Mille Mac G5 per fare un supercomputer

Una classifica "Top 500" ci permette di scoprire i più veloci supercomputer al mondo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-01-2004]

La recente classifica "Top 500" compilata da Hans Meuer dell'Università di Mannhein, in Germania, Erich Strohmaier e Horst Simon del NERSC/Lawrence del Laboratorio Nazionale Berkley e da Jack Dongarra dell'Università del Tennessee conferma che il Big Mac di Virginia Tech è il terzo più veloce supercomputer al mondo.

Esso è stato costruito nei laboratori dell'Università con l'utilizzo di mille G5 biprocessore e si colloca dietro all'irragiungibile Earth Simulator di NEC, collocato a Yokohama, in Giappone, e che tocca i 35,86 teraflop e al secondo classificato ASCI Q, realizzato da HP mediante AlphaServer SC e che raggiunge i 13,88 teraflop.

Il supercomputer di Virgina Tech Apple è classificato invece a 10,28 teraflop, mentre, seguendo ancora la classifica Top 500, al quarto posto si trova un sistema Intel basato su Pentium Xeon (9,82 teraflop). Al quinto posto è situato un cluster fondato su Itanium2.

Tutti questi dati insieme indicano che la velocità media dei computer nel mondo sta aumentando vorticosamente, così se fino a sei mesi fa il più lento dei sistemi era di 245,1 gigaflop, oggi è classificato a 403,4 gigaflop. La tipologia regina dei processori è Intel, seguita da quelli PA-RISC di HP e dai Power di IBM.

Una curiosità: ben il 57% del totale dei supercomputer è situato negli Stati Uniti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (3)

darioo
ma come sistema operativo ? Leggi tutto
4-2-2004 14:02

emily
1 Teraflop Leggi tutto
2-2-2004 14:31

Matteo
...quanto è un teraflop? Leggi tutto
2-2-2004 12:44

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilitā di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttivitā e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1251 voti)
Luglio 2020
Iliad diventa operatore di rete fissa
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Immuni, chiedete e vi sarà dato
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Tutti gli Arretrati


web metrics