Il CERN lascia Microsoft e passa all'open source

Risparmierà una fortuna in licenze.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-06-2019]

cern open source

Per anni tutte le numerose apparecchiature informatiche usate al CERN hanno utilizzato software Microsoft.

Tutto ciò negli ultimi 20 anni è stato reso possibile grazie a uno sconto sostanzioso sui costi delle licenze, cui aveva titolo in quanto, per il gigante di Redmond, il Centro ricerche europeo rientrava nella categoria che comprende «istituzioni accademiche, organizzazioni non profit e istituti di ricerca».

Con la scadenza dell'ultimo contratto, avvenuta lo scorso marzo, Microsoft però ha deciso di revocare lo status di «istituzione accademica» concesso precedentemente. Il nuovo contratto prevede un somma da corrispondere per ogni utente, con il risultato che le sole spese per le licenze «si moltiplicano almeno per 10».

Tutto ciò per il CERN è semplicemente insostenibile: il quantitativo di licenze necessarie renderebbe la spesa eccessiva per le risorse del centro. Così, prevedendo quanto sarebbe successo, già un anno fa il CERN ha ipotizzato un passaggio all'open source.

È nato quindi il progetto MAlt (Microsoft Alternatives), con il quale il CERN intraprende un percorso che lo porterà a dismettere le soluzioni proprietarie a vantaggio di quelle open source, operazione che si tradurrà immediatamente in un notevole risparmio dei costi di licenza.

Non è tutto qui. «L'obiettivo di MAlt è restituirci il controllo grazie all'open source» spiegano gli scienziati di Ginevra.

Sondaggio
In quale di questi campi necessiti di maggiore aiuto per il tuo business online personale o aziendale?
SEO, ranking e analytics.
Link Html, generazione sitemap, metatag e generazione QR Code.
Logo, foto, grafica e temi.
Progettazione del sito e organizzazione.
Normativa fiscale.
Soluzioni di pagamento, Paypal e Google Merchant.
Business plan.
Creazione del negozio virtuale o dell'app.
Pagina Facebook collegata.
Pagine di affiliazione.

Mostra i risultati (398 voti)
Leggi i commenti (2)

Adottare soluzioni proprietarie comporta infatti un cieco affidamento a chi quelle soluzioni fornisce; adottare soluzioni open source significa invece poter studiare ogni "ingranaggio" del sistema.

«Il progetto Microsoft Alternatives è ambizioso» riconosce il CERN. «Ma è anche un'occasione unica per il CERN di dimostrare che è possibile realizzare i servizi più importanti senza un accordo in esclusiva con un venditore, che la futura generazione di servizi può essere calibrata sui bisogni della comunità e infine che il CERN può fungere da esempio per i suoi partner al fine di collaborare a una nuova gamma di prodotti».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Una visita al primo server Web
Il CERN misura l'ombra dell'antimateria
Dopo il Bosone di Higgs, il CERN si dedica all'antimateria
Tunnel Gelmini, l'ex portavoce ha già un nuovo incarico
Il Tunnel Gelmini conquista la Rete
Al Cern si ricrea il Big Bang

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

Già, ma mi piacerebbe leggere anche una valutazione dei benefici, che sicuramente non si limitano al solo costo delle licenze! =) Leggi tutto
26-6-2019 16:06

Quindi secondo M$ il CERN non è più un'istituzione accademica? Sarebbe interessante conoscere le motivazioni di M$ per questa nuova interpretazione, ha tentato di monetizzare di più o ha ricevuto indicazioni superiori per prendere questa decisione che, alla fine, non mi sembra poi troppo conveniente.
21-6-2019 17:44

{aldolo}
il buon software costa. e lo so bene perché ne scrivo di pessimo!!!!
15-6-2019 11:35

Io uso prevalentemente microsoft, ma un centro di ricerca, non americano, che affida a microsoft il proprio lavoro, lo trovo di un'ottusità imbarazzante. Per quanto riguarda i costi di gestione, ma chissenefrega, primo perchè la sicurezza di avere una piattaforma di cui puoi verificare ogni riga di codice, semplicemente non ha prezzo,... Leggi tutto
15-6-2019 10:20

{diacono}
La cecità di istituzioni scientifiche, militari, burocratiche (beh, per questi è scontata...), e statali in generale è sorprendente. Io non sono un patito di Linux (che comunque uso da anni insieme a Windows), ma mettermi nelle mani di un'azienda privata, perdipiù sottoposta alle leggi di un paese... Leggi tutto
14-6-2019 19:13

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Se fossi costretto a scegliere: un mese senza sesso o un mese senza smartphone, cosa sceglieresti?
Il problema non si pone: non faccio sesso.
Il problema non si pone: non ho uno smartphone.
Rinuncerei più volentieri al sesso piuttosto che separarmi dallo smartphone.
Rinuncerei più volentieri allo smartphone piuttosto che fare a meno del sesso.

Mostra i risultati (3681 voti)
Settembre 2021
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Violati i server TIM, password degli utenti a rischio
Windows 11, disponibile la prima ISO ufficiale
Microsoft: disabilitate il sistema di stampa di Windows (di nuovo)
Google taglia gli stipendi a chi sceglie il telelavoro
Gli iPhone scansioneranno tutte le foto alla ricerca di pedopornografia
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 26 settembre


web metrics