Pagare per Facebook? Il sondaggio di Mozilla svela le intenzioni degli utenti

Tutti sono preoccupati per la privacy, ma pochi agiscono davvero.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 13-05-2018]

sondaggio mozilla pagare facebook

Da quanto Mark Zuckerberg in persona ne ha fatto menzione, la possibilità che Facebook diventi a pagamento (in tutto o in parte) è diventata oggetto di interesse e discussione per i 2 miliardi di utenti che affollano il social network.

La domanda di fondo è: qualcuno sarebbe davvero disposto a pagare per continuare a utilizzare Facebook, posto che ciò metta un fermo alla raccolta dei loro dati personali?

Anche Mozilla s'è posta questa domanda, ma non s'è limitata a interrogarsi: ha creato un sondaggio in proposito, al quale hanno risposto oltre 47.000 persone. Poi ha pubblicato i risultati.

È così saltato fuori che, dallo scandalo Cambridge Analytica in giù, la preoccupazione degli utenti circa il destino dei loro dati ha iniziato a interessare una solida maggioranza di persone: ben il 76% di quanti hanno risposto al sondaggio. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Alcuni anni fa, L'Agenzia delle Entrate pubblicò sul web i redditi dei cittadini; poi, dopo l'intervento del Garante Privacy, li mise offline. Questi dati secondo te devono essere disponibili su Internet?
No
Non saprei

Mostra i risultati (5158 voti)
Leggi i commenti (24)
Tuttavia, alla preoccupazione non ha fatto seguito l'azione: soltanto il 24% del campione ha apportato cambiamenti alle autorizzazioni concesse a Facebook in materia di trattamento dei dati.

Quanti, però, pagherebbero per un Facebook discreto? Pochi: solo l'11,43% sarebbe disposto a sborsare una cifra (fino a un massimo di 10 dollari al mese). Un ulteriore 1% pagherebbe anche di più, ma il 62,84% la risposta alla domanda è un secco «No».

Il restante 34,68%, infine, è indeciso: non essendo ancora obbligato a scegliere, non sa se sarebbe disposto ad aprire il portafogli per continuare ad apparire sul social network.

Infine, c'è un ultimo risultato interessante: il 65% di quanti hanno risposto sostiene di ritenere sé stesso il maggiore responsabile della sicurezza dei propri dati. Non Facebook stesso o le aziende, non il governo: dopotutto è solo logico che ciascuno sia responsabile di ciò che mette a disposizione di tutti.

Di seguito, l'infografica completa (in inglese) che raccoglie i risultati del sondaggio.

FacebookSurveyReportOut 2040 May3 1

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Facebook, Mark Zuckerberg pensa a una versione a pagamento
Sì, Cambridge Analytica ha chiuso. Ma è già rinata
Facebook respinge le accuse: ''No, non è l'utente il nostro prodotto''
In fuga da Facebook?
Facebook: ''La crescita è tutto, anche a costo di uccidere''

Commenti all'articolo (5)

Io non ce l'ho e non lo voglio neanche gratis... figurarsi a pagamento. :roll: p.s. Bella ziomik... :lol:
17-5-2018 18:42

Pensate che io pagherie per NON usarlo
13-5-2018 08:47

Dopo anni di resistenze anch'io mi sono iscritto a Facebbok, i miei dati sono esatti, per il privato non vi è nessuna mia foto nè dei miei familiari, dei miei interessi sono iscritto a vari gruppi di mercatini vicini perchè vi sono cose interessanti magari dietro la porta che possa servire, ed anchio ogni tanto metto qualcosa in vendita,... Leggi tutto
12-5-2018 19:01

No, no. Hai capito e visto che la matematica non è una opione... il sondaggio di Mozilla pare un grandissimo fake. Comunque non c'era bisogno si scomodasse la Mozilla Foundation, lo avevo già scritto io in un commento a questo articolo che la gente non è disposta a pagare m...a :D ... Leggi tutto
12-5-2018 14:42

I conti non tornano (o non ho capito i dati): 11.43+1+62.84+34.68 = 109.95 . Leggi tutto
12-5-2018 12:11

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Cosa fai se non usi un'applicazione da molto tempo?
La lascio nel dispositivo, potrei averne bisogno un giorno
La eliminano. Quando ne avrò bisogno, la scaricherò di nuovo

Mostra i risultati (956 voti)
Ottobre 2018
Il font che ti aiuta a ricordare quello che leggi
Finisce l'obbligo di installare Chrome su Android: Google piegata dalla multa UE
I robot giganti di Elon Musk
Violare WhatsApp? Basta una videochiamata
Microsoft: ecco perché l'Update di Windows 10 cancellava i file degli utenti
Microsoft getta la spugna e ritira l'aggiornamento di ottobre per Windows 10
Windows 10, attenti all'aggiornamento: potrebbe cancellare i documenti
Windows 10, arriva l'update di ottobre: ecco come aggiornare subito
WhatsApp, arriva la pubblicità
Migliaia di siti mobile accedono ai sensori dello smartphone senza informare l'utente
Settembre 2018
Demonoid offline da giorni, il proprietario è irreperibile
Virtual Desktop: Windows 10 diventa virtuale e si sposta nel cloud
Il bug in Firefox che manda in crash il browser (e spesso anche il sistema operativo)
Ex CEO di Google: tra dieci anni ci saranno due Internet
Il fallimento di Windows Store: un documento interno ne rivela la portata
Tutti gli Arretrati


web metrics