Rocky Linux, c'è una data per il rilascio

Gli sviluppatori hanno svelato quando il successore di CentOS sarò pronto.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-01-2021]

centos rocky linux

Appena poche settimane fa, Rocky Linux era solo un'idea, la promessa di un degno successore di CentOS dopo la decisione di RedHat di cambiare la natura della popolare distribuzione Linux per i server.

Ora invece c'è, se non una data, almeno un periodo indicativo per il rilascio: il secondo trimestre del 2021, stando a quanto indicato sul sito ufficiale nell'ultimo aggiornamento.

Se i piani di sviluppo saranno rispettati, quindi, Rocky Linux sarà pronta a sostituire le attuali installazioni di CentOS con anticipo rispetto alla data di dismissione di quest'ultima.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Campagna malware ancora in corso colpisce Linux, soprattutto in Italia
CentOS, c'è un successore
Addio a CentOS Linux, apprezzata distribuzione per server
Vivaldi 3.3 mette in pausa Internet
Linus Torvalds è preoccupato per il futuro di Linux
Windows 10 perde utenti, Ubuntu li moltiplica
Linux risolve il bug del 2038
Se Linux ha più falle di Windows

Commenti all'articolo (2)

Basta ricompilare i sorgenti, togliere i trademarks e fare un po' di grafica. Non è un'impresa titanica. :wink:
10-1-2021 08:46

Molto più rapidi di quanto ci si potesse aspettare quindi, sempre che la data venga rispettata.
7-1-2021 14:40

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (2693 voti)
Gennaio 2022
Iliad e Vodafone, fusione in vista
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 27 gennaio


web metrics