra infrastruttura IT locale.

Inoltre, questo permetterà a CIO e Responsabili IT di distribuire decisamente con più autonomia i carichi di lavoro, nella location migliore per gli utenti, migliorando quindi le performance dell'engagement delle applicazioni. E' un utilizzo inedito di una funzionalità già esistente: dopo tutto, lo scopo del networking è stato sempre di fornire infrastrutture locali su larga scala.

Chi ha detto architettura Three-Tier?

Se tutto questo sembra suggerire che le architetture Three-Tier stiano sostituendo i mainframe monolitici (leggete: cloud) le infrastrutture Client-Server integrate inadeguatamente, sì, è così, e per la prima volta per le stesse ragioni! Non si potrebbe dirlo meglio che con Oscar Wilde, l'imitazione è la più sincera forma di adulazione.

Abbiamo sicuramente superato i carichi di lavoro banali e generici a livello IT, e siamo entrati nell'era in cui dominano casi specifici. Per sfruttare al meglio queste capacità, i clienti dovranno essere in grado di dare senso a tutte queste infrastrutture IT con programmi concreti. Nel 2018, dovrebbero cercare offerte rivolte all'Infrastructure as Code e che uniscano l'Edge Compute alla compatibilità con il cloud.

Parlando agli sviluppatori di software più esperti, invece, vi ricordate come DCOM ha reso utile COM, e Corba ha proseguito? Ricordate che cosa ha fatto Corba? Probabilmente questa è la differenza tra un'infrastruttura IT fai-da-te e una partnership adeguata alla vostra azienda.

Le vostre iniziative sono ciò che vi separa dal concretizzarsi dei rischi legati al GDPR

La normativa GDPR entrerà in vigore da maggio 2018. Molta attenzione si sta focalizzando sulle potenziali multe per chi non rispetta questa nuova normativa, ma, per stimare una cifra precisa, il garante dovrà analizzare una serie di fattori, tra cui, ad esempio, il tipo di dato coinvolto, le azioni per limitare il danno intraprese dall'organizzazione, e l'esistenza di violazioni precedenti.

Questo significa che le aziende che avranno intrapreso misure responsabili per rispettare gli standard del GDPR dovrebbero interpretare questi punti come un vantaggio nel considerare le eventualità di una potenziale violazione.

Sondaggio
La sopravvivenza di alcune tecnologie "da ufficio" sarà messa a dura prova. Secondo te, quale tra queste non sopravviverà?
Le calcolatrici
Gli scanner
Gli schedari
I telefoni da scrivania
Le bacheche
I compact disc
I boccioni dell'acqua
I post-it
Le chiavette USB

Mostra i risultati (4247 voti)
Leggi i commenti (18)

La carenza di talenti tech costringerà le aziende a globalizzare i dipendenti

Nonostante la costante carenza di skill, i laureati che vedono nella tecnologia e nella scienza una promettente carriera non sono ancora abbastanza. Le assunzioni dovranno essere un'assoluta priorità, per garantirsi i migliori talenti, che permetteranno alle aziende di distinguersi. I talenti già presenti in azienda dovranno evolvere ulteriormente, perché le skill interne dovranno essere condivise in tutto l'ambiente aziendale.

Le piattaforme di collaborazione e comunicazione smart saranno essenziali per far lavorare questi talenti su scala globale. La maggior parte dei decisori IT sta già cercando di globalizzare la propria infrastruttura perché l'azienda possa sfruttare skill provenienti anche dall'esterno e oltre la propria location geografica, nel processo di trasformazione digitale.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

{alan}
Non dimentichiamo che il cloud è nato da una esigenza di marketing, spinta solo dalla convenienza di una certa fascia di clienti, che a furia di pressioni, regali agli amministratori di sistema e investimenti miliardari si è imposta sul mercato. I NAS e SAN avrebbero potuto tranquillamente evolversi, rimanendo di... Leggi tutto
11-1-2018 13:27

{utente anonimo}
sono quasi un addetto ai lavori ma questo articolo e' difficile da comprendere!
10-1-2018 12:29

In realtà, il'intervento riportato nell'articolo mi sembra tanto una rifrittura di aria già fritta. :) Le architetture three-tiered sono roba consolidata da oltre un decennio, e la loro applicazione ai cloud sono così ovvie che OpenStack ti genera in automatico una infrastruttura del genere, completa di switch virtuali e... Leggi tutto
10-1-2018 12:20

{Andrea}
Ma per chi è scritto questo articolo? Contrariamente ad altri interessantissimi su Zeusnews, questo è abbastanza incomprensibile. Magari dice cose fondamentali, ma presentate male. Sarei disposto a scommettere che su 100 lettori, meno di dieci sanno comprendere i termini specifici (rigorosamente in inglese) di cui è... Leggi tutto
10-1-2018 11:47

1) il 3 tier è un Design Patterns descritto 23 anni e più dal classico testo della gang Of Four implementato in ASP.net Ruby On rails etc.. link 2) Dopo la precarizzazione e del mercato del lavoro sopratutto informatica (dove a Genova le aziende storiche e no sono già fallite) adesso la globalizzazione? E poi dove è tutta sta domanda di... Leggi tutto
10-1-2018 02:44

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale mezzo di trasporto pubblico sostituirà quelli attuali nel giro dei prossimi 50 anni?
Evacuated Tube Transport: l'evoluzione dei treni a levitazione magnetica; questi veicoli sono in grado di raggiungere i 6.500 km/h perché viaggiano all'interno di tunnel in cui è creato il vuoto.
String Transport System: cabine sospese fino a 30 metri dal suolo che corrono su binari di acciaio e cemento a oltre 500 km/h.
Tubular Rails: i treni viaggiano a 240 km/h all'interno di anelli sollevati dal suolo che contengono i motori e le ruote, mentre le carrozze ospitano i binari.
I bus viaggiano al di sopra del traffico automobilistico, il quale scorre sotto di loro, usando piccole rotaie poste ai lati della strada.
Shweeb: monorotaia monoposto sospesa e a pedali che permette di raggiungere i 45 km/h.
SolarBullet: il treno ad alta velocità (354 km/h) alimentato a energia solare attualmente allo studio in Arizona (USA).
Treni elettrici che non necessitano di binari perché viaggiano su strada e ricevono l'energia dal sistema contactless installato al di sotto dell'asfalto.
SARTRE: le automobili viaggiano in convogli gestiti dall'intelligenza artificiale; si uniscono i vantaggi del trasporto pubblico alla flessibilità del trasporto privato.
Startram, il maglev orbitale: gli ultimi 20 chilometri del tracciato (di oltre 1.600 km) puntano verso l'alto per portare in orbita i treni.
Ascensore spaziale: una stazione posta a quasi 100.000 km da terra e collegata al suolo da cavi costituiti da nanotubi di carbonio, per portare in orbita uomini e materiali con costi relativamente contenuti.

Mostra i risultati (2595 voti)
Maggio 2018
Microsoft: con l'April 2018 Update, Edge straccia Firefox e Chrome
Apple prepara tre nuovi iPhone per l'autunno, ma le vendite languono
La multa inflitta dal governo a Vivendi? La pagheranno i dipendenti Tim
Chrome, addio al lucchetto che indica i siti sicuri
Hacker distratti rivelano per sbaglio due falle finora sconosciute
Quasi 30 persone uccise dalle auto ''intelligenti'' senza chiavi
Come attivare la modalità riservata nella nuova Gmail
Google Drive cambia faccia per allinearsi a Gmail
Your Phone, l'app che porta iPhone e smartphone Android sui Pc con Windows 10
Veicolo autonomo di Uber investe e uccide: il software ha deciso di ignorare il pedone
Telegram alle strette rivela il rischio di avere dispositivi chiusi come gli iPhone
Windows 10, tutti i problemi dell'April 2018 Update (e come risolverli)
Sì, Cambridge Analytica ha chiuso. Ma è già rinata
In carcere l'uomo che cercava di allungare la vita ai vecchi Pc
Aprile 2018
Gmail, arriva il restyling: ecco come attivare subito le novità
Tutti gli Arretrati


web metrics