Come aprire (quasi) qualunque porta: lezioni dagli esperti contro i ciarlatani



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-08-2019]

porta

Troppo spesso chi vende prodotti per la sicurezza vende fumo: vale in informatica, ma anche nella sicurezza fisica. Deviant Ollam, un penetration tester pagato dalle aziende per mettere alla prova le loro difese contro gli accessi indesiderati, presenta in questo video le tecniche esilaranti ma inquietantemente semplici che gli permettono di entrare in qualunque edificio a causa dell'incompetenza e superficialità di chi progetta, installa e gestisce impianti di sicurezza.

Paradossalmente, scassinare la serratura è l'ultima delle opzioni, perché c'è quasi sempre un modo più semplice di far aprire una porta.

Preparatevi a ridere e piangere: le porte automatiche si aprono con una sigaretta o un palloncino e migliaia di auto della polizia americana hanno tutte la stessa chiave che si può comprare in qualunque negozio di ferramenta, e lo stesso vale per gli ascensori. Oltretutto Ollam è un presentatore divertente e appassionante.

Io ora non riesco più a guardare una porta automatica o una porta d'albergo senza notare quanto sarebbe facile aprirla senza chiavi.

Sondaggio
Qual è il tuo approccio nei confronti del navigatore satellitare?
Mi affido al navigatore solo in caso di necessità.
Sono diffidente e non mi baso totalmente sulle indicazioni del dispositivo.
Non mi metto al volante prima di aver acceso il magico schermo.
Non ne ho mai avuto uno.
Preferisco fermarmi a chiedere informazioni ai passanti.
Non mi interessano le indicazioni: in fondo a volte è bello anche basarmi sul mio istinto e nel caso sbagliare strada.

Mostra i risultati (3374 voti)
Leggi i commenti (21)

Per quelli che si chiedono se sia irresponsabile o pericoloso divulgare queste nozioni di vulnerabilità: credete che i ladri non le conoscano già? Gli unici che non le conoscono sono i clienti ingenui che vengono buggerati dai venditori di sistemi fatti con i piedi e venduti senza scrupoli. Guardando questo video saprete quanto è sicura quella porta della vostra camera d'albergo e capirete come proteggervi meglio.

Fonte: BoingBoing.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste tecniche diffusamente utilizzate dagli hacker ti sembra la più pericolosa?
1. Violazione di password deboli: l'80% dei cyberattacchi si basa sulla scelta, da parte dei bersagli, di password deboli, non conformi alle indicazioni per scegliere una password robusta.
2. Attacchi di malware: un link accattivante, una chiave USB infetta, un'applicazione (anche per smartphone) che non è ciò che sembra: sono tutti sistemi che possono installare malware nei PC.
3. Email di phishing: sembrano messaggi provenienti da fonti ufficiali o personali ma i link contenuti portano a siti infetti.
4. Il social engineering è causa del 29% delle violazioni di sicurezza, con perdite per ogni attacco che vanno dai 25.000 ai 100.000 dollari e la sottrazione di dati.
5. Ransomware: quei programmi che "tengono in ostaggio" i dati dell'utente o un sito web finché questi non paga una somma per sbloccarli.

Mostra i risultati (2160 voti)
Febbraio 2020
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Tutti gli Arretrati


web metrics