Usi un adblocker? Spotify ti chiude l'account



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-02-2019]

spotify pubblicita account

Chiunque abbia sottoscritto un servizio online avrà ormai fatto l'abitudine con il periodico aggiornamento delle Condizioni d'uso.

Di solito si tratta di modifiche scritte in legalese e che talvolta sono soltanto formali: pertanto, la maggior parte degli utenti non perde tempo a leggerle e, se il servizio in questione è apprezzato, le accetta senza battere ciglio.

Nel caso dell'ultimo aggiornamento apportato alle Condizioni d'uso di Spotify, però, è bene porre un po' d'attenzione.

La formula adottata a partire dal 7 febbraio, infatti, prevede chi verrà scoperto a usare un adblocker per saltare gli spot - che sono la fonte di guadagno della versione gratuita di Spotify - rischierà di vedere il proprio account sospeso o addirittura chiuso.

La data in cui il controllo della presenza degli adblocker entrerà in vigore è il primo giorno del mese di marzo: gli utenti di Spotify hanno insomma ancora buona parte del mese di febbraio per decidere se disabilitare il blocco delle pubblicità, passare a una versione a pagamento oppure abbandonare del tutto il servizio.

Sondaggio
Qual è la strategia ''mobile'' per il tuo web business?
Nessuna, spero che il traffico mobile diminuisca.
La versione mobile del mio sito.
Sto studiando il mobile proprio in questo periodo.
Non ho ancora piani o strategie.
Offrire app gratuite.
Sviluppare app da vendere.

Mostra i risultati (450 voti)
Leggi i commenti

Al momento in cui scriviamo la modifica alle Condizioni è già presente nella versione per gli Stati Uniti (al punto 10 del paragrafo 9, User guidelines) ma non è ancora stata recepita nella versione italiana.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Dopo la fake news, la fake music? Gli inganni su Spotify
La pirateria musicale è viva e vegeta, nonostante lo streaming
Scaricare Mp3 da Spotify
YouTube fa guerra a Spotify e Netflix

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 18)

Per chi come me ama la statistica .... e ne escono risultati interessanti. :D http://www.businessofapps.com/data/spotify-statistics/ Al momento ancora nessun dato sulla perdita di utenti dovuta alla policy sugli adblockers.
9-3-2019 08:47

Ragazzi, a parte che non ho spotify et similia io la musica mi diverto a cercarla su jamendo quelle pochissime volte che ho voglia di ascoltare musica, ma la scansione dell'iride? Posto che di solito, quando mi alzo dal divano do le spalle a qualsiasi cosa, non avendo tra l'altro la televisione, e per guadagnare tempo spesso inizio le... Leggi tutto
16-2-2019 18:07

Io me la sono già fatta: non usavo Spotify prima e continuerò a non usarlo.... :wink: Leggi tutto
16-2-2019 15:37

{Rocco Siffredo}
Ma a che serve spotify con torrents emule e cyberlockers a gogo?
16-2-2019 11:06

La scansione dell'iride mentre sto al cesso ?
14-2-2019 18:09

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quasi la metà delle famiglie italiane (nel 2012 erano il 45,5% secondo Confindustria Digitale) non possiede ancora un collegamento a Internet. Qual è secondo te il principale motivo?
La connessione a banda larga non è disponibile.
Motivi di privacy e sicurezza.
Mancanza di skill e capacità d'uso.
Alto costo del collegamento.
Alto costo degli strumenti.
Internet non è utile.
Accedono a Internet da altro luogo.

Mostra i risultati (3434 voti)
Settembre 2019
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Il bug di Windows 10 che tinge di rosso gli screenshot
Antibufala: le foto di raggi spaziali che causano incendi nei boschi
Lo smartphone etico attento alle persone e al pianeta
Storie di hacker, campeggi e libertà
USB 4 è ufficiale e raggiunge i 40 Gbit/s
5 consigli (più uno) per non farsi lasciare a piedi dal PC
La lotta al ransomware procede silenziosa ma con successo
La maledizione dei connettori USB
Agosto 2019
GIMP è un insulto: sviluppatori ribelli fondano il fork Glimpse
Sextortion, il malware che registra davvero chi guarda video a luci rosse
Misteriosa malattia colpisce i fumatori di sigarette elettroniche
L'analisi del sangue che predice quando moriremo
Tutti gli Arretrati


web metrics