Chrome 68 indica tutti i siti non Https come Non Sicuri

A rischio di spaventare gli utenti meno esperti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-07-2018]

Chrome 68 siti non sicuri

Chrome 68, rilasciato il 24 luglio, non è soltanto l'ennesimo aggiornamento del browser di Google.

Introduce infatti una piccola ma non indifferente novità nel comportamento, una variazione che era già stata annunciata lo scorso maggio e che prepara l'ulteriore affinamento previsto per settembre.

Con questa versione - che sta raggiungendo tutti i Pc tramite il sistema di aggiornamento automatico - Chrome infatti indica come Non Sicuri tutti i siti che ancora non hanno effettuato la transizione da Http a Https, adottando la criptazione dei dati.

Nell'intento di rendere il web più sicuro, Google vuole che tutti i siti adottino la crittografia: in tal modo i dati scambiati tra sito web e browser, non più trasmessi in chiaro, non possono essere rubati o, più precisamente, diventano inutili per chiunque li voglia sottrarre.

Facendo leva sulla diffusione di Chrome, Google sta quindi imponendo la nuova normalità: già con la versione 68, i siti che usano Https non mostrano più la dicitura Sicuro nella barra degli indirizzi, ma soltanto un lucchetto. Da settembre, sparirà anche il lucchetto.

Sondaggio
Autorizzi il browser a ottenere la cronologia dei siti Internet che hai visitato?
Ho disabilitato questa opzione
Sì, ma cancello la cronologia regolarmente
Sì, è comodo, così non devo digitare l'intero indirizzo
Non so

Mostra i risultati (1951 voti)
Leggi i commenti (17)

A quel punto gli anormali saranno i siti che non avranno adottato Https e che già da ora mostrano in Chrome la dicitura Non sicuro nella barra degli indirizzi.

Tutto ciò andrebbe bene - poiché, alla fine, un utente è chiaramente più tutelato se visita un sito che usa la crittografia - se tutti sapessero per che cosa sta quella scritta. Il rischio è che invece, vedendo Non sicuro apparire di fianco all'indirizzo del sito che fino al giorno prima era perfettamente normale, qualcuno si faccia prendere dal panico e magari tema un attacco hacker, o di avere un malware sul Pc.

Il guaio è che questa situazione non riguarda solo i piccoli siti, magari amatoriali. Anche siti di grandi realtà, vasti e complessi, magari hanno componenti che viaggino via Http e non tramite Https e, perciò, vengono indicati come Non sicuri da Chrome.

Ovviamente in un mondo ideale questi siti interverrebbero prontamente per sistemare ciò che non va, ma per i motivi più diversi ciò ancora in diversi casi non è successo. Anzi, Google spera proprio che la mossa serva a convincerli ad agire.

È importante quindi che tutti siano a conoscenza di questa novità nel comportamento di Chrome, così da ottenere un duplice risultato: evitare il panico e abituare gli utenti a inviare i propri dati personali (compresi nomi utenti e password) soltanto a siti che usano Https. Ne guadagneranno la privacy e la sicurezza.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
FBI: Non fidatevi ciecamente dei siti che usano HTTPS
Google dichiara guerra agli Url: ''Inadatti a veicolare l'identità dei siti'
Come attivare la nuova interfaccia Material Design nascosta in Chrome 68
Chrome, addio al lucchetto che indica i siti sicuri

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

{utente anonimo}
bisognerebbe anche dire che costa 35 Euro all'anno x fare ciò ,(acquistare un certificato) almeno cosi mi è stato detto.... Se così è , e solo e sempre una questione di soldi,soldi,soldi..
27-7-2018 20:56

ABUSO DI POSIZIONE DOMINANTE. Se voleva fare una cosa del genere doveva mettersi d'accordo con TUTTI.
26-7-2018 21:01

Oramai sono felice utente di Vivaldi da tempo e tanti saluti a Chrome e agli atteggiamenti maternalistici di Google molto simili a quelle di mamma M$... :roll:
26-7-2018 19:33

{Combattente}
Non aspettiamo che qualcun altro faccia qualcosa per noi... Dovremmo essere noi a boicottare Chrome. Tutti i webmaster dovrebbero inserire uno script che rileva il browser utilizzato dal visitatore e, qualora fosse Chrome 68 o versione superiore, apparirebbe un avviso tipo il seguente: "Attenzione il tuo browser Chrome crea FALSI... Leggi tutto
26-7-2018 15:14

{Enzo Fogliani}
Anche volendo, in alcuni casi non è possibile rendere il sito https. Basta che ci siano link interni a pagine non https che il sito viene ritenuto non sicuro, anche se non chiede e non scambia dati con l'utente, ma solo coockies tecnici senza dati personali. Nel mio caso, un sito web in linea da 20 anni (fog.it), dovrei... Leggi tutto
26-7-2018 11:35

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Cosa ne pensi del ritocco digitale dei film classici (non solo di fantascienza)?
E' un falso storico; i film vanno visti come furono girati.
E' necessario, per evitare che certi film vengano dimenticati.
Va bene, basta che sia indicato chiaramente.
Non me ne può fregar di meno.

Mostra i risultati (3051 voti)
Agosto 2019
Bug negli iPhone, ritorna il jailbreaking
Windows 10, errori nel patch Tuesday di agosto
Il cavo USB che permette di violare qualsiasi iPhone
Matteo Salvini condannato per violazione del diritto d'autore
Falla nelle fotocamere digitali, si rischia un'epidemia di malware
iPhone, cambiare la batteria diventa ancora più difficile
Datadrifter: motore di ricerca per bucket di Google Cloud trova dati privati a palate
Lo smartphone senza Android di Huawei arriverà entro la fine dell'anno
Facebook cambia nome a Instagram e WhatsApp
L'85% di tutti i Bitcoin è già stato generato
La carta di credito di Apple debutta in agosto
Luglio 2019
Windows 10, arriva il ripristino via Internet
Il condizionatore portatile di Sony da indossare sotto i vestiti
5G, miti da smontare e paure pilotate
VLC, panico nel Web per una falla estremamente grave
Tutti gli Arretrati


web metrics