Intel entra nel mercato delle schede grafiche, sfidando nVidia e Amd

I primi prodotti usciranno nel 2020.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-06-2018]

intel gpu discrete

Sono anni, ormai, che i processori Intel non si possono più definire semplicemente Cpu: integrano infatti anche le funzionalità che appartengono alla Gpu, ossia alla scheda grafica.

Nonostante i miglioramenti occorsi queste soluzioni integrate non soddisfano le necessità di chi ha bisogno di una Gpu di elevata potenza (come i videogiocatori e chi si occupa di elaborazioni grafiche o video, per esempio, i quali scelgono quindi schede grafiche discrete), ma per quanti fanno lavoro da ufficio esse sono più che sufficienti.

Ora però Intel ha deciso di fare il grande salto e andare a sfidare direttamente sul loro terreno i produttori di schede grafiche discrete, ossia nVidia e Amd, preparandosi a lanciare una propria linea di schede grafiche.

«La prima GPU Intel discreta arriverà nel 2020» ha infatti annunciato via Twitter Raja Koduri, approdato al gigante dei chip lo scorso novembre come Chief Architect del neonato Core and Visual Computing Group.

Sebbene i dettagli circa i piani di Intel nel settore siano ancora assenti, secondo le indiscrezioni l'azienda di Santa Clara sta pensando di produrre soluzioni sia per il settore client (videogiocatori, sviluppo professionale) sia per i data center (che usano le Gpu per i software di intelligenza artificiale e il machine learning).

Sondaggio
Scegli una risposta e poi leggi questa pagina.
E' nato prima il telefono
E' nato prima il fax

Mostra i risultati (1845 voti)
Leggi i commenti (8)

Sebbene l'annuncio abbia destato molto interesse, resta da vedere come si comporteranno le soluzioni di Intel alla prova dei fatti, quando saranno messe a confronto con i prodotti di nVidia e Amd sia dal punto di vista delle prestazioni che dell'efficienza.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Intel, la prima Gpu discreta

Commenti all'articolo (3)

È stato però un bel passo avanti, rispetto le vecchie cpu, che necessitavano proprio di scheda grafica separata. Vedremo la qualità di queste schede video discrete della Intel. Non mi è chiaro se saranno separate o integrate alla cpu. Amd dalla sua ha acquisito Ati Radeon, saranno stanchi di vedere la concorrenza, con le loro cpu.
19-6-2018 21:43

Fra una CPU con funzioni grafiche ed una GPU vera e propria credo che ci sia una certa differenza... in ogni caso vedremo dove si posizionerà Intel in questo settore.
16-6-2018 14:34

{Capricorn One}
"Discrete" non è riportabile direttamente in italiano. Significa semplicemente separato/distinto. discrete / adj. apart or detached from others; separate; distinct:
14-6-2018 05:47

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'Italia e gli italiani sono pronti per il (video)gioco online?
I giocatori sarebbero anche pronti, ma il problema è il digital divide. Senza una connessione broadband il gioco online è una chimera.
In Italia più che in altri paesi ha ampia diffusione la pirateria. Il fatto che buona parte dei giocatori utilizzi prodotti contraffatti limiterà la crescita dell'online gaming.
Barriere linguistiche e ritardi nella diffusione di giochi e tecnologie online ci hanno penalizzato nel passato, ma oggi le possibilità di sviluppo sono rosee.
Non ci sono barriere tecniche, ma solo culturali. Il videogioco è tradizionalmente visto come un prodotto da fruire individualmente o in compagnia di amici.
La comunità di giocatori online italiana non ha nulla da invidiare per qualità e quantità a quelle degli altri paesi.

Mostra i risultati (696 voti)
Settembre 2019
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Il bug di Windows 10 che tinge di rosso gli screenshot
Antibufala: le foto di raggi spaziali che causano incendi nei boschi
Lo smartphone etico attento alle persone e al pianeta
Storie di hacker, campeggi e libertà
USB 4 è ufficiale e raggiunge i 40 Gbit/s
5 consigli (più uno) per non farsi lasciare a piedi dal PC
La lotta al ransomware procede silenziosa ma con successo
La maledizione dei connettori USB
Agosto 2019
GIMP è un insulto: sviluppatori ribelli fondano il fork Glimpse
Sextortion, il malware che registra davvero chi guarda video a luci rosse
Misteriosa malattia colpisce i fumatori di sigarette elettroniche
Tutti gli Arretrati


web metrics