L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo

Non ha mai sentito parlare di Linux?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-03-2020]

ue sistema operativo

Punta all'autarchia informatica l'Unione Europea o, per lo meno, pensa che dovrebbe farlo il ministro delle finanze finlandese Katri Kulmuni.

Durante un discorso tenuto mercoledì scorso ha infatti affermato che è necessario «rendere il nostro continente meno vulnerabile e ridurre la dipendenza da quelle poche aziende [che forniscono i sistemi informatici più adoperati anche in Europa, NdR]».

«Il rischio maggiore che dovremo affrontare in futuro» - ha spiegato Kulmuni - «è la possibilità di interferenze nemiche tramite la gestione delle reti informatiche e dei dati. I concorrenti statunitensi e cinesi sono più avanti di noi».

Pertanto, l'Europa dovrebbe dotarsi di propri strumenti anziché fare affidamento su quelli sviluppati al di fuori di essa e dei quali - resta sottinteso - non ci si può fidare completamente, non solo per restare alla pari con gli altri Paesi, ma anche per trasformarsi in un «pioniere» nel campo dell'intelligenza artificiale e delle reti mobili di quinta generazione.

«In pratica» - ha spiegato il ministro finlandese - «diventare autosufficienti nel cyber-mondo significa, per esempio, creare un sistema operativo europeo, e anche un browser web».

Viene a questo punto da chiedersi se, dato che la preoccupazione di fondo di Katri Kulmuni pare essere la possibilità che i software esteri contengano codice dannoso per la UE, in Finlandia abbiano mai sentito parlare non solo di open source, ma anche di Linus Torvalds, che dopotutto è nato proprio a Helsinki.

Uno dei vantaggi dell'adozione di un sistema a sorgente aperto, come Linux e i software del Progetto Gnu, è che ciascuno può visionare il codice e accorgersi con relativa rapidità di eventuali modifiche malevole: è già successo in passato che una modifica al kernel, introdotta appositamente per creare una falla, sia stata subito scoperta durante la revisione periodica del codice.

Un sistema operativo europeo - ammesso che sia necessario - potrebbe partire proprio da Linux e contribuire così non solo a rassicurare Katri Kulmuni, ma anche a liberare le amministrazioni pubbliche dalla dipendenza da formati proprietari.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 26)

Tutti i potenti adattano o fanno adattare le leggi ai propri interessi anche in EU, su questo ci sono ben pochi dubbi, sul tema SW probabilmente in EU non ci sono i potenti quindi c'Ŕ poco da adattare le leggi (IMHO).
12-6-2021 14:17

{Giovanni}
Rendere il Continente Europeo meno dipendente dalle poche aziende informatiche esistenti significa puntare all ' autarchia informatica ? In realta' il libero mercato esiste se esiste una varieta' di possibilita'.Ben vengano sistemi operativi e nuove tecnologie sviluppate in Europa, sia libere che proprietarie.Il... Leggi tutto
11-6-2021 07:28

Ma questa, semplicemente, non sa di cosa sta parlando, magari di finanze se ne intende ma di informatica mi sembra proprio di no...
10-4-2020 16:46

OT Certo che voi abboccate alle trollate come i pesci... :P (THAMIEL)
15-3-2020 13:37

:ola: :ola: :ola: Leggi tutto
15-3-2020 11:17

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilitÓ di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttivitÓ e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1298 voti)
Dicembre 2021
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 6 dicembre


web metrics