L'intelligenza artificiale che capisce se una foto è stata manipolata

L'ha sviluppata Adobe.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-06-2019]

adobe photoshop undo

Distinguere una fotografia ritoccata da una non manipolata è un compito sempre più difficile, e lo stesso vale per i video.

Adobe - una dei maggiori responsabili del fotoritocco grazie al suo Photoshop - ha deciso di intervenire per riportare un po' di ordine e, in collaborazione con alcuni ricercatori dell'Università della California a Barkley ha sviluppato un'intelligenza artificiale capace di individuare le manipolazioni subite dalle immagini. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
L'EASA e la FAA hanno dato il via libera all'uso di tablet, cellulari e dispositivi elettronici in generale in aereo anche durante decollo e atterraggio. Secondo te...
...era ora: il divieto era ormai diventato un anacronismo da abolire.
...avrebbero dovuto mantenere il divieto: la sicurezza val bene qualche minuto di rinuncia al tablet.
...dovrebbero fare di pi¨ e liberalizzare anche la possibilitÓ di telefonare.

Mostra i risultati (1251 voti)
Leggi i commenti (5)
La IA, che al momento è ancora un prototipo, è stata addestrata facendole analizzare moltissime fotografie alterate con la funzione Face Liquify di Photoshop. Per migliorare l'accuratezza le sono poi state sottoposte altre fotografie alterate manualmente da un artista.

Il risultato è un algoritmo che, nei test, ha ottenuto una precisione del 99% nel riconoscere i visi alterati ed è stato addirittura capace di annullare le modifiche.

Sebbene il risultato sia importante, come spiega il ricercatore di Adobe Richard Zhang «L'idea di un pulsante "Annulla" magico e universale per azzerare i cambiamenti apportati a un'immagine è ancora lontana dalla realtà, ma viviamo in un mondo in cui sta diventando sempre più difficile fidarsi delle informazioni digitali».

Qui sotto, un video dimostrativo di questa tecnologia.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Photoshop riconosce i soggetti delle foto, grazie all'intelligenza artificiale
Come riconoscere una foto falsa
Come far dire a un politico tutto quello che volete
Scuola fotoshoppa studentesse poco vestite in foto di classe

Commenti all'articolo (1)

Sembra che funzioni su un certo tipo di correzioni, quelle che spostando pixels fanno un resamplig che cambia localmente la varianza dei colori. Di conseguenza e' possibile aggiungere rumore nelle zone ritoccate (e offuscare le sgranature nelle zone dilatate) per impedire alla AI di rilevare il ritocco.
19-6-2019 12:16

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilitÓ di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttivitÓ e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1218 voti)
Luglio 2019
Auto elettriche, arriva l'obbligo che facciano rumore
Modalità incognito per i siti a luci rosse? Google e Facebook ti tracciano lo stesso
WhatsApp, la truffa passa attraverso i file multimediali
Galileo fuori uso da quattro giorni, forse è colpa di un guasto in Italia
Lo pneumatico senz'aria di Michelin e GM
Track This inganna gli algoritmi pubblicitari (aprendo 100 schede!)
L'app che spoglia nude le donne in pochi secondi
Giugno 2019
Quattordicenne crea malware che rende inutilizzabili i dispositivi IoT
Fusione TIM e Open Fiber, un'operazione senza alternative
Apple richiama i MacBook Pro: rischiano di prendere fuoco
Falla zero-day in Firefox, gli hacker la stanno già sfruttando
Libra, la criptovaluta di Facebook, ufficialmente al via con il wallet Calibra
Se anche Sky usa i sottotitoli pirata
Il CERN lascia Microsoft e passa all'open source
VLC, corrette 33 falle grazie alle ricompense UE
Tutti gli Arretrati


web metrics