Google blocca le app sugli smartphone Android non certificati

Limiti anche alle installazioni di firmware ''custom''.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-03-2018]

android certificati

Il numero degli utenti Android è così ampio che, probabilmente, la maggior parte non si pone alcuna questione "filosofica" sul sistema operativo che anima lo smartphone o il tablet.

Tuttavia, uno dei vantaggi della creatura di Google è la sua natura open source: ciò ha dato vita a tutta una serie di versioni alternative che si affiancano legittimamente all'edizione che esce dal quartier generale di Mountain View e che gli utenti più avvezzi a operare sui loro dispositivi apprezzano. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Il gadget del momento lo smart watch. Si indossa al polso come un orologio tradizionale ma consente di telefonare, mandare Sms, accedere al web, leggere l'email, postare su Twitter o Facebook, ascoltare la musica. Ne acquisteresti uno?
S, per leggere l'email / gli Sms / Facebook / Twitter o per ascoltare la musica senza dover utilizzare il telefonino.
No. Ho gi uno smart watch: il mio telefonino. Non sono interessato a un altro accessorio.
No. Non mi interessa leggere l'email o accedere al web dall'orologio. Preferisco che orologio e telefono siano separati.
No. E' una cavolata.
Non saprei.

Mostra i risultati (2627 voti)
Leggi i commenti (18)
I nomi principali di queste edizioni personalizzate di Android sono ormai così famosi che anche i normali utenti facilmente ne hanno sentito parlare: possiamo citare per esempio CyanogenMod, AOKP e Paranoid Android.

Questo variegato panorama non è però completamente idilliaco. Sebbene la creazione di versioni alternative (o custom Rom, come si usa dire) sia libera e lecita, la distribuzione delle app di Google è regolamentata, ma non tutti quanti preparano le varie Rom rispettano i vincoli e le licenze.

Questi operatori disonesti sono generalmente non i creatori di varianti Android che operano sui forum e si coordinano tramite essi, ma alcuni produttori di smartphone che non si prendono la briga di ottenere da Google le necessarie licenze ufficiali, eppure installano ugualmente le app della Grande G o le distribuiscono illegalmente tramite siti di terze parti.

Così, Google ha preso una decisione: d'ora in avanti, i dispositivi non certificati il cui firmware sia stato compilato dopo il 16 marzo 2018 non potranno accedere alle app. Gli utenti riceveranno un avvertimento e non potranno entrare nel loro account Google.

In questo modo - ragiona Google - i produttori saranno spinti a richiedere le legittime licenze oppure dovranno limitarsi a usare la versione di Android completamente open source (ossia priva delle app di Google).

Il guaio di questo scenario è che quanti abitualmente usano le custom Rom divengono vittime collaterali del braccio di ferro tra Google e i produttori disonesti. Fortunatamente, il gigante di Mountain View ha previsto una via d'uscita, o qualcosa del genere.

Chi installa una custom Rom, per poter adoperare le app di Google e non ricevere il messaggio di errore, dovrà obbligatoriamente registrare il proprio dispositivo all'interno di una lista bianca ogni volta che farà un ripristino alle impostazioni di fabbrica, cosa che avviene quando si installa una nuova Rom.

Questa possibilità però è limitata: è possibile infatti sfruttarla soltanto 100 volte. Si tratta di un numero certamente più che sufficiente per un utente che voglia semplicemente ravvivare il proprio smartphone provando una Rom alternativa, ma che potrebbe essere insufficiente per quanti spesso testano nuove versioni del firmware.

Al momento, Google non ha ancora affrontato ufficialmente le lamentele che già si stanno levando per questi limiti imposti alla libertà degli utenti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Lineage OS è già disponibile
Addio CyanogenMod, benvenuto Lineage OS
Cyanogen lancia la piattaforma ''Mod'' per integrare le app in Android
Android, quando il trojan è direttamente nel firmware
Stallman: Android non è software libero

Commenti all'articolo (4)

Sono d'accordo, Android ha parti open e parti non open source... Leggi tutto
1-4-2018 19:24

{utente anonimo}
ma per i simulatori android su pc, tipo Nox, ci saranno problemi?
29-3-2018 22:44

{ilmio}
"il cui firmware sia stato compilato dopo il 16 marzo 2018"; quindi basterà cambiare l'ora del pc prima di compilare il kernel. Spero che a Google non siano così stolti e che sia implementato qualche altro controllo.
29-3-2018 16:15

Se non mi sbaglio un SW, per essere considerato Open Source, deve essere totalmente open. E android ha diverse parti non-open. Leggi tutto
28-3-2018 17:40

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale di questi consigli ritieni pi importante per una vacanza all'insegna della sicurezza?
Aggiornare il sistema operativo, i programmi installati e le applicazioni, eliminando cos eventuali falle di sicurezza gi scoperte.
Evitare di usare WLAN pubbliche (in hotel, Internet Caf, aeroporto...): solitamente sono protette in maniera inadeguata e i dati possono essere spiati. Meglio utilizzare una connessione mobile UMTS.
Evitare di fare online banking in vacanza e non scaricare o salvare dati personali e sensibili su Pc pubblici.
Creare un indirizzo ad hoc per inviare cartoline elettroniche via email, da disattivare al rientro qualora venisse compromesso.
Impostare una password all'accensione su smartphone e tablet e un PIN per lo sblocco della tastiera.
Fare il backup del notebook o del netbook che si porta in vacanza, crittografando i dati per limitare i danni in caso di furto.

Mostra i risultati (1622 voti)
Gennaio 2019
Un futuro senza chiavette USB
Facebook sotto accusa: giochini per ''spennare'' gli utenti più giovani
Pubblicata la ''master list'' degli hacker
Un intero computer (completo di schermo e tastiera) all'interno di un mouse
Non è reato filmare una donna nuda in casa sua se non usa le tende
Sei consigli per difendersi dal ransomware
Windows 7 riconosciuto come contraffatto dopo le ultime patch
IoT sotto attacco: ora tocca alle vasche idromassaggio
Apple taglia la produzione di iPhone: l'obsolescenza programmata non funziona più
Il primo computer quantistico progettato per applicazioni commerciali
Il bat-sonar Microsoft usa gli altoparlanti intelligenti per mappare intere stanze
Otter Browser, il vero successore di Opera Classic
Mozilla sperimenta gli spot in Firefox. Gli utenti insorgono
Richard Stallman fa i complimenti a Microsoft
Dicembre 2018
Microsoft cambia Pulizia Disco per salvare gli utenti sbadati da sé stessi
Tutti gli Arretrati


web metrics