La falla in Outlook che consente di rubare facilmente le password di Windows

La patch c'è, ma non basta.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-04-2018]

falla outlook

Se abitualmente usate Outlook per gestire la posta elettronica, forse è meglio che almeno per un po' prendiate in considerazione qualche alternativa.

Lo scorso 11 aprile Microsoft ha rilasciato la patch per una vulnerabilità che interessa proprio Outlook ma, anziché correggere completamente la falla, esse ne riduce soltanto di un po' la portata.

La storia inizia quasi 18 mesi fa, quando Will Dormann del Cert Coordination Center scopre un bug in Outlook.

Il problema risiede nel modo in cui Outlook gestisce i contenuti OLE quando si tratta di mostrare l'anteprima di un documento in formato Rtf: nel caso nel documento sia presente un oggetto remoto, come un'immagine ospitata su un server Smb, Outlook inizia automaticamente la connessione Smb per poter visualizzare l'oggetto.

Questa pratica fa sì che venga effettuato, senza alcun intervento da parte dell'utente, un tentativo di autenticazione con il server remoto attraverso il protocollo Smb, e durante questo processo vengono trasmesse informazioni utili a chi voglia tentare la violazione di un computer.

Non si tratta soltanto del semplice indirizzo IP: i dati rivelati «possono includere il nome del dominio, il nome dell'utente, il nome dell'host, e l'hash della password. Se la password dell'utente non è sufficientemente complicata, il malintenzionato può essere in grado di scoprirla in poco tempo» come spiega Dormann.

La presenza del bug è stata segnalata a Microsoft non appena scoperta, ossia nel novembre 2016, ma fino allo scorso 11 aprile nessuna correzione è stata rilasciata.

Sondaggio
La sopravvivenza di alcune tecnologie "da ufficio" sarà messa a dura prova. Secondo te, quale tra queste non sopravviverà?
Le calcolatrici
Gli scanner
Gli schedari
I telefoni da scrivania
Le bacheche
I compact disc
I boccioni dell'acqua
I post-it
Le chiavette USB

Mostra i risultati (5009 voti)
Leggi i commenti (18)

Finalmente, martedì scorso la patch è arrivata, ma essa è soltanto parziale. Infatti impedisce a Outlook di iniziare automaticamente le connessioni Smb durante l'anteprima dei file Rtf, ma secondo i ricercatori del Cert ciò non previene completamente gli attacchi.

«È importante capire» - spiegano - «che persino con questa pach l'utente si trova ad appena un clic di distanza dal cadere vittima di uno degli attacchi descritti. Per esempio, se un messaggio contiene un link Unc che comincia con "\\", un clic sul collegamento dà il via a una connessione Smb con il server specificato».

Per prevenire situazioni del genere, se abbandonare del tutto Outlook non fosse possibile, gli esperti del Cert consigliano di chiudere le porte usate per le connessioni Smb (tcp 445, tcp 137, udp 137 e udp 139) e bloccare l'autenticazione Single Sign-On di NT Lan Manager.

Altre due raccomandazioni sono sempre valide, non soltanto in questo caso: utilizzare password complesse e non cliccare sui link presenti nelle email di provenienza sospetta.

html message annotated
rtf message annotated
wireshark annotated

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Outlook, bug nell'ultimo update impedisce di scrivere le email
Falla nella schermata Impostazioni di Windows 10, ma la patch non arriverà mai
Microsoft cancella Paint e Outlook Express da Windows
Un PC con Outlook è ancora infettabile guardando una mail
Due strumenti open source per accedere ai file di Outlook

Commenti all'articolo (5)

Eh già, proprio quella, bizzarro vero? In ogni caso un'altra buona ragione per abbandonare Outlook, almeno per chi lo usa ancora. Leggi tutto
22-4-2018 10:36

Ma allora c'è da chiedersi se non sia bacato il protocollo SMB. Anche se io autorizzassi la connessione, perché mai dovrebbero essere esposti dati potenzialmente utili ad eventuali malandrini?
19-4-2018 21:15

{franco1937}
premesso che non sono un esperto, faccio presente che forse la realtà è un po' diversa - mi è capitato 2-3 volte di un pop-up con la richiesta (vado a memoria) di autorizzare la connessione ad un server esterno per acquisire informazioni necessarie per integrare la mail-- capisco adesso il significato di quella... Leggi tutto
19-4-2018 11:57

Me è la stessa Microsoft che vigilerà sulle elezioni con il Programma per la Difesa della Democrazia ?
19-4-2018 10:19

Esistono molte versioni di outlook, e se non si indica quali sono quelle coinvolte, si da' una mezza notizia.
18-4-2018 11:03

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (400 voti)
Ottobre 2021
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Pesa di più una chiavetta USB piena di dati o una vuota?
Settembre 2021
iPhone 14: un progetto completamente nuovo
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 21 ottobre


web metrics