Il designer dell'iPhone (e dell'iMac) lascia Apple

Jonathan Ive se ne va dopo 30 anni.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-06-2019]

ive lascia apple

Se i prodotti Apple hanno quell'aspetto caratteristico, fatto di linee sottili, curve e superfici metalliche, lo si deve a un uomo: Jonathan Ive.

Giunto in Apple nel 1992 (dopo alcuni tempi passati come consulente), è stato tra i protagonisti della rinascita segnata dal ritorno di Steve Jobs nel 1997: a lui il fondatore s'è rivolto per progettare l'aspetto del primo iMac e, in seguito praticamente di tutti i prodotti dell'azienda.

Suoi sono infatti, dal punto di vista del design, l'iPod, l'iPhone, l'iPad, l'iMac Aluminium, il MacBook Air, l'Apple Watch, gli AirPod e altro ancora. Forse il suo nome non sarà conosciuto ai più, ma Apple gli deve buona parte del suo successo.

Il sodalizio tra Ive ed Apple, però, ora s'è rotto: Ive se ne va per fondare una propria azienda che si occuperà di design, la LoveFrom.

Anche se tra i primi clienti di LoveFrom c'è proprio Apple, per la quale - secondo il comunicato ufficiale - continuerà a progettare almeno un paio di nuovi prodotti, la sensazione è che un ciclo si sia chiuso e che questo sia il modo più gentile trovato per far sapere ad Ive che la sua era è finita.

Sondaggio
Hai un'idea nel cassetto e ti piacerebbe aprire una startup per realizzarla. Che cosa ti frena?
Non ho i soldi per farla partire
Il momento economico non è favorevole
Non ho ancora trovato le persone giuste con cui farlo
E' troppo rischioso per me
Non sono sicuro di riuscire a portarlo a termine
Sarebbe troppo complicato, indipendentemente dai soldi
Non mi sento portato a fare l'imprenditore
E' solo un sogno e in realtà non credo che lo farei
Per un altro motivo e cioè...

Mostra i risultati (1339 voti)
Leggi i commenti (6)

In altre parole: la "magia" non c'è più, o così si dice. Negli ultimi tempi i prodotti usciti da Cupertino sono stati apprezzati e comprati, come al solito, ma è stato sempre più difficile riscontrare l'effetto wow che la presentazione di vere e proprie rivoluzioni, quali l'iMac degli anni '90 e l'iPhone, hanno causato.

Per questo si può ipotizzare una decisione, da parte di Apple, di mettere da parte con garbo Jonathan Ive e cercare di battere nuove strade, percorsi che magari non scatenino un'immediata ilarità negli utenti come invece hanno fatto il Mac Pro "a cestino" e il suo erede "a grattugia".

Pubblicamente, le note su cui Ive e l'azienda per cui ha lavorato per circa 30 anni si lasciano sono ovviamente positive: il primo si dice orgoglioso di quanto creato in questi decenni; la seconda gli riconosce un particolare talento e, per bocca del CEO Tim Cook, non vede l'ora di continuare a lavorare secondo il nuovo rapporto.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

Aldo, forse parli del sistema operativo.
7-7-2019 19:05

I cicli prima o poi finiscono, quelli delle persone nelle aziende e quelli delle aziende stesse, in questo caso è finito quello di Ive in Apple, non è escluso che fra un po finisca anche quello di Apple stessa.
6-7-2019 14:32

Apple nel bene e nel male era Jobs e si è visto quando Sculley lo estromise per ripianare i conti perché Jobs oltre a un Dream aveva le mani bucate. I conti stavano tornando in ordine ma Apple come immagine stava affondando e si riprese solo con il ritorno di Jobs. Ora le vie del Signore sono finite. Leggi tutto
2-7-2019 21:32

per me l'ultimo wow è stato per il primo IMac... già gli Ibook colorati non mi sono più piaciuti...
2-7-2019 11:15

{aldo}
il wow lo fa ancora il software. se no useremmo ancora i nokia che erano fighissimi come linea
30-6-2019 19:33

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come vedi il futuro dell'umanità, in ambito scientifico?
Il futuro è nella condivisione delle conoscenze. L'arroganza delle multinazionali nei confronti della proprietà intellettuale è solo il canto del cigno: infatti grazie alle tecnologie il sapere non potrà più essere detenuto da pochi potenti.
Per tutelare ricerche che richiedono investimenti cospicui, la proprietà intellettuale è uno strumento equo e ragionevole. Lo strapotere attuale della grande industria va solo limitato nel tempo ed emendato dagli aspetti più truci.
Lo scenario più probabile è un doppio binario tra scienza proprietaria e open source. La prima coprirà i settori che richiedono investimenti a lungo termine, la seconda quelli in cui la cooperazione raggiunge i risultati migliori.
Il potere si concentra dove c'è il denaro. Volenti, o nolenti, i big dell'economia mondiale si accaparreranno tutte le fonti di conoscenza, e sapranno farle fruttare a dovere, per il bene dell'umanità.

Mostra i risultati (1573 voti)
Agosto 2022
Microsoft avvisa: attenzione all'aggiornamento KB501270
WhatsApp, arriva il blocco degli screenshot
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
E Spot prese il fucile
Gmail, la nuova interfaccia adesso è per tutti
Luglio 2022
Istruzioni per il voto: la busta
Il Tribunale di Milano ordina a Cloudflare di censurare tre siti
Microsoft, un nuovo Windows ogni tre anni
TIM: 9.000 esuberi e un ultimatum al Governo
L'algoritmo che predice i crimini con una settimana d'anticipo
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 20 agosto


web metrics