Le lampadine smart di Philips adesso hanno anche il Bluetooth

La gamma Hue ora può fare a meno dell'hub Hue Bridge.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-07-2019]

hue bluetooth

Fino a oggi, per controllare le lampadine Hue di Philips (delle quali si possono regolare diverse opzioni, come l'intensità e il colore) era necessario possedere un hub Hue Bridge, un apparecchio che funge da centro di controllo.

Adesso, però, l'hub è diventato superfluo: l'ultima incarnazione delle lampadine Hue supporta infatti direttamente il protocollo Bluetooth e pertanto il controllo è possibile direttamente dallo smartphone, tramite l'apposita app.

Da questa è possibile accendere o spegnere ogni lampadina, stabilirne l'intensità d'illuminazione, cambiarne il colore, o anche adottare una delle impostazioni predefinite affinché la luce si adegui all'umore.

Chi possiede già un hub non deve preoccuparsi: le nuove lampadine continuano a essere compatibili; anzi, l'uso di uno Hue Bridge è indispensabile se si vogliono utilizzare ulteriori opzioni.

Le nuove Hue Bluetooth sono disponibili nei formati A19 e R30 nelle versioni bianca, White Ambiance e Colour Ambiance; nel primo caso è possibile regolare solo la luminosità, mentre nel secondo si può agire anche sulla tonalità di luce bianca e nel terzo si può scegliere il colore.

Al momento le lampadine Bluetooth sono in vendita solo negli USA, dove i prezzi vanno dai 14,99 ai 49,99 dollari.

Sondaggio
Dicono che il software è la parte del computer contro la quale è possibile solo imprecare, l'hardware è quella che si può anche prendere a calci. Quale hai preso a calci più frequentemente?
Case e alimentatore
Scheda madre
Processore o CPU
Schede video e audio
Hard disk
Lettori Cd / Dvd
Monitor
Stampanti e scanner
Tastiera e mouse

Mostra i risultati (1397 voti)
Leggi i commenti (9)

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il browser che controlla le lampadine
Come spegnere le luci ''intelligenti'' usando un drone
La smart home di Google adesso supporta i comandi IF ... THEN
Le lampadine intelligenti che escludono quelle della concorrenza
Controllare le luci di casa con Siri dall'iPhone
Le lampadine smart che si controllano in remoto

Commenti all'articolo (4)

Certo che c'è la gente che becca e credo anche più di quella che pensi... :roll:
26-7-2019 18:07

Scusa Gladiator se non quoto ma mi cascano le famose... Per variare l'intensità luminosa sono 40 anni che esistono i potenziometri elettromeccanici costano un c...o, non sono Craccabili (la k mi sembrava ridondante) e non devi cambiare neanche tutti i lampadari di casa. E ci sarà gente che beccherà pure... :roll:
21-7-2019 02:20

Quindi ora di strade per hackerare il sistema ce ne sono addirittura due così si può scegliere la più semplice.. per una cosa poi di utilità assai dubbia a mio giudizio. :roll: Leggi tutto
19-7-2019 18:14

Un ritorno alle origini per cercare di rianimare il defunto consumismo iniziato appunto grazie ad una lampadina Che fantasia! :lol:
15-7-2019 20:38

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'uomo presto ritornerà sulla Luna, ci si prepara all'esplorazione umana di Marte, la stazione spaziale internazionale sta per essere completata. Cosa pensi degli elevati costi che tale tipo di ricerca comporta?
La natura umana ci spinge a conoscere ed esplorare. Non ci sono costi troppo alti quando questi sono gli obiettivi.
L'esplorazione spaziale (come ogni altra forma di ricerca scientifica) ha i suoi costi, ma le ricadute tecnologiche e quindi i benefici di tali investimenti possono essere enormi.
Può certamente essere interessante sapere se qualche millennio fa c'erano forme di vita unicellulare su Marte, ma la Terra e i suoi abitanti hanno problemi ben più seri che necessitano di tutta l'attenzione e i fondi possibili.
Secondo me non siamo neanche stati sulla Luna, quindi...

Mostra i risultati (3798 voti)
Settembre 2019
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Il bug di Windows 10 che tinge di rosso gli screenshot
Antibufala: le foto di raggi spaziali che causano incendi nei boschi
Lo smartphone etico attento alle persone e al pianeta
Storie di hacker, campeggi e libertà
USB 4 è ufficiale e raggiunge i 40 Gbit/s
5 consigli (più uno) per non farsi lasciare a piedi dal PC
La lotta al ransomware procede silenziosa ma con successo
La maledizione dei connettori USB
Agosto 2019
GIMP è un insulto: sviluppatori ribelli fondano il fork Glimpse
Sextortion, il malware che registra davvero chi guarda video a luci rosse
Misteriosa malattia colpisce i fumatori di sigarette elettroniche
L'analisi del sangue che predice quando moriremo
Bug negli iPhone, ritorna il jailbreaking
Tutti gli Arretrati


web metrics