Il telefonino da 50 dollari basato su Raspberry Pi e Linux

È modificabile e riparabile dall'utente.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-09-2018]

Zerophone linux phone

Se non vi siete rassegnati all'acquisto di uno costoso smartphone e desiderate invece un telefonino economico, flessibile e facilmente riparabile, forse lo ZeroPhone è ciò che fa per voi.

Attualmente in sviluppo, è costruito intorno a una scheda Raspberry Pi cui si accompagnano un modulo WiFi e un microcontroller Arduino, il tutto realizzato secondo i principi dell'open source.

Come sistema operativo adopera Linux e, come il suo ideatore sottolinea, non vi sono app inutili pre-caricate, né il telefono è legato in esclusiva a qualche operatore (questa pratica è diffusa oggi soprattutto negli Stati Uniti, mentre in Italia è praticamente scomparsa).

La dotazione hardware comprende anche una porta mini-HDMI, una USB 2.0, utilizzabile anche per collegarci un mouse e una tastiera, e un jack per le cuffie.

Meno entusiasmante è probabilmente lo schermo, un display Oled da 1,3 pollici con risoluzione di appena 128x64 pixel, così come lo è la connettività: al momento del lancio supporterà soltanto le SIM 2G, mentre l'accesso alle reti 3G e 4G sarà disponibile in seguito.

Sondaggio
L'amazonite Ŕ...
Una pietra (semi)preziosa.
La spasmodica ammirazione per un popolo di donne guerriere.
Lo shopping compulsivo e la dipendenza patologica da un noto negozio online.
Nessuna di queste. In italiano si scrive amazzonite ;)

Mostra i risultati (1343 voti)
Leggi i commenti

«Lo ZeroPhone» - ha spiegato il suo ideatore - «è user-friendly ed avrà le funzioni tipiche di un telefono, ma fornirà anche funzionalità avanzate quando l'utente ne avrà bisogno».

Una delle caratteristiche più interessanti di questo progetto è infatti la facilità con cui sarà possibile eseguire modifiche e riparazioni, dato che i suoi componenti sono tutti standard e facilmente reperibili sul mercato.

Gli utenti stessi potranno cimentarsi con queste operazioni, per esempio aggiungendo un ricevitore a infrarossi o una fotocamera Pi da 5 o 8 megapixel, o ancora un ricevitore GPS, uno slot per schede micro SD, tutta una serie di sensori e molto altro ancora.

Al momento del lancio, lo ZeroPhone avrà anche un prezzo praticamente irrisorio: è previsto infatti che costi intorno ai 50 dollari (circa 43 euro).

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La console portatile completamente open source
Il Tizen di Samsung è un colabrodo
Il Pc da 9 dollari
Lo smartphone Jolla arriva in Italia a prezzo ridotto
Il fucile di precisione con Linux

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)

{micheleds}
non Ŕ chiaro a quale punto di avanzamento sia il progetto, se e quando sia previsto il lancio commerciale. Forse si devono comprare le parti su Amazon, per assemblarlo da sÚ.
11-9-2018 23:40

@Maary79 ha espresso in maniera perfetta anche il mio pensiero: Ŕ un telefono per nerd e smanettoni.
8-9-2018 11:44

Ci hanno giÓ provato con Ubuntu Touch, e con altri con OS Linux, mi pare con un KDE, ma avevano un prezzo troppo alto per l'hardware in dotazione... :roll: Poche app, in particolare giochi lo rendevano un prodotto di nicchia ancora di pi¨. Questo telefono al momento non Ŕ pensato per la navigazione, e lo schermo non permette di farci... Leggi tutto
6-9-2018 11:11

RPi supporta full HD per cui a differenza di quanto mostrato nell'immagine potrebbe utilizzare uno schermo da 5" eliminando la tastiera fisica. Leggi tutto
6-9-2018 09:19

@amldc A parte la messaggistica (tipo sms, email, WhatsApp e soci ma senza foto/video), Voip e l'ascolto di musica, con un display da 1,3 pollici con 128x64 pixel non Ŕ che ci fai molto altro...
5-9-2018 23:45

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come vedi il futuro dell'umanitÓ, in ambito scientifico?
Il futuro Ŕ nella condivisione delle conoscenze. L'arroganza delle multinazionali nei confronti della proprietÓ intellettuale Ŕ solo il canto del cigno: infatti grazie alle tecnologie il sapere non potrÓ pi¨ essere detenuto da pochi potenti.
Per tutelare ricerche che richiedono investimenti cospicui, la proprietÓ intellettuale Ŕ uno strumento equo e ragionevole. Lo strapotere attuale della grande industria va solo limitato nel tempo ed emendato dagli aspetti pi¨ truci.
Lo scenario pi¨ probabile Ŕ un doppio binario tra scienza proprietaria e open source. La prima coprirÓ i settori che richiedono investimenti a lungo termine, la seconda quelli in cui la cooperazione raggiunge i risultati migliori.
Il potere si concentra dove c'Ŕ il denaro. Volenti, o nolenti, i big dell'economia mondiale si accaparreranno tutte le fonti di conoscenza, e sapranno farle fruttare a dovere, per il bene dell'umanitÓ.

Mostra i risultati (1467 voti)
Agosto 2020
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics