Immuni, download in crescita: ecco i numeri ufficiali aggiornati

Quanti hanno davvero scaricato l'app? Pubblicati i numeri ufficiali su download, notifiche e utenti positivi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-10-2020]

immuni numeri download

Immuni, l'app di tracciamento nata con lo scopo di segnalare l'eventuale incontro con persone risultate positive al SARS-CoV-2, è ormai a disposizione da qualche mese.

Sorge a questo punto la curiosità di sapere quanti siano gli italiani che l'hanno scaricata e come quest'app stia lavorando, quanto notifiche abbia inviato e quanti utenti positivi abbia rilevato.

A queste domande risponde il sito ufficiale di Immuni, che ha pubblicato i numeri relativi al funzionamento di questi mesi.

Al primo ottobre, l'app è stata scaricata 6.679.118 volte, ha inviato 5.329 notifiche e ha rilevato 338 utenti positivi.

In base ai dati forniti dal Ministero della Salute, il numero dei download ha peraltro subito un incremento nell'ultimo periodo, fenomeno dovuto forse anche al martellante bollettino di guerra relativo al numero delle persone risultate positive al test che giornali e televisioni quotidianamente rendono note.

Ricordiamo che il rilevamento della vicinanza tra utenti di Immuni avviene tramite il protocollo Bluetooth Low Energy, mentre non vengono adoperate tecnologie che andrebbero a invadere la privacy degli utenti quali il Gps, né sono registrate informazioni sulle identità delle persone.

immuni numeri

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Immuni avviserà i contatti stretti, ok del Garante
Al via il call center di Immuni
Bug in Immuni vanifica l'efficacia dell'app
Immuni e la privacy sottosopra
Se Immuni ti premia... con il test sierologico
Immuni, chiedete e vi sarà dato
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Immuni, abbiamo i sorgenti. E ora?
Immuni, vogliamo la trasparenza

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

Quindi immagino che non avrai uno smartphone con Android per cui non sarebbe installabile in ogni caso a meno che tu abbia uno smartphone Apple. Leggi tutto
30-11-2020 18:28

Ovviamente no perché tutti i tracciamenti sono anonimi. Leggi tutto
30-11-2020 18:21

{Shiba}
Finché avrà bisogno delle porcherie di Google per girare sarà un no secco.
7-10-2020 12:53

Ho visto il servizio delle JENE in cui Golia dice di essere contagiato, ha provato in tutti i modi a segnarlo all'app ma non ci è riuscito, questa applicazione è molto lontana dal funzionare bene.
7-10-2020 12:48

{franco}
ma tutti questi infetti rilevati non dovrebbero essere in quarantena ? a casa ? non uscire ? quindi l'app serve a smascherare e a multare chi se ne frega di essere infetto ? magari !
7-10-2020 09:16

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (2676 voti)
Ottobre 2021
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Pesa di più una chiavetta USB piena di dati o una vuota?
Settembre 2021
iPhone 14: un progetto completamente nuovo
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 24 ottobre


web metrics