Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare

BypassESU consente di ricevere patch e correzioni fino al 2023. Ma la sua legalità è molto dubbia.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-12-2019]

windows 7 fine supporto bypassesu

Il prossimo 14 gennaio il supporto a Windows 7 avrà fine: non ci saranno più aggiornamenti di nessun genere, nemmeno per chiudere eventuali, gravi falle di sicurezza, e pertanto continuare a usarlo è un rischio.

Tuttavia, ci sono realtà che non possono ancora affrontare serenamente la transizione che Microsoft consiglia, ossia il passaggio a Windows 10. Per costoro esiste il programma Extended Security Updates, che permette di ricevere patch e correzioni ancora per tre anni.

Chiaramente, per godere di una tale eccezione si paga. Il piano, che è rivolto unicamente alle aziende, prevede costi che vanno dai 25 ai 200 dollari per singola macchina, a seconda della versione di Windows 7 adottata.

Da questo costoso panorama restano esclusi gli utenti privati, che non vi possono accedere a meno di affidarsi a strumenti di dubbia liceità, come il recentemente rilasciato BypassESU.

Ideato dagli utenti di My Digital Life, BypassESU è uno strumento che permette di continuare a ricevere gli aggiornamenti di Windows 7 anche a chi non è iscritto al programma ESU (e dunque non sta pagando Microsoft, e quindi sta facendo qualcosa di illecito).

L'iscrizione a ESU è verificata da Microsoft tramite un apposito codice di licenza, che viene verificato alla prima installazione della funzionalità. Con BypassESU questa verifica viene aggirata, sulla falsariga di come fanno certi programmi in grado di "attivare" Windows aggirando il controllo operato dai server di Microsoft.

Al momento in cui scriviamo, chi l'ha testato giura che il sistema funziona, ma è anche probabile che presto Microsoft metterà mano alla distribuzione degli aggiornamenti di Windows 7 per impedire questa possibilità.

D'altra parte, viene spontaneo paragonare BypassESU al sistema utilizzato dopo la fine del supporto a Windows XP per continuare a ricevere gli aggiornamenti: un piccolo trucco - una modifica al registro - permetteva di far credere a Windows Update che la versione di Windows XP in esecuzione fosse quella denominata embedded POSReady usata per esempio nei bancomat, che era ancora supportata per anni dopo la fine del supporto alla versione desktop, e lo è stato fino alla scorsa primavera.

Microsoft, pur condannando ufficialmente tale pratica, non intervenne davvero per impedirne l'uso, e molti PC con Windows XP hanno continuato a funzionare, godendo del supporto destinato alla versione POSReady, fino a quest'anno. È quindi anche possibile che per BypassESU Microsoft decida di adottare una politica tollerante.

Zeus News sconsiglia decisamente l'uso di metodi la cui legalità non sembra per niente solida, ma ne riporta l'esistenza soltanto a titolo di cronaca. Agli utenti che a oggi ancora usano Windows 7 possiamo solo consigliare di passare a Windows 10 con l'arrivo del nuovo anno, oppure dare una chance a Linux.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 17)

Trattandosi di una pratica molto border line solo parzialmente - e non ufficialmente - accettata da M$ Ŕ ovvio che ci possano essere aspetti imponderabili di incompatibilitÓ tutti a carico dell'utente. Alla fine forse non conviene farci troppo affidamento...
22-11-2020 15:07

Io provai quello disponibile per Windows XP....Mi venne subito una bella schermata blu, di conseguenza, non mi fido....Del resto, se ci pensate, questi aggiornamenti non nascono per pc domestici
17-11-2020 21:04

GiÓ... :roll: Leggi tutto
15-12-2019 18:49

L'ha scritto anche nel suo ultimo libro sull'IoT e non Ŕ preveggente, ha occhiali con lenti spesse ma trasparenti non rosa come molti. Quando aiuti qualcuno scomodo per i padroni del vapore.... diventi scomodo anche tu. Leggi tutto
15-12-2019 18:45

Se provo a fare un quote io del tuo ultimo messaggio funziona perfettamente come vedi... Leggi tutto
15-12-2019 18:32

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual Ŕ il maggior svantaggio? (vedi anche i vantaggi)
L'auto di Google Ŕ veramente brutta! Pi¨ che un auto Ŕ un'ovovia.
Ci toglierÓ il piacere di guidare e la nostra vita sarÓ un po' pi¨ triste.
AvrÓ un costo non sostenibile per la maggior parte degli utenti.
Ci sarÓ maggior traffico: con un'auto senza pilota il trasporto privato verrebbe incentivato rispetto al trasporto pubblico.
Il Gps incorporato potrebbe non essere efficiente, costringendoci a fare percorsi pi¨ lunghi o pi¨ lenti o addirittura non portandoci mai a destinazione.
Ho timori soprattutto per la privacy: le auto di Google potranno collezionare dati su come mi sposto e quando.
In caso di incidente con nessuno al volante, non Ŕ chiaro di chi sarÓ la responsabilitÓ civile. E a chi tocca pagare l'assicurazione? All'utente o a Google? O allo Stato?
SarÓ esposta ad attacchi hacker o terroristici: di fatto avremo minore sicurezza sulle strade.
Se il sistema prevede un urto inevitabile, potrebbe trovarsi di fronte a scelte etiche insormontabili. Uccidere un anziano o un bambino? Due uomini o un bambino? Un uomo o una donna? Uscire di strada o urtare altri veicoli o pedoni? Andare addosso a un SUV o a un'utilitaria?
Rispetto alle auto tradizionali impiegheranno troppo tempo ad arrivare a destinazione, non potendo superare i limiti di velocitÓ o fare manovre azzardate.
I tassisti non esisteranno pi¨: giÓ immagino le loro legittime proteste.

Mostra i risultati (2067 voti)
Settembre 2022
La “tanica di benzina” per le auto elettriche
La strana storia dell'utente HME2 di Arpanet
LibreOffice diventa a pagamento
2022, fuga dall'open source
Dati a spasso nel cloud
Di chi sono i tuoi dati quando muori?
Smartphone, l'UE vuole pezzi di ricambio disponibili per almeno 5 anni
Ex designer di Microsoft demolisce il menu Start di Windows 11
Auto Hyundai “hackerata”
Agosto 2022
Genitori indagati dopo aver mandato foto dei figli ai medici
DuckDuckGo, la protezione delle email è per tutti
Il computer portatile economico che fa a meno del monitor
Microsoft avvisa: attenzione all'aggiornamento KB501270
WhatsApp, arriva il blocco degli screenshot
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 29 settembre


web metrics