Google lancia l'antispam per gli SMS



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-01-2019]

android antispam

Quando si parla di spam, subito si pensa ai messaggi indesiderati che affollano la casella email. In realtà, lo spam non si limita a infestare un solo mezzo di comunicazione.

Anche i messaggi di testo vengono utilizzati per importunare gli utenti nella speranza che abbocchino all'amo del mittente che, nel migliore dei casi, punta a vendere qualcosa e, nel peggiore dei casi, è l'autore di una truffa.

Dopo oltre sei mesi di sviluppo, ora l'app Messaggi di Android si appresta a ricevere il primo filtro antispam: la distribuzione di questa funzionalità è già iniziata, anche se non tutti i possessori di smartphone Android la riceveranno immediatamente.

L'antispam si basa su un sistema automatico e su una lista nera compilata a partire dalle indicazioni degli utenti stessi, che possono segnalare a Google tutti i messaggi indesiderati, come già indicato nella pagina di supporto.

I singoli utenti che hanno già ottenuto questa funzionalità possono disattivarla agendo sulle Impostazioni, aprendo la scheda Avanzate e quindi agendo sulla voce Protezione dallo spam.

Sondaggio
Quanto spam ricevi in media ogni giorno?
Uno o due messaggi
Meno di dieci messaggi
Tra i dieci e i venti messaggi
Tra i venti e i cinquanta messaggi
Tra i cinquanta e i cento messaggi
Tra i cento e i cinquecento messaggi
Oltre cinquecento messaggi

Mostra i risultati (3442 voti)
Leggi i commenti (13)

È bene infine ricordare che ogni comodità giunge a un prezzo: in particolare, perché il sistema automatico antispam funzioni, per ogni messaggio ricevuto alcune informazioni (ripulite dei dettagli che potrebbero identificare l'utente) vengono condivise con Google; tra questo non c'è il testo del messaggio.

antispam android messaggi

Se poi si segnala manualmente un messaggio come spam, allora il contenuto intero viene inviato a Google, che lo analizza per mantenere in ordine i propri filtri, insieme ai numeri di telefono di mittente e destinatario.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Microsoft spammerà consigli non richiesti agli utenti di Office 365
Ricevi spam e mail truffaldine? Spamnesty risponde per te e le combatte
40 anni di spam
Condannato a due anni e mezzo di carcere il re dello spam
Torna il virus che manda Sms a tua insaputa
L'SMS che promette 25 euro

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

Se posso evito di dare ancora altre info a Google. Blocco il mittente sullo smartphone
6-1-2019 00:03

@Cesco67 Francamente non saprei se la mancanza della voce dipenda dalla versione di Android o dalla scelta del produttore dello smartphone, opterei più per la seconda ma non ho certezze. In ogni caso se l'app Messaggi non ha accesso ad internet non dovrebbe poter comunicare con big G... a meno di qualche pratica scorretta da parte... Leggi tutto
5-1-2019 15:47

@Gladiator Nel mio telefono non c'è quella voce, non so se dipende dal fatto che ho Android 8.0 o se è una modifica del produttore In ogni caso dal firewall avevo già tolto l'accesso ad internet all'app messaggi; spero possa bastare a limitare la ficcanasaggine di big G...
5-1-2019 15:42

@Cesco67 Premetto che io un Nexus 6P con Android 8.1.0. Nell'app Messaggi si entra nel Menu tramite l'icona con tre pallini verticali in alto a destra. A questo punto si sceglie il sotto menu Impostazioni. L'ultima voce che si trova in basso nella schermata che si apre è la voce Avanzate scegliendo la quale compare la schermata di... Leggi tutto
5-1-2019 14:34

Anche io non ricevo SMS spam e disattiverò questo servizio quando verrà installato, però non ho capito dove occorre andare per disattivarlo... Ho guardato nelle impostazioni, sia quelle generali di Android che quelle dell'app messaggi ma non ho trovato la voce "Avanzate". Forse verrà aggiunta assieme al servizio antispam?
5-1-2019 14:23

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1218 voti)
Luglio 2019
WhatsApp, la truffa passa attraverso i file multimediali
Galileo fuori uso da quattro giorni, forse è colpa di un guasto in Italia
Lo pneumatico senz'aria di Michelin e GM
Track This inganna gli algoritmi pubblicitari (aprendo 100 schede!)
L'app che spoglia nude le donne in pochi secondi
Giugno 2019
Quattordicenne crea malware che rende inutilizzabili i dispositivi IoT
Fusione TIM e Open Fiber, un'operazione senza alternative
Apple richiama i MacBook Pro: rischiano di prendere fuoco
Falla zero-day in Firefox, gli hacker la stanno già sfruttando
Libra, la criptovaluta di Facebook, ufficialmente al via con il wallet Calibra
Se anche Sky usa i sottotitoli pirata
Il CERN lascia Microsoft e passa all'open source
VLC, corrette 33 falle grazie alle ricompense UE
EmuParadise violato, rubati i dati di 1,1 milioni di utenti
Google cambia la ricerca: i siti non appariranno più di due volte
Tutti gli Arretrati


web metrics