Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti

L'intero catalogo da oggi è accessibile senza abbonamento, a patto di sopportare un po' di pubblicità.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-12-2019]

plex film serie gratis italia

Per gli amanti dei film e delle serie televisive una nuova possibilità di godere, legalmente e gratuitamente, dei propri contenuti preferiti è ora disponibile, a patto di sopportare un po' di pubblicità.

Plex ha infatti messo a disposizione gratuitamente il proprio catalogo di contenuti a chiunque abbia un account, in cambio della visualizzazione di spot prima e durante la riproduzione.

Per chi non lo conosce, ricordiamo che Plex è nato come lettore multimediale in configurazione client-server partendo dal codice di XBMC, ossia il progetto oggi noto come Kodi.

Nel tempo Plex s'è evoluto sino a diventare non soltanto una soluzione per la riproduzione di video disponibile su una quantità di piattaforme - dalle smart TV ai tablet Android, da Windows alla Xbox e alla Playstation, passando naturalmente per una versione Web - ma anche un'azienda in grado di sottoscrivere accordi con i produttori di film e serie TV da poi distribuire.

Plex, similmente a concorrenti forse più famosi come Netflix, offre infatti un piano ad abbonamento (il Plex Pass, a 4,99 euro mensili) che oltre ai contenuti presenta opzioni come il controllo genitori e la possibilità di registrare le trasmissioni dal vivo.

Il debutto dell'opzione gratuita - previa pubblicità - si affianca a questa offerta, chiaramente senza le opzioni aggiuntive appena citate.

Per iniziare a vedere i contenuti - tra cui ci sono titoli di proprietà di colossi come Warner Bros, MGM o Lionsgate - non serve far altro che registrarsi sul sito di Plex ed eventualmente installare l'app per il proprio dispositivo.

L'unica avvertenza riguarda la lingua in cui film e serie sono disponibili: la maggior parte dei contenuti è soltanto in lingua inglese, sebbene in molti casi l'italiano sia disponibili come opzione per i sottotitoli.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (4)

Non conosco il catalogo ma se la maggior parte dei titoli è in inglese, sia pure con sottotitoli in italiano, no way. In quanto alla pubblicità, le poche volte che mi trovo a guardare un film o qualche episodio di una serie in TV faccio una fatica bestiale a rimanere concentrato e a seguire tutta la trama - specie se un pochino... Leggi tutto
14-12-2019 19:07

{Ruzzolo}
Il catalogo non e' entusiasmante - spero migliori, altrimenti e' piu' o meno quello che hanno su Telenorba.
9-12-2019 15:52

Beh, io userei il portale, se i film fossero però in lingua italiana. La pubblicità non mi spaventa, anche se devo dire che ultimamente mi sono disabitata a quella tipica televisiva.
6-12-2019 19:20

Preferisco pagare un abbonamento e pace. Infatti ho sia Netflix, che Amazon prime. E poi di 'sta pubblicità invasiva non se ne può proprio più.... Ormai è dapertutto...... In TV, per radio, sui cartelloni, per la strda, sugli autobus, nelle cassette delle lettere, al cinema, su internet, ( dopo che paghi 10 euro di biglietto.) sulla... Leggi tutto
6-12-2019 03:12

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual è il maggior svantaggio? (vedi anche i vantaggi)
L'auto di Google è veramente brutta! Più che un auto è un'ovovia.
Ci toglierà il piacere di guidare e la nostra vita sarà un po' più triste.
Avrà un costo non sostenibile per la maggior parte degli utenti.
Ci sarà maggior traffico: con un'auto senza pilota il trasporto privato verrebbe incentivato rispetto al trasporto pubblico.
Il Gps incorporato potrebbe non essere efficiente, costringendoci a fare percorsi più lunghi o più lenti o addirittura non portandoci mai a destinazione.
Ho timori soprattutto per la privacy: le auto di Google potranno collezionare dati su come mi sposto e quando.
In caso di incidente con nessuno al volante, non è chiaro di chi sarà la responsabilità civile. E a chi tocca pagare l'assicurazione? All'utente o a Google? O allo Stato?
Sarà esposta ad attacchi hacker o terroristici: di fatto avremo minore sicurezza sulle strade.
Se il sistema prevede un urto inevitabile, potrebbe trovarsi di fronte a scelte etiche insormontabili. Uccidere un anziano o un bambino? Due uomini o un bambino? Un uomo o una donna? Uscire di strada o urtare altri veicoli o pedoni? Andare addosso a un SUV o a un'utilitaria?
Rispetto alle auto tradizionali impiegheranno troppo tempo ad arrivare a destinazione, non potendo superare i limiti di velocità o fare manovre azzardate.
I tassisti non esisteranno più: già immagino le loro legittime proteste.

Mostra i risultati (1912 voti)
Ottobre 2020
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Windows 10 avvisa l'utente se un SSD sta per morire
Tutti gli Arretrati


web metrics