LinkedIn introduce i messaggi vocali in stile WhatsApp



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 30-07-2018]

linkedin messaggi vocali

LinkedIn, il social network "serio" (in opposizione a Facebook, che dovrebbe essere quello "ludico"), sta per introdurre una nuova modalità di comunicazione tra i propri iscritti: i messaggi vocali.

«Avete mai digitato un lungo messaggio salvo poi pensare quanto sia più facile e veloce pronunciarlo ad alta voce?» si è chiesto LinkedIn, per poi rispondersi: certamente.

Così da oggi l'app di LinkedIn si arricchisce della possibilità di registrare messaggi vocali e inviarli al proprio interlocutore, operando sostanzialmente con le stesse modalità utilizzate su WhatsApp per raggiungere il medesimo risultato.

Dal punto di vista di LinkedIn, ci sono almeno tre punti di forza in questo approccio: diventa più semplice mandare messaggi durante gli spostamenti (perché non serve la concentrazione richiesta dalla scrittura), si possono ascoltare le comunicazioni nel momento più adatto (a differenza di una telefonata, che richiede attenzione immediata), e ci si può esprimere in maniera più personale rispetto a quanto sia possibile con la fredda scrittura.

Questa nuova modalità è già disponibile nell'ultima versione dell'app per Android e per iOS: la registrazione dei messaggi è per ora possibile soltanto dall'app, mentre l'ascolto può anche avvenire dal sito web di LinkedIn.

Sondaggio
Per cosa soprattutto ti sono utili i social media, sul lavoro?
Per prendermi una pausa dal lavoro
Per comunicare con gli amici e la famiglia mentre sono al lavoro
Per comunicare con i miei contatti professionali
Per trovare informazioni che mi aiutino a risolvere problemi di lavoro
Per costruire o rinforzare relazioni personali con i colleghi o i miei contatti di lavoro
Per scoprire cose sulle persone con cui lavoro
Per porre domande relative al lavoro a persone fuori dalla mia azienda
Per porre domande relative al lavoro a persone dentro la mia azienda

Mostra i risultati (381 voti)
Leggi i commenti (10)

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il mezzo miliardo di LinkedIn
Attenzione alle offerte di lavoro internazionali su LinkedIn
UE, via libera a Microsoft per l'acquisizione di LinkedIn

Commenti all'articolo (1)

Personalmente sono però sempre convinto che i messaggi scritti ed i messaggi vocali abbiano due modalità molto diverse e non siano proprio la stessa cosa... (IMHO).
3-8-2018 19:03

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
In Islanda, paese protestante con 320.000 abitanti tutti on line, nei mesi scorsi si è molto parlato di una legge che proibisca completamente la pornografia on line (quella stampata è già proibita) attraverso filtri centralizzati. Secondo te...
E' giusto. Anche in Italia si dovrebbe fare lo stesso.
Non è giusto, perché limita la libertà.
E' giusto, ma tanto ci sarà chi riuscirà ugualmente a scaricare materiale pornografico.
Ci sono problemi molto più importanti.
Aumenteranno ancora di più i suicidi e gli alcolizzati

Mostra i risultati (4624 voti)
Ottobre 2018
Violare WhatsApp? Basta una videochiamata
Microsoft: ecco perché l'Update di Windows 10 cancellava i file degli utenti
Microsoft getta la spugna e ritira l'aggiornamento di ottobre per Windows 10
Windows 10, attenti all'aggiornamento: potrebbe cancellare i documenti
Windows 10, arriva l'update di ottobre: ecco come aggiornare subito
WhatsApp, arriva la pubblicità
Migliaia di siti mobile accedono ai sensori dello smartphone senza informare l'utente
Settembre 2018
Demonoid offline da giorni, il proprietario è irreperibile
Virtual Desktop: Windows 10 diventa virtuale e si sposta nel cloud
Il bug in Firefox che manda in crash il browser (e spesso anche il sistema operativo)
Ex CEO di Google: tra dieci anni ci saranno due Internet
Il fallimento di Windows Store: un documento interno ne rivela la portata
Corruzione in Amazon: dipendenti pagati per cancellare le recensioni negative
Copyright, il sito di sottotitoli ITASA costretto a gettare la spugna
Windows 10 deciderà in autonomia quali file tenere e quali cancellare
Tutti gli Arretrati


web metrics