Yahoo Italia sciopera

I dipendenti di Yahoo Italia sono in agitazione: c'è stato il licenziamento di una dipendente che ha rifiutato il trasferimento a Londra e si parla di possibile chiusura della filiale italiana, anche se Yahoo Italia smentisce.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-02-2004]

Tutti conoscono Yahoo e la sua filiale italiana, ma pochissimi sanno che è in corso un'agitazione sindacale, che ha visto il 6 febbraio scendere in sciopero i dipendenti di Yahoo, contro il licenziamento di una loro collega, che aveva rifiutato il trasferimento a Londra, poco conveniente dal punto di vista economico.

La preoccupazione dei lavoratori Yahoo è forte e riguarda il moltiplicarsi delle voci su una possibile e imminente chiusura di Yahoo Italia; attualmente Yaho offre la connessione Adsl di Tin.it e potrebbe affidare completamente i suoi servizi in italiano al Gruppo Telecom Italia in un quadro di partnership strategica.

Quello che è certo è che, per ora, Yahoo rifiuta di confrontarsi sul piano di ristrutturazioni con i Sindacati e la rappresentanza interna dei lavoratori.

Aggiornamento

Ci scrive Rosella Migliavacca, Direttore Comunicazione e Relazioni Esterne Yahoo! Italia:

"Vero è che la legittima agitazione sindacale in corso è stata motivata dal licenziamento di una dipendente che, a seguito della ordinaria riorganizzazione interna di una realtà multinazionale, ha ritenuto opportuno rifiutare il trasferimento a Londra offerto dall'azienda. Del tutto prive di fondamento sono invece tutte le considerazioni riguardanti ipotesi sul futuro della sede italiana di Yahoo! o di partnership possibili".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (4)

daniele
bello ma: Leggi tutto
26-3-2004 12:18

Venk
che signora! bis Leggi tutto
10-3-2004 13:55

Sebastiano
Farebbe piacere... Leggi tutto
2-3-2004 17:20

max
che signora! Leggi tutto
27-2-2004 09:25

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
In Parlamento una proposta di legge vorrebbe obbligare i nuovi esercizi pubblici (ristoranti, negozi e via dicendo) a mettere a disposizione gratis degli utenti la possibilitÓ di navigare col Wi-Fi in Internet. Secondo te...
╚ una novitÓ giusta e moderna.
╚ un obbligo (costoso) in pi¨, da evitare.
Ottimo, ma si dovrebbero prevedere degli sconti fiscali per l'esercente.
La connessione sarÓ lenta, e poi con gli smartphone il Wi-Fi chi lo usa oggi?
Non mi interessa.
Non saprei.

Mostra i risultati (2769 voti)
Maggio 2024
Imparare l'hacking
Il passaporto elettronico si farà alle Poste, anche nei comuni più grandi
Google infila la IA dappertutto
Il reddito universale di base secondo OpenAI
Windows 11 24H2 cripta tutti i drive all'insaputa dell'utente
L'app per snellire Windows 11 rimuove anche la pubblicità
Netflix, utenti obbligati a passare agli abbonamenti più costosi
Aprile 2024
La fine del mondo, di silicio
Enel nel mirino dell'Antitrust per le bollette esagerate
TIM, altre ''rimodulazioni'' in arrivo
L'algoritmo di ricarica che raddoppia la vita utile delle batterie
Hype e Banca Sella, disservizi a profusione
Falla nei NAS D-Link, ma la patch non arriverà mai
La navigazione in incognito non è in incognito
Le tre stimmate della posta elettronica
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 28 maggio


web metrics