Il creatore dei Bitcoin citato in giudizio per 10 miliardi di dollari

Finalmente confermata l'identità di Satoshi Nakamoto?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-02-2018]

bitcoin causa wright

Il "padre" dei Bitcoin è stato trascinato in tribunale per una causa da ben 10 miliardi di dollari.

La notizia può sembrare strana a tutti quanti conoscono almeno un po' la storia dei Bitcoin. Il creatore della più famosa criptovaluta è infatti Satoshi Nakamoto, ma questo nome è in realtà soltanto uno pseudonimo: la reale identità è ufficialmente sconosciuta. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Sei favorevole a tassare l'uso del denaro contante per diffondere l'uso della moneta elettronica?
Totalmente favorevole.
Favorevole, ma timoroso della sicurezza delle transazioni.
Favorevole, ma bisogna tutelare chi non vuole o non sa usare la moneta elettronica.
Totalmente contrario.
Basterebbe abolire i costi bancari sulle transazioni elettroniche.

Mostra i risultati (6098 voti)
Leggi i commenti (93)
Tuttavia, nel 2016 un uomo s'è fatto avanti sostenendo di essere Nakamoto: si tratta di Craig Wright, un imprenditore australiano, che in effetti è coinvolto nella criptovaluta sin dagli inizi.

Non tutti credono che Wright sia davvero Nakamoto e, anzi, le prove portate sino a oggi non sono state conclusive. Quale che sia la verità, però, ora l'uomo è accusato di aver rubato numerosi Bitcoin da un collaboratore, Dave Kleiman, morto nel 2013: è la famiglia di questi ad aver iniziato la causa.

«Craig» - sostiene uno degli avvocati - «falsificò una serie di contratti per trasferire i beni di Dave a Craig o ad altre aziende da questo controllate. Craig retrodatò quei contratti, e falsificò la firma di Dave».

I documenti relativi alla causa affrontano anche la questione relativa all'identità del creatore dei Bitcoin, restando però sul vago.

«Non è chiaro» - si legge - «se Craig, Dave o entrambi abbiano creato i Bitcoin. È innegabile, tuttavia, che Craig e Dave siano stati coinvolti nei Bitcoin sin dagli inizi, e che entrambi abbiano accumulato una vasta fortuna in Bitcoin tra il 2009 e il 2013».

L'intera vicenda è dunque una questione di denaro e proprietà intellettuale, che probabilmente ha preso il via perché ora i Bitcoin valgono molto di più di quanto valessero all'inizio della loro storia, ma forse, se si arriverà a un processo, si farà un po' di chiarezza sulla vera identità di Satoshi Nakamoto.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

Questo Craig non mi sembra molto furbo se ha fatto ciò che per cui viene imputato e si è fatto avanti mettendosi sotto la luce dei pubblici riflettori sostenendo di essere Nakamoto. Se ti appropri indebitamenti di una cifra del genere e sei minimamente intelligente cerchi di rimanertene nell'ombra (IMHO)... :roll:
3-3-2018 18:34

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Per quale servizio collegato a un prodotto per la smart home saresti più disposto a pagare fino a 15 euro al mese?
Lo scongiurare dei guasti dei prodotti smart, per esempio lavastoviglie, connettendoli ai fabbricanti, in modo da identificarli e anticiparne qualsiasi problema.
Collegamento alla compagnia assicuratrice che interviene in caso di allagamento, intrusione o allarme quando non sono in casa.
Assistenza nella vita di tutti i giorni per gli anziani.
Collegamento dei dati relativi alla salute al medico o al reparto ospedaliero per il monitoraggio dei parametri vitali chiave.
Collegamento alla società di sicurezza che intervenga quando l'allarme si spegne.
Nessuno di questi

Mostra i risultati (1207 voti)
Agosto 2022
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
E Spot prese il fucile
Gmail, la nuova interfaccia adesso è per tutti
Luglio 2022
Istruzioni per il voto: la busta
Il Tribunale di Milano ordina a Cloudflare di censurare tre siti
Microsoft, un nuovo Windows ogni tre anni
TIM: 9.000 esuberi e un ultimatum al Governo
L'algoritmo che predice i crimini con una settimana d'anticipo
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 11 agosto


web metrics