Facebook respinge le accuse: ''No, non è l'utente il nostro prodotto''



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-04-2018]

facebook utenti prodotto gratis

Il vecchio adagio con il quale tutti, prima o poi, vengono messi in guardia da chi offre loro qualcosa di gratuito recita: «Se non devi pagare per averlo, vuol dire che il prodotto sei tu».

Da quando Facebook è finito sulla graticola per la vicenda di Cambridge Analytica, quella frase viene ripetuta un giorno sì e l'altro pure, tanto che ormai i dirigenti del social network sembrano averne le tasche piene.

In un post sul blog ufficiale il vicepresidente che si occupa della pubblicità su Facebook, Rob Goldman, ha deciso di affrontare pubblicamente una «domanda difficile»: «Se non pago per accedere a Facebook, il prodotto sono io?».

«No» spiega Goldman. «Il nostro prodotto sono i social media - la capacità di connetterti con le persone che per te contano, dovunque si trovino nel mondo. È la stessa cosa che accade con un motore di ricerca, un sito o un giornale gratuito. Il prodotto principale è la lettura delle notizie, o il ritrovamento delle informazioni; le pubblicità esistono per finanziare quella esperienza». L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Completa la frase con quella che ritieni più opportuna, oppure aggiungi una risposta nei commenti. Secondo te, il networking online attraverso i siti social...
Serve a costruirsi un'efficiente rete professionale.
E' particolarmente utile per cercare opportunità di lavoro.
Serve a comunicare la qualità di saper lavorare in team.
E' un'opportunità che sfruttano soprattutto i più giovani.
Elimina le barriere geografiche.
Accorcia le distanze tra amici e famigliari.
Serve a tenersi sempre aggiornati.
Permette di stabilire relazioni rilevanti.
E' lo strumento per eccellenza per creare solide relazioni professionali.
Consente di comunicare i propri successi lavorativi.
E' utile per chiedere una raccomandazione.

Mostra i risultati (936 voti)
Leggi i commenti (13)
Per offrire i banner pubblicitari, Facebook analizza le attività degli utenti ma - e questa è la parte che interessa sottolineare a Goldman - agli inserzionisti vengono fornite soltanto informazioni generali ai fini di organizzare le campagne pubblicitarie: dati demografici, il numero delle persone che ha cliccato su certe pubblicità, il tempo trascorso a visualizzare certi contenuti, la maggiore o minore popolarità di un dato banner sugli smartphone o sui Pc, e via di seguito. Non è possibile in base a questi dati identificare un singolo utente.

Tutto ciò è, in sé, vero. Tuttavia, come ha fatto notare l'analista di GBH Insights Daniel Ives, sebbene il prodotto principale di Facebook siano i social media, non sono questi ad aver trasformato l'idea di Mark Zuckerberg in un affare da miliardi di dollari.

«Il loro prodotto è costituito dai social media, ma la loro capacità di trarre guadagni deriva dalla pubblicità» sintetizza Ives.

Il fatto che la raccolta di dati - e la consegna delle informazioni agli inserzionisti - non riguardi i singoli ma vastissimi gruppi di utenti non cambia il fatto che è proprio tramite questa profilazione che Facebook sopravvive e prospera.

D'altra parte, è anche vero che se tutto funziona come dovrebbe i dati sono raccolti in modo tale da non intaccare la privacy dei singoli.

Il guaio accade quando i controlli sono poco attenti (per dolo o per errore) e nelle mani di alcune società finiscono dati privati e importanti, come per l'appunto nel caso di Cambridge Analytica: Facebook ha la possibilità di mettere le mani su un'infinità di informazioni relative a ciascuno degli utenti - i quali peraltro le forniscono di propria spontanea volontà - e tutto ciò regala un potere immenso a chi può disporne a proprio piacimento.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

E, quindi, senza se e senza ma, il prodotto è l'utente ed è inutile e tendenzioso girarci intorno. Leggi tutto
30-4-2018 15:20

{paolo del bene}
Si vabbè Zuckerberg, volevano dire CAMERON & TYLER WINKLEVOSS inventori di "CONNECTU", spacciato poi per THEFACEBOOK e poi come FACEBOOK, NESSUNA IDEA DI ZUCKERBERG, FU RUBATO A CAMERON & TYLER WINKLEVOSS E DOPO LA CAUSA ZUCKERBERG PAGÒ A LORO OLTRE 60.000.000 USD per FRODE. MA UN LADRO RIMANE PUR SEMPRE... Leggi tutto
27-4-2018 19:16

{robota}
" e tutto ciò regala un potere immenso a chi può disporne a proprio piacimento ". Infatti. E mi ricordo un quasi imberbe Zuckerberg, ancora non istruito da psicologi e sociologi, che commentava meravigliato sugli "idioti" che gli regalavano i loro dati. E farei notare anche che i dati conferiti ad una... Leggi tutto
26-4-2018 16:48

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Utilizzi le licenze Creative Commons per i tuoi lavori?
Sì: le Creative Commons mi aiutano a diffondere il mio lavoro gratuitamente e ottenendone il credito.
No: non ho motivo di utilizzarle perché esiste già una legge sul copyright.
Sì: le Creative Commons mi consentono di diffondere il mio lavoro e di ottenere dei guadagni.
No: necessito di ricavare dei soldi dal mio lavoro, e le Creative Commons non mi aiutano in tal senso.

Mostra i risultati (404 voti)
Agosto 2022
Microsoft avvisa: attenzione all'aggiornamento KB501270
WhatsApp, arriva il blocco degli screenshot
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
E Spot prese il fucile
Gmail, la nuova interfaccia adesso è per tutti
Luglio 2022
Istruzioni per il voto: la busta
Il Tribunale di Milano ordina a Cloudflare di censurare tre siti
Microsoft, un nuovo Windows ogni tre anni
TIM: 9.000 esuberi e un ultimatum al Governo
L'algoritmo che predice i crimini con una settimana d'anticipo
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 20 agosto


web metrics