Schede video, le criptovalute fanno schizzare il prezzo alle stelle

Videogiocatori frustrati dai miner.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-02-2018]

schede video prezzi criptovalute

Se negli ultimi tempi avete pensato di acquistare una scheda video, vi sarete accolti di come i prezzi siano parecchio alti.

Ciò non è dovuto a un'improvvisa passione per i videogiochi o per la grafica di alta qualità: le responsabili sono le criptovalute.

Bitcoin e soci, generando l'illusione che sia possibile diventare ricchissimi praticamente senza fatica (ma pagando la corrente elettrica che serve per far lavorare con il massimo impegno il Pc), richiedono hardware potente perché l'operazione di mining possa essere condotta, e i processori delle schede video sono il tipo di hardware più adatto a meno che non si voglia comprare un apparecchio dedicato.

Così la richiesta per questo tipo di componenti è aumentata di colpo, tanto che i maggiori produttori di Gpu - nVidia e Amd - non riescono a soddisfarla: di qui la relativa scarsità di prodotti disponibili e i prezzi alti.

«La forte domanda proveniente dal mercato delle criptovalute è andata oltre le nostre aspettative» spiega Colette Krees, vicepresidente e Cfo di nVidia, che ha ottenuto ottimi risultati nell'ultimo trimestre fiscale raggiungendo la cifra record di 2,91 miliardi di dollari in ricavi.

Tuttavia, nVidia stessa sa bene che «le criptovalute sono un settore molto instabile» e l'ondata positiva potrebbe arrestarsi già entro un anno, ponendo finalmente fine alla frustrazione dei videogiocatori che non trovano schede decenti a prezzi abbordabili.

Un intero anno di scontento è però un periodo molto lungo, e così nVidia ha iniziato a invitare gli assemblatori a preferire i gamer rispetto ai miner.

Non solo, insieme a Amd sta lavorando per aumentara la produzione, anche se la richiesta "drogata" dalle criptovalute sta ponendo problemi anche nel reperimento dei componenti, in particolare per quanto riguarda le memoria Gddr 5 e Hbm 2.

In ogni caso, la situazione attuale è ancora poco favorevole all'acquisto: sebbene i prezzi siano in una fase fluttuante (spesso in corrispondenza con il fluttuare del valore delle criptovalute), in generale non sembra essere un buon momento per acquistare una scheda grafica, e se non c'è assoluto bisogno è meglio aspettare che il mercato trovi un nuovo equilibrio.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Scienziati russi arrestati perché generavano Bitcoin da un sito di armi nucleari
Intelligenza artificiale sostituisce volti nei video, inganno quasi perfetto
Nvidia dice addio ai 32 bit

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)

Eh già, due soli produttori che monopolizzano il mercato non fanno troppa fatica a fare cartello.
14-2-2018 18:46

@Gladiator è proprio quello che dico io, in un vero regime di concorrenza chi riesce a vendere di più abbassa i costi di produzione e quindi i prezzi per poter vendere di più e aumentare ulteriormente i guadagni creando un circolo virtuoso a favore degli utenti. La cosa cambia quando si mettono d'accordo i due grandi produttori..
13-2-2018 19:36

Francamente mi sembra una spiegazione pretestuosa e di comodo per mantenere alti i prezzi... sarà che io penso sempre male... :roll:
13-2-2018 19:07

io penso che una scheda che è stata usata per minare criptovaluta sia giusto che venga acquistata in criptovaluta, il giorno che la bolla sarà scoppiata :twisted:
13-2-2018 10:31

La prima frase è negativa ma sei d'accordo con me. Gli attori del duopolio hanno preferito non aumentare la produzione. Che è il punto che facevo io. Sul downvolt sono d'accordo con te, anzi io credo che le farm, trattandosi di un investimento in cui è vitale il ritorno, hanno una percentuale di schede che muoiono piuttosto bassa. Ma... Leggi tutto
12-2-2018 16:42

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale di questi consigli ritieni più importante per una vacanza all'insegna della sicurezza?
Aggiornare il sistema operativo, i programmi installati e le applicazioni, eliminando così eventuali falle di sicurezza già scoperte.
Evitare di usare WLAN pubbliche (in hotel, Internet Café, aeroporto...): solitamente sono protette in maniera inadeguata e i dati possono essere spiati. Meglio utilizzare una connessione mobile UMTS.
Evitare di fare online banking in vacanza e non scaricare o salvare dati personali e sensibili su Pc pubblici.
Creare un indirizzo ad hoc per inviare cartoline elettroniche via email, da disattivare al rientro qualora venisse compromesso.
Impostare una password all'accensione su smartphone e tablet e un PIN per lo sblocco della tastiera.
Fare il backup del notebook o del netbook che si porta in vacanza, crittografando i dati per limitare i danni in caso di furto.

Mostra i risultati (1700 voti)
Novembre 2019
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Ottobre 2019
Il grande database della cacca cerca volontari
Google, i domini .new diventano scorciatoie
Wind Tre, con l'anno nuovo aumentano le bollette
Omessa custodia del cellulare, sanzionata l'insegnante del post anti-Arma
Smartphone e batteria, con la modalità scura si risparmia davvero
Il Galaxy S10 si sblocca con qualsiasi impronta
Windows 7 a fine vita, Microsoft importuna coi pop-up
Linux, seria falla nel comando sudo
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Tutti gli Arretrati


web metrics