Facebook, Zuckerberg annuncia i messaggi che si autodistruggono

Il social network diventerà una ''piattaforma centrata sulla privacy''.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-03-2019]

facebook messaggi autodistruggono

Impermeabile agli svarioni in tema di privacy che la sua creatura sta accumulando, Mark Zuckerberg persevera nel tentativo di dimostrare come Facebook sia davvero quel «pioniere della privacy» che egli dice di vedere.

Il suo ultimo intervento, datato 6 marzo, si muove in quest'ottica sin dal titolo - «Una visione centrata sulla privacy per le reti sociali» - e in effetti annuncia un paio di novità tutto sommato positive per gli utenti di Facebook.

La prima, in realtà, non è strettamente una novità quanto piuttosto il ribadire di una promessa già formulata qualche tempo fa: l'introduzione della crittografia end-to-end, attivata come impostazione predefinita, per le conversazioni tenute via Facebook Messenger.

La seconda è invece davvero un'opzione sinora inedita per il social network in blu: la possibilità di inviare, sempre tramite Messenger, messaggi che si autodistruggono (o si auto-archiviano) entro un minuto, un mese o un anno dalla lettura.

Altre piattaforme, quali Signal o Telegram, implementano già da tempo questa funzione, ma è comunque bello vedere che anche Facebook, di tanto in tanto, si premura di tenersi al passo con i concorrenti, nella speranza che i server non mantengano una copia dei messaggi "distrutti".

Anche a Zuckerberg deve essere venuto il dubbio che gli utenti, scottati dal trattamento disinvolto dei loro dati personali fatto sinora, si ponessero quella domanda; così s'è premurato di rispondere sin da subito, scrivendo che Facebook «non conserverà i messaggi o le storie per un tempo superiore a quello necessario a fornire il servizio, o più a lungo di quanto le persone abbiano bisogno».

A minare un po' la fiducia nel cambio di rotta apparentemente annunciato da Facebook con il post del suo fondatore ci sono però almeno due punti.

Sondaggio
Completa la frase con quella che ritieni più opportuna, oppure aggiungi una risposta nei commenti. Secondo te, il networking online attraverso i siti social...
Serve a costruirsi un'efficiente rete professionale.
E' particolarmente utile per cercare opportunità di lavoro.
Serve a comunicare la qualità di saper lavorare in team.
E' un'opportunità che sfruttano soprattutto i più giovani.
Elimina le barriere geografiche.
Accorcia le distanze tra amici e famigliari.
Serve a tenersi sempre aggiornati.
Permette di stabilire relazioni rilevanti.
E' lo strumento per eccellenza per creare solide relazioni professionali.
Consente di comunicare i propri successi lavorativi.
E' utile per chiedere una raccomandazione.

Mostra i risultati (823 voti)
Leggi i commenti (13)

Uno è il fatto che nello stesso testo Zuckerberg ribadisce l'esistenza di piani per la fusione di Instagram, WhatsApp e Facebook, migliorando l'interoperabilità tra le tre diverse piattaforme, ai quali si unirà la capacità di gestire gli SMS.

L'altro è che, proprio nel primo paragrafo, si può leggere: «Quando penso al futuro di Internet, credo che una piattaforma di comunicazione centrata sulla privacy diventerà anche più importante delle piattaforme aperte di oggi». Zuckerberg, insomma, sogna una sorta di giardino cintato in cui gli utenti sono felici perché, anche se non possono mettere in questione nulla (la piattaforma ideata non è aperta), chi gestisce detto giardino assicura loro che la riservatezza viene pienamente rispettata.

In fondo, il cuore della questione è il fatto che, al di là delle intenzioni e delle nuove funzionalità, è bene ricordare ciò che Mark Zuckerberg dichiarò al Senato americano quando gli chiesero come facesse Facebook a finanziarsi: «Senatore, noi mostriamo pubblicità». E se la pubblicità migliore è quella tagliata su misura dei desideri dell'utente, per capire quali siano questi desideri è necessario avere il maggior numero di dati possibili sull'utente stesso.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Facebook: tutti possono trovarvi dal numero di telefono, anche nascosto
Facebook, arriva il pulsante per cancellare la cronologia
Facebook vuole unificare Instagram, Messenger e WhatsApp

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

Competizione serratissima... :lol: :lol: :lol:
13-3-2019 18:52

Azz! Lo avevo dimenticato! :oops: Certo che la gara si fa combattuta :ko: :lol: Leggi tutto
11-3-2019 21:01

E Satya Nadella il nuovo guru del free software vogliamo dimenticarlo???? :lol:
11-3-2019 18:53

E' una gara parecchio impegnativa. Bisogna considerare che in "lotta" c'è anche #Musk con la bufala dell'auto elettrica ZEV (Zero Emissions Veichle) acronimo che in italiano sta per auto a emissioni 0 :lol: Leggi tutto
10-3-2019 23:49

Francamente direi che persevera nel tentativo di vincer il premio bufala del secolo... :roll: Leggi tutto
10-3-2019 18:21

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quando partecipi a una discussione, che cosa ti infastidisce al punto da spingerti ad abbandonarla?
L'accorgermi che l'argomento che mi interessa viene trattato con troppa superficialità.
Scoprire che un mio interlocutore cerca di convincermi della sua idea anziché confrontarsi sul tema.
Trovare, fra le persone con cui discuto, qualcuno arrogante e supponente.
Vedere che alcuni si esprimono in un pessimo italiano.
Notare che l'interlocutore si basa su fatti palesemente fasulli per motivare le sue affermazioni.

Mostra i risultati (2800 voti)
Ottobre 2019
Omessa custodia del cellulare, sanzionata l'insegnante del post anti-Arma
Smartphone e batteria, con la modalità scura si risparmia davvero
Il Galaxy S10 si sblocca con qualsiasi impronta
Windows 7 a fine vita, Microsoft importuna coi pop-up
Linux, seria falla nel comando sudo
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
Tutti gli Arretrati


web metrics