Google e i dati degli utenti, la UE avvia una nuova indagine



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-12-2019]

google ue

La Commissione europea non è per niente soddisfatta dell'operato di Google. Nonostante le multe da record inflitte, a Bruxelles sono tuttora convinti che il gigante di Mountain View non la racconti giusta in certi ambiti.

Perciò ha preso il via una nuova indagine sulle «pratiche relative alla raccolta e all'uso dei dati da parte di Google»: ovviamente, i dati in questione sono quelli degli utenti, e il timore è che di essi venga fatta compravendita.

In particolare, la Commissione vuole capire in che modo vengono trattati - ed eventualmente ceduti a terzi - i dati relativi alle ricerche locali, alla pubblicità online e ai servizi di pubblicità mirata, ma anche ai browser e ai login effettuati.

I commissari vogliono conoscere i dettagli degli accordi tra Google e i soggetti terzi con cui vengono scambiati dati, e se ciò venga fatto a pagamento, ma anche quali siano i limiti contrattuali stabiliti per l'utilizzo dei dati stessi.

Inoltre vogliono sapere esattamente di quali tipi di dati Google voglia entrare in possesso, il modo in cui li usa e quanto valore altre aziende attribuiscano loro.

Per ottenere tutte queste informazioni la Commissione ha preparato e distribuito un questionario, a proposito del quale ha preferito però non rilasciare alcun commento; non ha nemmeno voluto indicare a quali aziende esso sia stato consegnato.

Google, dal canto proprio, ha iniziato a rendere nota la propria posizione in merito inviando un'email all'agenzia Reuters, nella quale ha scritto: «Adoperiamo i dati per rendere più utili i nostri servizi e per mostrare pubblicità significative; agli utenti consegniamo gli strumenti necessari per gestire, cancellare o trasferire i loro dati. Continueremo a collaborare con la Commissione e con gli altri su questo tema importante per la nostra attività».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La UE infligge a Google una multa da record per abuso di posizione dominante

Commenti all'articolo (3)

@Undertaker Che Google funzioni benissimo direi sia indubitabile ma solo per il proprio interesse economico in primis, non certo come benefattrice degli utilizzatori dei suoi servizi. Il fatto che la UE si interessi di eventuali pratiche di Google lesive dei diritti degli utenti sarebbe anche positivo se ciò portasse a risultati utili... Leggi tutto
14-12-2019 15:53

Google è una cosa che funziona benissimo, la Ue una cosa che funziona male. Perchè la seconda cosa, non accontentandosi di fare schifo deve anche interferire con l'ottimo operato della prima?
5-12-2019 08:19

{utente anonimo}
Quello che gli utenti, anche relativamente esperti, non capiscono è che le aziende collezionano i dati e poi li interpolano con altri dati provenienti da altre fonti; poi anche se non li rivelano a nessuno (cosa che comunque non è, come sappiamo), li usano "in casa" per le loro profilazioni. E inoltre, altra cosa... Leggi tutto
4-12-2019 17:55

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (397 voti)
Gennaio 2020
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Se i poliziotti vendono nel dark web l'accesso alle telecamere di sicurezza
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Tutti gli Arretrati


web metrics