Attenzione al virus "tecnico" MyDoom

Il worm usa tecniche di "social engineering" per indurre l'utente a dimenticarsi della normale prudenza: si spaccia per un messaggio tecnico e dice che un messaggio destinato a voi è arrivato danneggiato o codificato in modo anomalo e quindi è contenuto nell'allegato.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-01-2004]

Non lasciatevi ingannare dal titolo dei messaggi intitolati "Test", "Status", "hi", "hello", "Mail Delivery System", "Mail Transaction Failed", "Server Report", "Status Error" o contenenti frasi apparentemente tecniche come queste:
"The message contains Unicode characters and has been sent as a binary attachment"
"Mail transaction failed. Partial message is available"
"The message cannot be represented in 7-bit ASCII encoding and has been sent as a binary attachment"

Non aprite l'allegato e aggiornate il vostro antivirus. Si tratta infatti di un virus (più correttamente di un worm), precisamente Mydoom/Novarg, che si è scatenato il 26/1/2004.

I dettagli del virus/worm sono disponibili presso i siti dei principali produttori di antivirus, ad esempio presso Symantec.

Il worm ha effetto soltanto sulle macchine Windows (e questa non è una novità), con l'eccezione di Windows 3.1. In sé non è particolarmente pericoloso, dato che per infettarsi è necessario aprire l'allegato: se non aprite l'allegato e cancellate il messaggio, siete a posto.

Ma allora come mai la gente si infetta lo stesso a frotte? Non lo sanno anche i muri, ormai, che gli allegati inattesi non si aprono? Evidentemente no, o se lo sanno, se lo dimenticano. Infatti il worm usa le tecniche di "social engineering" descritte qui per indurre l'utente a dimenticarsi della normale prudenza: si spaccia per un messaggio tecnico (quindi sfrutta il principio d'autorevolezza) e dice che un messaggio destinato a voi è arrivato danneggiato o codificato in modo anomalo e quindi è contenuto nell'allegato.

Chi rispetta le regole proposte dal mio Piccolo Dodecalogo di Sicurezza non corre alcun pericolo, perché la Regola 8 dice chiaramente "Non aprite gli allegati non attesi, di qualunque tipo, chiunque ne sia il mittente, e comunque non apriteli subito, anche se l'antivirus li dichiara 'puliti'".

Ricordatevi sempre e comunque di aggiornare il vostro antivirus. L'ho già detto, ma ripeterlo non fa male.

Mi raccomando, non scrivetemi chiedendo istruzioni su come disinfestare il vostro computer. Non posso fare assistenza tecnica a tutti: dovevate pensarci prima, e se non ci avete pensato, vi meritate di pagare qualcuno che vi aiuti a domicilio. I siti antivirus offrono inoltre istruzioni e programmi di ripulitura appositi. Usateli.

Fin qui il worm non è particolarmente anomalo, se non per la sua diffusione spettacolarmente rapida, che dimostra che non occorre creare virus tecnologicamente sofisticati: basta far leva sull'ingenuità degli utenti con qualche classico espediente psicologico.

L'aspetto insolito di questo worm è che fra l'1 e il 12 febbraio 2004 prenderà di mira il sito della SCO, società che ha causato non poche polemiche con la sua dichiarazione (non ancora confermata in tribunale) che Linux contiene codice SCO copiato senza autorizzazione. Lo scopo è evidentemente creare un'orda di computer infetti che a febbraio bombarderanno contemporaneamente il sito SCO, rendendolo inservibile.

L'altra particolarità del worm è che si copia alla directory in cui il programma Kazaa scarica i file ricevuti e si traveste da programma eseguibile, con nomi-civetta come "icq2004-final" e "winamp5", in modo da invogliare altri utenti Kazaa a scaricarlo e quindi infettarsi. Anche qui valgono le regole di sicurezza del Dodecalogo, in particolare la Regola 1: "Installate un buon antivirus, tenetelo costantemente aggiornato e usatelo su tutti i file che ricevete." Sottolineo tutti, compresi quindi i file che scaricate dai circuiti di scambio come Kazaa o WinMX.

Il worm, infine, tenta di aprire una "backdoor", ossia un canale di comunicazione nascosto, sulle porte TCP da 3127 a 3198. In teoria questo consente a un aggressore di collegarsi al computer infetto e usarlo come testa di ponte per accedere ai file che contiene. La backdoor è inoltre in grado di scaricare ed eseguire qualsiasi programma a piacimento dell'aggressore.

Ultima curiosità: come avviene sempre più spesso, il worm ha una data di scadenza. Cesserà infatti di diffondersi il 12 febbraio 2004. Questa scadenza incorporata, e l'assenza di attività distruttive, indicano la nuova tendenza dei creatori di virus: non più vandali che vogliono semplicemente distruggere il contenuto dei PC di vittime prese a caso, ma attenti pianificatori che organizzano un esercito di "zombi digitali" per attaccare il nemico di turno.

Attenti, dunque, a non zombificarvi!

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Commenti all'articolo (1)

Alessandro
un attacco a SCO? Leggi tutto
30-1-2004 12:46

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Per quale servizio collegato a un prodotto per la smart home saresti pi¨ disposto a pagare fino a 15 euro al mese?
Lo scongiurare dei guasti dei prodotti smart, per esempio lavastoviglie, connettendoli ai fabbricanti, in modo da identificarli e anticiparne qualsiasi problema.
Collegamento alla compagnia assicuratrice che interviene in caso di allagamento, intrusione o allarme quando non sono in casa.
Assistenza nella vita di tutti i giorni per gli anziani.
Collegamento dei dati relativi alla salute al medico o al reparto ospedaliero per il monitoraggio dei parametri vitali chiave.
Collegamento alla societÓ di sicurezza che intervenga quando l'allarme si spegne.
Nessuno di questi

Mostra i risultati (968 voti)
Febbraio 2020
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Tutti gli Arretrati


web metrics