Se il cambiamento climatico minaccia il sapore dello champagne

I viticoltori sono già pronti a reagire.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-08-2018]

champagne riscaldamento

Siete amanti dello champagne? Allora avete più di qualche motivo per preoccuparvi.

L'uva coltivata nell'omonima regione francese, infatti, ha bisogno di un clima fresco - oltre che di un suolo calcareo - per acquisire quegli elementi che daranno al vino con essa prodotto il suo sapore caratteristico.

Il guaio è che - come ha dichiarato il produttore di champagne Antoine Malassagne, coproprietario della A.R. Lenoble, a Bloomberg - l'aumentare delle temperature globali sta creando notevoli problemi in questo campo.

«Il raccolto oggi si fa due settimane prima di quanto si facesse 20 anni fa» ha spiegato. «Una volta si faceva nella seconda metà di settembre. Adesso, come faremo anche quest'anno, s'inizia spesso in agosto. Il problema è che se la maturazione avviene durante giorni e notti caldi i chicchi d'uva finiscono con l'avere un'acidità sempre più bassa, il che si traduce in una freschezza inferiore nel vino».

È l'acidità, infatti, una delle più importanti responsabili dell'invecchiamento che dà allo champagne il suo sapore. E se il cambiamento climatico lo minaccia, i coltivatori devono darsi da fare.

Sondaggio
La cosiddetta green economy genera nuova ricchezza e aumenta sempre di più. Secondo te:
E' un sintomo di vera innovazione.
Significa che bisogna ripensare il concetto di sviluppo.
Lo sviluppo economico non può fare a meno dello sfruttamento ambientale.
E' la prova che economia e ambiente possono andare di pari passo.
E' solo una speculazione temporanea.

Mostra i risultati (3817 voti)
Leggi i commenti (6)

La A.R. Lenoble ha iniziato a sperimentare mescolando il prodotto recente con vini d'annata, nel tentativo di combattere le modifiche al sapore. Un'altra azienda, la Louis Roederer, s'è invece concentrata sull'analisi del DNA dei lieviti e sulla viticoltura biodinamica per capire in che modo precisamente l'aumentare delle temperature influenzi lo champagne.

Eppure, non c'è pessimismo tra i produttori. Jean-Baptoste Lecaillon, maestro di cantina della Roederer, spiega: «Abbiamo inventato le bollicine per compesare i grappoli acerbi. In quanto agricoltori, il nostro lavoro, la nostra vita e la nostra passione sono sempre stati l'adattamento ai cambiamenti climatici per centinaia di anni. Se in futuro farà troppo caldo, faremo della Borgogna» conclude scherzando.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
I panini sotto accusa: causano i cambiamenti climatici
Resuscitare i mammut per combattere il riscaldamento globale
Cambiamenti climatici alla base della caduta dell'Impero Romano d'Oriente
Riscaldamento globale, infertilità e decrescita demografica
Riscaldamento globale, le formiche ci salveranno
Il riscaldamento globale minaccia il Wi-Fi

Commenti all'articolo (1)

VITICOLTURA BIODINAMICA?!?!? È un refuso, vero?
12-8-2018 13:44

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'Italia e gli italiani sono pronti per il (video)gioco online?
I giocatori sarebbero anche pronti, ma il problema è il digital divide. Senza una connessione broadband il gioco online è una chimera.
In Italia più che in altri paesi ha ampia diffusione la pirateria. Il fatto che buona parte dei giocatori utilizzi prodotti contraffatti limiterà la crescita dell'online gaming.
Barriere linguistiche e ritardi nella diffusione di giochi e tecnologie online ci hanno penalizzato nel passato, ma oggi le possibilità di sviluppo sono rosee.
Non ci sono barriere tecniche, ma solo culturali. Il videogioco è tradizionalmente visto come un prodotto da fruire individualmente o in compagnia di amici.
La comunità di giocatori online italiana non ha nulla da invidiare per qualità e quantità a quelle degli altri paesi.

Mostra i risultati (722 voti)
Agosto 2020
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics