Lo smartphone 4G con Android 10 più piccolo al mondo

Grande come una carta di credito, Jolly 2 mira a ricreare il successo del predecessore.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-07-2020]

jelly2

C'è stato un tempo, all'inizio dell'era dei cellulari, in cui i produttori sembravano fare a gara per creare il telefonino più piccolo che si fosse mai visto.

Poi sono arrivati gli smartphone, e la tendenza s'è invertita: gli schermi hanno preso a crescere, fino a generare quegli ibridi noti come phablet.

Chi usa uno smartphone soprattutto per telefonare, però, non sa che farsene di un dispositivo grande come un lenzuolo, pur volendo magari un prodotto per nulla ingombrante ma dotato di tecnologie recenti.

A soddisfare questo desiderio pensa Jelly 2 di Unihertz, che si presenta ufficialmente come lo smartphone 4G con Android 10 più piccolo al mondo.

La sua prima versione è stata lanciata nel 2017 e insieme alle sue varianti è stata un successo, specialmente se si considera che il progetto non era supportato da alcun grande produttore ma è nato su Kickstarter: in questi anni oltre 30.000 smartphone Unihertz sono stati venduti in più di 70 Paesi.

Jelly 2, anch'esso figlio di una campagna su Kickstarter (che ha peraltro già superato di gran lunga l'obiettivo prefissato), vuole tentare di ripetere il successo del progenitore.

Grande quanto una carta di credito, pesante 110 grammi e dotato di uno schermo da appena 3 pollici (con risoluzione di 480 x 854 pixel), Jelly 2 offre SoC octa core Helio P60 a 2 GHz accompagnato da 6 Gbyte di RAM e 128 Gbyte di memoria interna.

La fotocamera posteriore vanta un sensore da 16 megapixel, mentre quella anteriore si ferma a 8 megapixel. La batteria è da 2.000 mAh, ossia il doppio rispetto a quella montata sul Jolly 1; la presenza di uno schermo di dimensioni ridotte implica anche che il consumo di energia sia inferiore rispetto agli smartphone tradizionali, in cui il display è proprio uno dei componenti che incidono maggiormente sull'autonomia.

Per quanto riguarda la connettività, sono supportate le reti 4G LTE, WiFi fino a 802.11ac, Bluetooth 4.2 ed è presente il supporto ai sistemi di posizionamento Gps, Glonass e Beidou.

Non manca il jack da 3,5 millimetri (opzione da segnalare, in un periodo in cui molti produttori pensano di poterne fare meno), doppio slot per le Sim, lettore di impronte digitali, chip Nfc, porta Usb Tipo-C, slot per micro SD e supporto allo standard Usb OTG.

Il sistema operativo precaricato, come già detto, è Android 10, ma Unihertz garantisce l'aggiornamento ad Android 11 quando questo sarà reso disponibile.

Al momento in cui scriviamo mancano ancora 28 giorni alla conclusione della campagna su Kickstarter, alla quale si può contribuire con almeno 159 dollari (circa 138 euro): con questa cifra si risparmiano 40 dollari rispetto a quello che sarà il prezzo di vendita, e la spedizione è gratuita in diversi Paesi, Italia compresa.

Le consegne del Jolly 2 sono previste per il mese di dicembre 2020.

jelly2 01

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (2552 voti)
Agosto 2020
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics