La Tim di Gubitosi entra nell'orbita governativa

C'è una nazionalizzazione dietro l'angolo?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-11-2018]

Luigi Gubitosi

Luigi Gubitosi, nuovo amministratore delegato di Tim, è un manager che inizia la sua attività in aziende private: prima in Fiat; poi sei anni in Wind, in cui acquisisce una buona esperienza di telecomunicazioni anche se non sempre coronata dai risultati promessi ed annunciati.

Poi però diventa un abile mediatore con il potere politico. Prima passa tre anni nella direzione generale della Rai - ma senza cercare la rottura come accadde invece durante la gestione Cattaneo, anch'egli poi diventato AD di Tim - e infine svolge il lavoro - difficile ma apprezzato da tutti, sindacati compresi - di commissario straordinario di Alitalia, azienda tornata sotto il controllo pubblico per evitare il fallimento.

L'incarico oggi assunto da Gubitosi gli imporrebbe di compiere un miracolo, ma forse è una richiesta eccessiva: scindere in almeno due pezzi l'azienda.

In quel caso avremmo una società che si occuperebbe della rete fissa - e che si fonderebbe con Open Fiber - e una che gestirebbe i servizi e che si occuperebbe della rete mobile 4G.

L'AD dovrebbe poi trovare soluzioni finanziarie gradite sia ai francesi di Vivendi che agli americani di Elliott, e inoltre non licenziare troppi lavoratori ma, semmai, accompagnarli alla pensione.

Sondaggio
Qual č secondo te il problema principale dei call center?
Tempi di attesa troppo lunghi
Mancanza di coordinamento tra settore tecnico e amministrativo
Personale scortese
Personale incapace
Personale capace, ma non addestrato adeguatamente

Mostra i risultati (3731 voti)
Leggi i commenti (15)

Troppe pretese per un uomo solo, posto davanti a un Governo che vorrebbe nazionalizzare Tim (ma non lo dice chiaramente) senza peraltro tirare fuori dei soldi e appoggiandosi soltanto a una norma troppo vaga da inserire nel decreto fiscale.

A questo punto la vicenda Tim è già diventata perfino più complicata della vicenda Alitalia, e rischia di complicarsi ancora di più.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 13)

E allora non farlo.
28-11-2018 19:29

Anche a me passa la voglia di parlare con persone che interpretano le parole a proprio comodo e ritengono di avere ragione a prescindere senza accettare la discussione.
28-11-2018 19:24

Vedi, leggendo che tu hai dei dubbi se l'impresa debba essere privata, mi passa la voglia di discutere, se nel 2018 non l'hai ancora capito č inutile parlarne.
28-11-2018 19:20

Qualche dubbio io invece lo metto... Leggi tutto
28-11-2018 19:16

Non posso e non voglio fare una ricerca in tal senso, tra l'altro io non mi riferivo alla sola Italia. Ma quel che importa č rendersi conto che, le aziende statali, a parte alcune lodevoli eccezioni, sono sempre andate male, sono state usate per dare lavoro in cambio di voti, per avere potere economico, per intascare e far sparire denaro... Leggi tutto
26-11-2018 20:19

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te quale diventerā realtā per prima?
Le aule intelligenti: conosceranno gli alunni e offriranno un'esperienza di apprendimento personalizzata ed efficace.
Torneremo a fare la spesa sotto casa: i negozi uniranno la varietā degli acquisti online al piacere di fare acquisti direttamente in un posto conosciuto.
Useremo il DNA per stabilire terapie su misura: cloud computing e computer congnitivi rendereanno l'esame del DNA veloce ed economico.
Un guardiano digitale sostituirā le password: conoscerā le nostre abitudini e individuare i tentativi di furto d'identitā.
Smart City: le cittā faranno arrivare sugli smartphone dei cittadini informazioni personalizzate basate sulle abitudini e le preferenze degli abitanti stessi.

Mostra i risultati (1322 voti)
Febbraio 2023
La verità sul “massiccio attacco hacker” di cui tutti parlano
L'Internet Archive adesso ospita anche le calcolatrici scientifiche
Facebook e Messenger scaricano intenzionalmente la batteria dello smartphone
Gennaio 2023
Windows 11, tre metodi per aggirare l'account Microsoft
Libero e Virgilio Mail offline da giorni, verso la risoluzione
Pesci da compagnia fanno acquisti sulla Switch all'insaputa del padrone
Il ritorno del Walkman
Invecchiare al tempo della Rete
Apache contro Apache
Cessa il supporto a Windows 7. Microsoft: “Non passate a Windows 10”
Lo smartphone con schermo e-ink da 6,1 pollici
Dicembre 2022
WhatsApp dal nuovo anno non funzionerà più su 47 smartphone
LastPass, la violazione è molto più grave del previsto
Netflix, giro di vite sulla condivisione delle password
Digitale terrestre: si spegne la TV in definizione standard
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 7 febbraio


web metrics