Tronchetti dimentica le promesse fatte a Torino

Dopo il trasferimento della Direzione Generale a Milano, Telecom chiude anche il Centro di Formazione di Torino, nonostante le promesse di non abbandonare la città piemontese.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-12-2003]

Quando Tronchetti Provera assunse il controllo di Telecom Italia, la sua prima decisione fu quella di trasferire la sede legale e della Direzione Generale da Torino, dove storicamente è nata la Sip, a Milano, sua città di elezione e sede del quartiere generale della Pirelli.

Ora la sede è a due passi dalla Borsa e da Mediobanca, nel cuore della City degli affari, in un nuovo palazzo, già sede dei Telefoni di Stato, ristrutturato a suon di miliardi mentre a pochi passi dall'ufficio di Tronchetti Provera c'è, dove c'era il vecchio posto telefonico pubblico, in Galleria è stata inaugurata, prima di Natale, il nuovo show-room del Gruppo Telecom Italia dove il pubblico può conoscere tutte le novità Telecom, Tim, e anche delle Tv del Gruppo, La7 e Mtv.

Il trasferimento della sede da Torino a Milano non fu indolore: ci fu una sollevazione della Città che già intravedeva la crisi Fiat, ci furono vigorose proteste da parte dei commercianti torinesi che invitarono a disdire l'abbonamento Telecom, il sindaco minacciò di fare altrettanto e, in effetti, il contratto per i cellulari del Comune di Torino, del valore di più di dieci miliardi, passò a Vodafone.

Tronchetti si scusò con la Città, non ritornò sui suoi passi ma si incontrò con il Sindaco Chiamparino e promise che Torino avrebbe avuto una "compensazione" con progetti mirati per le Tlc della Città ed altri investimenti. Le polemiche sfumarono e quando la Regione Piemonte rinnovò il contratto per la fornitura delle Tlc scelse ancora Telecom Italia anche se non si sa se è stato più per convenienza o per non accontentare il comune, che ha una maggioranza politica diversa ed è, attraverso l'Azienda Energetica Municipalizzata, il maggiore azionista del gestore telefonico alternativo NoiCom.

Oggi, a 2 anni dalle promesse di Tronchetti Provera, di non dimenticare comunque Torino, Telecom Italia chiude il suo Centro di Formazione Professionale a Torino, nel quadro di una ristrutturazione della sua società specializzata Tils(Telecom Italia Learning Services) che vede il mantenimento del Centro di Milano. Il Centro di Formazione Telecom Italia di Torino è una delle più antiche scuole di formazione aziendale del nostro Paese nata negli anni '40.

Un recente Convegno del SLC-Cgil, il sindacato delle Tlc legato a questa Confederazione, ha fatto emergere la cifra di circa 6.000 posti di lavoro soppressi nelle Tlc e, principalmente, nel Gruppo Telecom Italia nell'ultimo decennio. In più, a parte una sponsorizzazione per il Museo del Cinema, mentre sono state generosissime le sponsorizzazioni di eventi sportivi, sociali, culturali da parte di Telecom Italia, in giro per l'Italia, e soprattutto a Milano, a Torino Telecom Italia come sponsor ha brillato per l'assenza.

Torino, nonostante le promesse, è lontana dal cuore di Telecom Italia. Vedremo se in vista delle olimpiadi invernali del 2006 le cose cambieranno.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (5)

Giorgio Castellani
...la firma Leggi tutto
11-1-2004 18:55

Fossero solo i Call Centers!!! Leggi tutto
11-1-2004 13:02

Dario Meoli
Capisco, ma... Leggi tutto
9-1-2004 16:34

Giorgio Castellani
era l'ora Leggi tutto
9-1-2004 16:01

Marina
Il centro ricerche Telecom a Torino soffre Leggi tutto
7-1-2004 14:47

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo una ricerca dell'Australian Relationship Queensland, tra tecnologia e solitudine esisterebbe un collegamento. Secondo te:
╚ la solitudine che spinge le persone a usare "pi¨ tecnologia".
╚ l'utilizzo massiccio di tecnologia che porta le persone a isolarsi e, conseguentemente, a provare solitudine.
Le due cose non sono affatto correlate.

Mostra i risultati (1339 voti)
Aprile 2020
Tanti invocano l'app anti-coronavirus
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Tutti gli Arretrati


web metrics