La scena hacker italiana e il caso Richard Stallman

Cassandra Crossing/ Paura!



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-10-2019]

richard stallman
Richard Stallman

Cassandra, come sua abitudine, ha lasciato decantare una situazione conflittuale prima di scriverne; nel caso della vicenda di Richard Stallman questo intervallo è stato particolarmente lungo, perché speso non solo per chiarirsi le idee, ma anche per utilizzare una dose superiore al normale di introspezione, prudenza ed empatia. Oggettivamente, il fatto può essere descritto in 62 parole [1] in calce a questa pagina.

La "moralità" del trattamento subito da Stallman può essere facilmente valutata da chiunque si soffermi a leggere in maniera critica una notizia, e googli un paio di volte per rintracciare fonti e dettagli.

Le conseguenze a lungo termine del linciaggio mediatico e dell'abbandono di cui Stallman è stato oggetto possono invece essere chiare solo a chi, precedentemente o durante la campagna social-mediatica, si sia preoccupato di informarsi sulla vita e le opere della persona, e sulla sua influenza sul mondo del software, della rete e dei diritti digitali. Ma non è questo il punto.

Non è questo il motivo della costernazione riflessione di Cassandra; è piuttosto l'assordante silenzio che quel centinaio di persone e quella mezza dozzina di associazioni che formano la scena hacker italiana, quasi all'unisono, hanno pubblicamente mantenuto durante l'intera vicenda. È un fatto che prima di tutto addolora, e che poi necessita di una ben attenta ricerca di cause e motivazioni.

Cassandra, gli infaticabili 24 lettori lo sanno bene, ama le spiegazioni complete, specialmente quando sono sintetiche e semplici. E in questo caso ne ha trovato una particolarmente breve. La causa del silenzio di tanti "soliti noti" sulla vicenda di Stallman si riassume in una sola parola: paura.

Paura, giustificata, di argomentare durante una tempesta di odio scatenata sulle comunità sociali, tempesta che non è stata bollata come hate speech ma come politically correct. Paura, giustificata, di inquinare la propria preziosa presenza costruita all'interno dei social, dato che "dei social non si può fare a meno" perché "succede tutto li". Paura di "sporcare" la propria reputazione, difendendo una persona antipatica, spesso inopportuna e talvolta puzzolente, solo perché incolpevole e solo perché vittima di una caccia alle streghe e di un linciaggio.

"Il coraggio uno non se lo può dare", diceva Don Abbondio, chiamato a giustificarsi in una situazione analoga dal cardinale Borromeo. Cosa vera e umanissima, che da un certo punto di vista ci unisce tutti.

Ma, come appunto risponde il cardinale, perché non cercare aiuto, perché non cercare attorno a se la forza di dire la cosa giusta, lottando contro la paura di esserne schiacciati? Perché non scegliere di parlare? Per una forma di autocensura quasi involontaria? Per una naturale spinta alla "sopravvivenza" fisica e digitale? Per tutto questo. Per paura.

[1] Richard Stallman ha espresso, su una mailing list interna del M.I.T la sua opinione personale sul comportamento del suo mentore e amico Marvin Minsky, morto tre anni fa. A chi accusava Minsky di aver avuto rapporti con una delle persone plagiate da Jeffrey Epstein, Stallman ha risposto di ritenere che la persona plagiata da Epstein potesse essere sembrata a Minsky "perfettamente consenziente".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Richard Stallman si dimette da presidente della Free Software Foundation

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 19)

Si, avevo letto qualcosa al riguardo, anche se lessi riguardo la sindrome di Asperger. Questi stati mentali però devono essere valutati da un psicologo o psichiatra. E più di un parere. Un autovalutazione significa ben poco a mio avviso.
22-10-2019 10:21

@Maary79 Stallman stesso è cosciente ed ha ammesso, tempo fa, di essere "borderline autistic"; quindi la sua incapacità di capire alcune dinamiche psicologiche di base è probabilmente dovuta a questa sua condizione e non ad una "colpa". Forse anche la sua genialità e la sua devozione totale alla causa del software... Leggi tutto
21-10-2019 11:07

@badguy Praticamente Stallman è un paladino della libertà, ad ogni costo. :shock: Il brutto è che con queste teste ce ne sono tanti, ragionano come delle macchine, e non tengono conto degli aspetti psicologici che ci contraddistinguono.
21-10-2019 10:51

{raffaele della rosa}
Concordo completamente con la nota di Calamari. Alla quale aggiungo anche la sottolineatura dell'abominevole ipocrisia yankee (e non solo ) per cui difendere, introducendo un dubbio, la memoria di un amico accusato di pedofilia ed abuso sessuale, morto È MOLTO PIÙ GRAVE del lanciare napalm sui bambini o assassinarne i... Leggi tutto
21-10-2019 10:15

Rileggendo l'intervento di Stallman nella mailing list del MIT dopo aver letto le sue tesi sulla pedofilia, quello che ha scritto risulta ancora più disturbante. Magari in altri casi si può parlare di caccia alle streghe, di processi mediatici, di accuse inverificabili lanciate probabilmente per secondi fini o per ottenere notorietà.... Leggi tutto
18-10-2019 12:45

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1250 voti)
Luglio 2020
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Immuni, chiedete e vi sarà dato
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Tutti gli Arretrati


web metrics