La bandiera fascista a Nassiriya

Una foto in circolazione su Internet ritrae ciò che sembra essere l'interno della caserma dei Carabinieri a Nassiriya. La foto mostra un tricolore appeso al muro, con la dicitura "Camerati italiani".



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-12-2003]

Bandiera con simbolo fascista

Vista la quantità di richieste, ho condotto un'indagine preliminare su una foto in circolazione su Internet, che ritrae ciò che sembra essere l'interno della caserma dei Carabinieri a Nassiriya (Iraq) poco dopo l'attentato che il 12 novembre 2003 ha causato diciannove vittime nel contingente italiano. La foto mostra, su un muro, un tricolore sopra il quale è stato applicato un drappo recante un simbolo dell'era fascista, che include la dicitura "Camerati italiani".

L'immagine non presenta segni evidenti di fotoritocco, è stata pubblicata da alcune riviste, ed è oggetto di un'interrogazione parlamentare. Non si tratta, insomma, di una foto che circola soltanto in Rete, anche se sappiamo benissimo da altri casi che la pubblicazione su giornali non è garanzia assoluta di autenticità, né lo è un'interrogazione parlamentare.

Una discussione sul sito Indymedia fornisce molti elementi utili. Per esempio, viene indicato un sito che ospita una versione più completa e a maggiore risoluzione dell'immagine.

Quest'immagine sembra essere una scansione di una pagina di una rivista. L'ingrandimento del dettaglio della bandiera non sembra far parte della rivista (è perfettamente orizzontale, mentre la pagina della rivista è storta) ma ha tutta l'aria di essere stato aggiunto da terzi. La didascalia offre alcuni elementi utili per rintracciare la fonte dell'immagine: "...sopra il titolo, Antonella Delprino, autrice dell'articolo".

Queste stesse parole indicano che questa scansione non mostra l'intero reportage, dato che manca appunto l'immagine della Delprino. Inoltre c'è un numero di pagina, il 17, che potrebbe essere un'altra indicazione utile. Infine si nota, sul materasso superiore sinistro, la dicitura "CARABINIERI", che sembra confermare che si tratti di locali allestiti dai Carabinieri, presumibilmente appunto a Nassiriya.

Secondo un utente di Indymedia, la pagina sarebbe tratta dalla rivista Chi n°48/26 di novembre 2003: l'articolo di Antonella Delprino inizierebbe a pagina 16 e proseguirebbe fino a pagina 20. Questa indicazione è confermata da un articolo de l'Unità dei primi di dicembre (probabilmente il 3/12/2003), disponibile anche nella rassegna stampa del Ministero della Difesa.

L'articolo de l'Unità afferma che "due senatori dei Democratici di sinistra, Aleandro Longhi e Angelo Flammia [...] hanno presentato una interrogazione al presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e al ministro della Difesa Antonio Martino."

L'interrogazione, datata 2 dicembre 2003, è disponibile presso il sito del Parlamento italiano e conferma la pubblicazione della foto sul numero 48 del settimanale Chi del 26 novembre 2003. Non ho trovato, per il momento, il testo della risposta all'interrogazione, che secondo gli archivi del Senato ha il numero di riferimento 4-05714 (o almeno così mi pare di capire) ed è stata presentata nella 498ma seduta pubblica tenuta appunto il 2 dicembre 2003.

Tuttavia, a voler essere scettici fino in fondo, anche l'esistenza di un'interrogazione non è una conferma assoluta della foto: non sarebbe la prima volta che viene presentata un'interrogazione a proposito di una bufala pescata in Internet e di cui un parlamentare si è ingenuamente fidato. Mi riferisco alla bufala del numero di telefono 0141-455414.

Resta insomma da vedere se la foto da cui scaturiscono articoli e interrogazione è autentica. Come dicevo, non ci sono segni vistosi di fotoritocco. C'è chi invece avanza dubbi sull'autenticità dell'immagine in base a considerazioni fisiche: come ha potuto reggere in perfette condizioni il tricolore mentre tutto quello che la circonda reca evidenti segni di devastazione? Non avrebbe dovuto subire danni nella deflagrazione, come tutti gli altri oggetti visibili nella foto e persino il muro che regge la bandiera?

In realtà non è implausibile che la bandiera abbia retto senza danni. E' un oggetto flessibile, che può essere stato scosso dall'onda d'urto per poi riassestarsi. Inoltre, se guardate bene l'immagine, notate che la bandiera è appesa a un filo teso orizzontalmente, fissato al muro in due punti vicino agli angoli superiori del drappo, e che il simbolo fascista è a sua volta appeso a un filo fissato agli stessi due punti. Questa installazione sospesa e flessibile l'avrebbe probabilmente protetta dalla violenza dell'esplosione. Quindi non è ragionevole smentire la foto sulla base di quest'ipotesi.

Ho comunque contattato il 19/12/2003 la redazione di Chi per avere maggiori ragguagli sull'origine della foto e sono in attesa di risposta.

Secondo alcuni utenti di Indymedia, esisterebbe anche un filmato della stessa scena, trasmesso in televisione a suo tempo, in cui "si vedeva benissimo la bandiera fascista al capezzale delle brande", e ai primi di dicembre 2003 un programma Mediaset avrebbe mostrato Paolo Cento (dei Verdi), che avrebbe mostrato la foto dal settimanale "Chi" dicendo che verrà presentata un'interrogazione parlamentare. Se qualcuno ne sa di più e magari ha una registrazione del filmato, si faccia vivo, grazie. L'indagine completa e le foto sono a vostra disposizione qui.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

Benny
ma quante parole........per niente Leggi tutto
5-3-2005 01:58

sono ttt dei grandi
21-2-2005 17:58

DDR
FINALMENTE C'E' ANCORA CHI CAPISCE Leggi tutto
13-12-2004 07:45

Paola
Ulteriori approfondimenti Leggi tutto
8-1-2004 14:49

yanez
commento di "yanez" antiberlusconiano Leggi tutto
28-12-2003 14:25

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A Milano l'Ecopass si trasformato in congestion charge: si paga per accedere al centro anche se si ha un'auto poco inquinante. Sei d'accordo?
Sono favorevole a questo modello, per le grandi citt: bisogna usare meno l'auto.
Sono contrario in generale: non serve, solo una tassa per spillare quattrini ai cittadini.
Era meglio il vecchio modello, in cui le auto meno inquinanti non pagavano (o pagavano di meno).
Il problema non mi tocca: non vivo e non vado mai n a Milano n in altre grandi citt.

Mostra i risultati (2231 voti)
Febbraio 2019
Chiavette USB per rilevare eventuali cyberattacchi
Microsoft chiede agli utenti di non usare Internet Explorer
Cassandra Crossing/ Colore viola addio
Microsoft: Non comprate Office 2019
Storia di un attacco informatico a una banca
Lasciate Facebook per un mese: vi farà bene
Windows Update irraggiungibile, ma torna a funzionare cambiando i DNS
Prosecco italiano sotto accusa: distrugge le colline da cui nasce
Gennaio 2019
Cassandra Crossing/ Truffati o indotti in errore?
La lavastoviglie compatta che lava i piatti in 10 minuti
Microsoft azzoppa Windows Media Player in Windows 7
Facebook vuole unificare Instagram, Messenger e WhatsApp
Windows Lite farà piazza pulita delle ''piastrelle'' nel menu Start
I dipendenti del social network sanno tutto. E se la ridono
Il sito Torrent distribuito e impossibile da censurare
Tutti gli Arretrati


web metrics