Sorpresa, i malware per Mac superano quelli per Windows

Lo rivela l'ultimo rapporto di Malwarebytes.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-02-2020]

malware mac

Tra i vari motivi avanzati dai fan di Apple per preferire un Mac a un computer con Windows c'è la questione della sicurezza: i Mac - viene fatto capire, anche se non detto chiaramente poiché non è vero - sono praticamente immuni da virus.

La realtà è ovviamente un po' più sfumata: il sistema assolutamente sicuro non esiste, come provano i vari malware per Mac che appaiono di tanto in tanto. Vero è, tuttavia, che i software malevoli scritti per la piattaforma di Apple sono in numero molto minore rispetto a quelli scritti per la piattaforma di Microsoft.

Questa, almeno, era la percezione generale sino a oggi. L'ultimo rapporto State of Malware rilasciato da Malwarebytes ci dimostra invece che la situazione reale è drasticamente cambiata negli ultimi mesi.

Nel corso del 2019 è stata infatti rilevata una media di 11 minacce per ogni endpoint Mac, laddove invece la media per Windows è di 5,8 minacce.

Malwarebytes afferma infatti di aver registrato nell'anno scorso una crescita delle minacce per Mac pari a oltre il 400% rispetto al 2018.

L'azienda sostiene che tale, impressionante aumento sia da collegare all'altrettanto importante allargamento della base di utenti: in altre parole, dato che molte più persone adoperano i Mac, ci sono anche più minacce che li interessano.

C'è poi una sostanziale differenza tra i malware che colpiscono Windows e quelli che colpiscono i Mac: i primi sono per lo più "tradizionali" (ransomware, programmi per il furto di dati e via di seguito), mentre i secondi sono rappresentati per lo più da adware e dai cosiddetti Potentially Unwanted Programs (Programmi Potenzialmente Indesiderati).

Nel caso di questi ultimi, per lo più si tratta di applicazioni che promettono di eseguire una "pulizia" del sistema, con nomi relativamente noti quali MacKeeperù e MacBooster tra i più segnalati.

Al di là di questi dettagli, tuttavia, la situazione dipinta da Malwarebytes ci ricorda un dettaglio che tutti dovrebbero avere sempre ben chiaro: un sistema immune al malware non esiste, nemmeno se porta il logo della mela morsicata.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

:clap: :clap: :clap: Leggi tutto
1-4-2020 19:17

Casualmente tutte queste notizie su virus e malware in un momento in cui windows 10 costringe molti utenti a cambiare pc se non vedono altro che #M$ ma dovendo cambiare potrebbero pure sfan... #M$ "Se devo cambiare pc a prescindere perché non comperare un MAC?" (utonto medio) #M$ in quanto a #FUD non lesina :lol:
14-2-2020 12:28

Del resto con gli ultimi aggiornamenti in Winzozz l'adware è già il sistema operativo :twisted: Leggi tutto
12-2-2020 18:10

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
In Islanda, paese protestante con 320.000 abitanti tutti on line, nei mesi scorsi si è molto parlato di una legge che proibisca completamente la pornografia on line (quella stampata è già proibita) attraverso filtri centralizzati. Secondo te...
E' giusto. Anche in Italia si dovrebbe fare lo stesso.
Non è giusto, perché limita la libertà.
E' giusto, ma tanto ci sarà chi riuscirà ugualmente a scaricare materiale pornografico.
Ci sono problemi molto più importanti.
Aumenteranno ancora di più i suicidi e gli alcolizzati

Mostra i risultati (5515 voti)
Febbraio 2024
Flipper Zero non è un gadget per “hackerare tutto”
Windows 11, malfunzionamenti a raffica dopo l'ultimo update
L'attacco informatico con gli spazzolini da denti
Malware di fabbrica nei mini PC venduti su Amazon
Samsung, beccata a barare, la butta sul filosofico
Google dice addio alla cache delle pagine web
LibreOffice 24.2 è pronto per il download
Gennaio 2024
Windows 11, sparisce la barra delle applicazioni
Al posto di Windows 12, un Windows 11 più snello e pieno di IA
IA, clonare le voci per truffare il prossimo è un gioco da ragazzi
No, le auto elettriche non vanno in tilt per il freddo
Errore 0x80070643 in Windows Update: la soluzione è un po' nerd
Rilasciato Scribus 1.6, la soluzione open source per il desktop publishing
Microsoft lancia il tasto Copilot
SSD, prezzi in aumento
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 21 febbraio


web metrics