Schede video, le criptovalute fanno schizzare il prezzo alle stelle

Videogiocatori frustrati dai miner.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-02-2018]

schede video prezzi criptovalute

Se negli ultimi tempi avete pensato di acquistare una scheda video, vi sarete accolti di come i prezzi siano parecchio alti.

Ciò non è dovuto a un'improvvisa passione per i videogiochi o per la grafica di alta qualità: le responsabili sono le criptovalute.

Bitcoin e soci, generando l'illusione che sia possibile diventare ricchissimi praticamente senza fatica (ma pagando la corrente elettrica che serve per far lavorare con il massimo impegno il Pc), richiedono hardware potente perché l'operazione di mining possa essere condotta, e i processori delle schede video sono il tipo di hardware più adatto a meno che non si voglia comprare un apparecchio dedicato.

Così la richiesta per questo tipo di componenti è aumentata di colpo, tanto che i maggiori produttori di Gpu - nVidia e Amd - non riescono a soddisfarla: di qui la relativa scarsità di prodotti disponibili e i prezzi alti.

«La forte domanda proveniente dal mercato delle criptovalute è andata oltre le nostre aspettative» spiega Colette Krees, vicepresidente e Cfo di nVidia, che ha ottenuto ottimi risultati nell'ultimo trimestre fiscale raggiungendo la cifra record di 2,91 miliardi di dollari in ricavi.

Tuttavia, nVidia stessa sa bene che «le criptovalute sono un settore molto instabile» e l'ondata positiva potrebbe arrestarsi già entro un anno, ponendo finalmente fine alla frustrazione dei videogiocatori che non trovano schede decenti a prezzi abbordabili.

Un intero anno di scontento è però un periodo molto lungo, e così nVidia ha iniziato a invitare gli assemblatori a preferire i gamer rispetto ai miner.

Non solo, insieme a Amd sta lavorando per aumentara la produzione, anche se la richiesta "drogata" dalle criptovalute sta ponendo problemi anche nel reperimento dei componenti, in particolare per quanto riguarda le memoria Gddr 5 e Hbm 2.

In ogni caso, la situazione attuale è ancora poco favorevole all'acquisto: sebbene i prezzi siano in una fase fluttuante (spesso in corrispondenza con il fluttuare del valore delle criptovalute), in generale non sembra essere un buon momento per acquistare una scheda grafica, e se non c'è assoluto bisogno è meglio aspettare che il mercato trovi un nuovo equilibrio.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Scienziati russi arrestati perché generavano Bitcoin da un sito di armi nucleari
Intelligenza artificiale sostituisce volti nei video, inganno quasi perfetto
Nvidia dice addio ai 32 bit

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)

Eh già, due soli produttori che monopolizzano il mercato non fanno troppa fatica a fare cartello.
14-2-2018 18:46

@Gladiator è proprio quello che dico io, in un vero regime di concorrenza chi riesce a vendere di più abbassa i costi di produzione e quindi i prezzi per poter vendere di più e aumentare ulteriormente i guadagni creando un circolo virtuoso a favore degli utenti. La cosa cambia quando si mettono d'accordo i due grandi produttori..
13-2-2018 19:36

Francamente mi sembra una spiegazione pretestuosa e di comodo per mantenere alti i prezzi... sarà che io penso sempre male... :roll:
13-2-2018 19:07

io penso che una scheda che è stata usata per minare criptovaluta sia giusto che venga acquistata in criptovaluta, il giorno che la bolla sarà scoppiata :twisted:
13-2-2018 10:31

La prima frase è negativa ma sei d'accordo con me. Gli attori del duopolio hanno preferito non aumentare la produzione. Che è il punto che facevo io. Sul downvolt sono d'accordo con te, anzi io credo che le farm, trattandosi di un investimento in cui è vitale il ritorno, hanno una percentuale di schede che muoiono piuttosto bassa. Ma... Leggi tutto
12-2-2018 16:42

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Ad alta quota, secondo te, qual è il comportamento più fastidioso?
Il passeggero della fila avanti che reclina lo schienale, senza nemmeno girarsi e avvisarti gentilmente.
Il passeggero della fila dietro che punta le piante dei piedi (o le ginocchia) nella parte alta del sedile.
I bambini che urlano ripetutamente o infastidiscono gli altri passeggeri, senza che i genitori intervengano.
Il passeggero che puzza di sudore.
Il passeggero che ascolta la musica ad alto volume.
Il passeggero che si ubriaca in volo.
Il passeggero che cerca di psicanalizzarti... per tutto il viaggio.
Il passeggero che si allarga sui braccioli del vicino.
I passeggeri che amoreggiano durante il volo.
Il passeggero che cerca di rimorchiare.

Mostra i risultati (2134 voti)
Febbraio 2019
WinRAR, falla vecchia di 14 anni minaccia 500 milioni di utenti
Blu-ray in declino, Samsung cessa la produzione di lettori
Chiavette USB per rilevare eventuali cyberattacchi
Microsoft chiede agli utenti di non usare Internet Explorer
Cassandra Crossing/ Colore viola addio
Microsoft: Non comprate Office 2019
Storia di un attacco informatico a una banca
Lasciate Facebook per un mese: vi farà bene
Windows Update irraggiungibile, ma torna a funzionare cambiando i DNS
Prosecco italiano sotto accusa: distrugge le colline da cui nasce
Gennaio 2019
Cassandra Crossing/ Truffati o indotti in errore?
La lavastoviglie compatta che lava i piatti in 10 minuti
Microsoft azzoppa Windows Media Player in Windows 7
Facebook vuole unificare Instagram, Messenger e WhatsApp
Windows Lite farà piazza pulita delle ''piastrelle'' nel menu Start
Tutti gli Arretrati


web metrics